Omicron ha cambiato la forma dell’epidemia. Scadrà per sempre?

“I livelli di ansia per Omicron tendono ad essere inferiori rispetto alle variabili precedenti”, ha detto alla CNN Simon Williams, ricercatore in atteggiamenti e comportamenti pubblici nei confronti del Covid-19 presso la Swansea University. Per molti, il “fattore paura Covid” è inferiore, ha affermato.

Ma alcuni all’interno della comunità scientifica sono cautamente ottimisti sul fatto che Omicron possa essere l’ultimo atto di una pandemia, fornendo a vaste aree del mondo uno “strato di immunità”, avvicinandoci a una fase endemica in cui il Covid-19 è simile a quello stagionale malattie come raffreddore o influenza.

“La mia opinione è che sia diventata un’epidemia e rimarrà endemica per qualche tempo, come ha fatto con altri coronavirus”, ha affermato David Heyman, professore di epidemiologia delle malattie infettive presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine.

“Tutti i virus stanno cercando di diventare endemici e questo virus mi sembra funzionare”, ha detto.

Il Covid-19 si è evoluto con enorme imprevedibilità e l’alternativa che ha sostituito Delta potrebbe essere ancora più sinistra, affermano gli esperti; Ma il mondo ha finalmente ottenuto un ceppo dominante che travolge facilmente la popolazione, senza causare lo stesso grado di ospedalizzazione, malattie gravi e morte delle varianti precedenti.

Gli esperti avvertono che potrebbero esserci battute d’arresto lungo la strada: proprio come il trucco di Omicron era inaspettato, la prossima alternativa potrebbe presentare rischi più gravi per la salute pubblica e ritardare la fine della pandemia.

E molti paesi, soprattutto dove la copertura vaccinale è bassa, potrebbero ancora affrontare ospedali sovraffollati a causa dell’attuale ondata di Omicron.

Ma c’è un’urgenza politica emergente in gran parte dell’Occidente per riportare le società a un senso di normalità, con la transizione di Omicron che costringe i leader a scegliere tra annullare le misure di salute pubblica o vedere la loro forza lavoro e le loro economie rischiare la chiusura.

Per la prima volta da quando la diffusione del Covid-19 ha sbalordito il mondo all’inizio del 2020, alcuni epidemiologi e leader sono disposti a considerare la possibilità che il virus possa compiere passi verso uno stato endemico.

‘Le regole del gioco sono cambiate’

La domanda che gli scienziati e la comunità più ampia dovranno affrontare nel corso del 2022 è quando il Covid-19 lascerà la sua fase attuale ed entrerà in una fase endemica.

Una malattia endemica è una presenza permanente nella popolazione, ma non colpisce un numero allarmante di persone o sconvolge la società, come è normale in una pandemia.

Gli esperti non si aspettano che il Covid scompaia completamente in nessun momento della nostra vita. Invece, alla fine raggiungerà un periodo simile a molte altre malattie, in cui “la maggior parte delle persone verrà infettata da bambini, probabilmente più volte, e man mano che queste infezioni si accumulano, sviluppano l’immunità”, secondo Mark Woolhouse, professore di malattie infettive epidemiologia della malattia presso l’Università di Edimburgo e autore di About the early stage of the epidemic.

READ  Lanciato per la prima volta il razzo SpaceX Super Heavy

“Questa è la situazione verso cui ci stiamo dirigendo”, ha detto. “Omicron è un’altra dose del virus. In media, avremo meno probabilità di ammalarci dopo aver assunto quella dose o dopo aver ricevuto il vaccino”.

Ecco perché è fondamentale ridurre la gravità di Omicron: aggiunge un ulteriore livello di immunità, ma non comporta gli stessi rischi di ricovero che il Covid-19 ha tenuto per la maggior parte dell’ultimo anno. Omicron legato da terzi Ridurre i rischi di ospedalizzazione Rispetto ai delta, secondo uno studio scozzese. Un quotidiano sudafricano separato ha messo la stessa cifra all’80%.

“Ora più della metà del mondo è stata esposta in una certa misura al virus o al vaccino”, ha affermato Woolhouse. “Le regole del gioco sono cambiate dal punto di vista del virus”.

Le maschere sono obbligatorie sui trasporti pubblici in Russia.

E la certezza della fiducia degli esperti è storia: sebbene confrontare lo scenario attuale con le pandemie passate non sia una scienza esatta, ci sono prove dal passato che ci si aspetta che i virus si evolvano in versioni meno gravi e alla fine scompaiano nell’arsenale di raffreddori annuali e influenza.

