Omicron e più chiusure e altri importanti rischi economici per il 2022

La variante omicron di Covid-19 sembra essere più contagiosa dei suoi predecessori.

Nuova Delhi: Gli anni del Covid sono pieni di previsioni che non hanno funzionato. Per chiunque guardi al 2022, questo dovrebbe essere sufficiente per fermarsi.

La maggior parte dei meteorologi, tra cui Bloomberg Economics, ha come base una forte ripresa con prezzi più bassi e un allontanamento dalle impostazioni di politica monetaria di emergenza. Cosa può andare storto? Abbondanza.

Omicron, inflazione piatta, rialzo della Fed, Evergrande in Cina, crollo di Taiwan, crisi dei mercati emergenti, hard Brexit, la nuova crisi dell’euro, aumento dei prezzi del cibo in Medio Oriente: tutto questo appare nella galleria dei rischi dei truffatori.

Alcune cose potrebbero anche andare meglio del previsto, ovviamente. I governi possono decidere di mantenere in vigore il sostegno finanziario. L’ultimo piano quinquennale della Cina potrebbe stimolare un aumento degli investimenti. I risparmi pandemici possono finanziare massicce spese globali.

Omicron e più assicurazioni

È troppo presto per dare un giudizio definitivo sulla variante omicron del Covid-19. Sembra essere più contagioso dei suoi predecessori e potrebbe anche essere meno mortale. Ciò aiuterebbe il mondo a tornare a qualcosa di simile alla normalità pre-pandemia, il che significa spendere più soldi per i servizi. I blocchi e gli avvisi di Covid hanno tenuto le persone fuori da palestre o ristoranti, ad esempio, e le hanno incoraggiate a comprare invece più cose. Il riequilibrio della spesa potrebbe portare la crescita globale al 5,1% dalla previsione di base del 4,7% di Bloomberg Economics.

k1ih414o

Ma potremmo non essere così fortunati. Un’alternativa più contagiosa e mortale paralizzerebbe le economie. Anche un ritorno di tre mesi alle restrizioni più dure del 2021 – paesi come il Regno Unito si sono già mossi in quella direzione – potrebbe vedere la crescita nel 2022 rallentare al 4,2%.

In questo scenario, la domanda sarà più debole ed è probabile che i problemi di offerta globale persistano, con i lavoratori allontanati dai mercati del lavoro e ulteriori crisi logistiche. Già questo mese la città cinese di Ningbo, sede di uno dei porti più trafficati del mondo, ha visto nuove chiusure.

rischio di inflazione

All’inizio del 2021, gli Stati Uniti avrebbero dovuto chiudere l’anno con un’inflazione del 2%. Invece si avvicina al 7%. Nel 2022, ancora una volta, il consenso prevede che l’inflazione generale finisca vicino ai livelli target. Potrebbe esserci un altro grosso errore.

k6o53jr8

Omicron è solo una possibile causa. I salari, che stanno già aumentando a ritmo sostenuto negli Stati Uniti, potrebbero salire ancora. Le tensioni tra Russia e Ucraina potrebbero portare a un aumento dei prezzi del gas. Con il cambiamento climatico che porta eventi meteorologici più devastanti, i prezzi dei generi alimentari potrebbero continuare a salire.

READ  L'Unione Europea potrebbe risentire della crisi della "Covid economica protratta" che colpisce Italia e Grecia | Il mondo | notizia

Non tutti i rischi sono nella stessa direzione. Una nuova ondata di virus potrebbe colpire, ad esempio, i viaggi, facendo scendere i prezzi del petrolio. Tuttavia, l’effetto combinato potrebbe ancora essere uno shock inflazionistico combinato con la stagflazione che lascia la Fed e le altre banche centrali senza risposte facili.

Powell J sull’aumento dei tassi della Fed

La storia recente, dalla crisi di nervi nel 2013 alla svendita delle azioni