“Ci sono altri quattro coronavirus che sono diventati endemici”, ha detto Heymann. Ha aggiunto che la “storia naturale dell’infezione” indica che il Covid-19 sarà il quinto.

Riferendosi allo scoppio del virus Corona tra il 1889 e il 1890, che si stima abbia ucciso circa un milione di persone, ha aggiunto Woolhouse, il comune raffreddore.

“L’influenza spagnola ha dato al mondo intero una pessima dose del virus dell’influenza H1N1” nel 1918, ha detto. Ora, “abbiamo un’ondata di questo virus praticamente ogni anno”.

Gli esperti generalmente concordano sul fatto che Omicron ci stia avvicinando a quel punto con Covid-19. Ma c’è un grande avvertimento su quanto velocemente arriveremo – e non dipende dalla razza attuale, ma dalla prossima.

Il cantante folk ceco muore a causa del vaccino contro il coronavirus dopo aver contratto deliberatamente il Covid-19, dice suo figlio

Lo ha detto lunedì il dottor Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive.

“Spero che lo sia”, ha detto Fauci all’Agenda di Davos, un ipotetico evento organizzato dal World Economic Forum questa settimana, riflettendo il cauto ottimismo espresso da molti epidemiologi. Ha aggiunto che lo scienziato è stato “fortunato” che Omicron non condividesse più proprietà delta.

Ma con tutti i segnali positivi, Woolhouse ha detto: “Non significa che una nuova alternativa non emergerà e ci costringerà a fare marcia indietro”.

“Non voglio parlare di dove sta andando la prossima (alternativa)”, ha aggiunto. La prossima variante deve superare l’Omicron e la cosa principale che deve essere in grado di fare è eludere l’immunità naturale ed eludere il vaccino, ha detto, “non ha mai indotto l’immunità. Quello che non possiamo dire in anticipo è quanto sarebbe grave essere.”

Una corsa agli armamenti verso l’insediamento

Epidemiologicamente, Omicron ha fornito alcuni motivi di ottimismo, ma molto dipende da come si sviluppa il virus da qui.

READ  Lo studio CDC ha scoperto che la variante delta è associata ad un aumentato rischio di natimortalità

Tuttavia, le epidemie non si muovono solo con i capricci del virus; Sono anche guidati dal comportamento umano e dalle azioni politiche. Con l’avvicinarsi del secondo anniversario dell’epidemia a marzo, iniziano ad apparire i segni di una corsa agli armamenti verso l’epidemia.

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, che ha presieduto uno dei programmi di vaccinazione più efficaci in Occidente, ha detto alla radio Cadena Ser all’inizio di questo mese che era giunto il momento di “valutare l’evoluzione del Covid da una pandemia a una malattia endemica”. E il suo ministro della salute ha affermato di aver presentato questo punto di vista ai suoi colleghi leader dell’Unione europea.

Il ministro dell’Istruzione britannico Nadim Zahawi, che in precedenza ha supervisionato il lancio di un vaccino nel Regno Unito, ha aggiunto a Sky News che voleva che il Regno Unito “dimostrasse al mondo come passare dalla pandemia all’endemico”.

Le ultime notizie sulla pandemia di coronavirus e sulla variante Omicron

E quella mossa è già in atto in paesi come la Danimarca, dove le regole del Covid sono state abbandonate e poi reintrodotte l’anno scorso. Tyra Grove Krause, un funzionario del Serum Statins Institute (SSI) che si occupa di malattie infettive nel paese, ha detto questo mese alla TV2 locale che Omicron potrebbe “sollevarci” dalla pandemia e riportare i danesi alla vita normale entro due mesi.

“Quei governi che hanno raggiunto un alto grado di immunità della popolazione attraverso il privilegio della vaccinazione o l’onere dell’infezione ora hanno una gamma più ampia di opzioni rispetto all’inizio del 2021”, ha affermato Thomas Hill, professore associato presso la Blavatnik School dell’Università di Oxford . Il governo e il suo leader accademico Covid-19 Tieni traccia della risposta del governo.

Molti paesi stanno iniziando a comportarsi come se il Covid fosse già endemico. L’Inghilterra ha resistito alle nuove restrizioni nonostante il numero di infezioni da record nelle ultime settimane e, nonostante l’aumento dei ricoveri e dei decessi ospedalieri, il settore sanitario sembra essere sopravvissuto al picco dell’onda Omicron senza registrare gli alti tassi di ricovero osservati durante le variabili precedenti.

Un volontario attira i cuori sul National Coronavirus Memorial Wall del Regno Unito.

I primi esempi del mondo reale come questi possono dare ad altri paesi la fiducia necessaria per rimuovere le restrizioni e, come ha suggerito questo mese il primo ministro britannico Boris Johnson, “superare” l’onda Omicron. “Molti paesi hanno guardato al Regno Unito, perché vedono il Regno Unito come dotato di un certo grado di tolleranza” nelle restrizioni, ha detto Heyman.

Questo approccio divenne presto sempre più popolare. Gli aiuti finanziari legati al Covid in Francia cesseranno non appena le restrizioni si saranno allentate; Annunciamo [to people in France] Il primo ministro francese Jean Castix ha annunciato giovedì che la pandemia potrebbe essere alle nostre spalle entro metà febbraio.

READ  Una coppia della Virginia non vaccinata muore di coronavirus, lasciando cinque figli

Questa spinta è guidata dall’impatto devastante che Omicron sta avendo sulla forza lavoro principale, uno sviluppo che ha cambiato il calcolo dei governi. Di fronte al dilemma di affrontare la trasmissione o di mantenere in funzione i loro paesi, i leader si sono mossi rapidamente per ridurre i periodi di isolamento.

“Chiaramente togliere le persone dalla forza lavoro, in particolare dalle scuole e dall’assistenza sanitaria, è uno degli effetti costosi” di Omicron, ha affermato Hill. “Naturalmente è meglio prevenire la trasmissione su larga scala in primo luogo, anche se in molti paesi che ora si trovano ad affrontare Omicron questo punto è ora controverso”.

Ciò significa che un numero crescente di paesi sta cercando di “passare la valutazione del rischio alla propria popolazione” — allentando le regole e incoraggiando l’autotest, le decisioni personali sull’indossare le mascherine e persino le valutazioni individuali tra le persone infette per vedere quanto tempo ci vuole, Heymann disse. Hanno bisogno di solitudine.

Molti esperti incoraggiano ancora le restrizioni per ridurre la trasmissione, almeno mentre l’onda Omicron è con noi. Ma Williams ha notato che i residenti si stanno allontanando sempre più da quel punto di vista.

Quando eseguire una PCR rispetto a un test antigenico rapido

“Il modo in cui Omicron è stato rappresentato in alcuni resoconti dei media, e anche indirettamente da alcuni politici – che sono stati un po’ più veloci nell’enfatizzare il messaggio ‘dobbiamo imparare a conviverci’ – ha contribuito a questa visione ormai diffusa secondo cui Omicron è meno eccitante. preoccuparsi.”

Molti avvertono che il problema di questo approccio è che alcune parti del mondo sono meno in grado di adottare un approccio confortevole.

“Per definizione, un’epidemia non finisce finché non sarà finita, per tutti e ovunque”, ha detto Williams. “La nostra attenzione deve ora essere sempre più concentrata sull’ottenere abbastanza vaccini per coloro che vivono nei paesi a basso e medio reddito”.

La copertura vaccinale è più bassa in molte regioni più povere del mondo, in particolare nell’Europa orientale, nell’Asia centrale e in gran parte dell’Africa, rendendo quei luoghi particolarmente vulnerabili all’ansia da nuove varianti o ondate di ospedalizzazione più aggressive.

“L’epidemia ha diverse componenti in diversi paesi”, ha detto Heymann. “Penso che i paesi diventeranno endemici a ritmi diversi”.

Ciò aggiunge un ulteriore livello di incertezza alla domanda se Omicron accelererà la fine della pandemia.

“I sistemi sanitari di tutto il mondo devono essere consapevoli” dei rischi del Covid anche se inizia rapidamente a comportarsi come un raffreddore stagionale, ha affermato Woolhouse.

“Il mondo è cambiato: c’è un nuovo agente patogeno umano e continuerà a causare malattie nel prossimo futuro”, ha concluso. “Vivremmo sempre con il Covid. Non andrà mai via – lo sappiamo da febbraio 2020”.

“Quello che non sapevamo, e ancora non lo sappiamo completamente, è esattamente come appare”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post I migliori ristoranti locali del Michigan: Il ristorante italiano di Fred serve pizza e pasta in un ambiente amichevole
Next Post Arnold Schwarzenegger coinvolto in un incidente con più veicoli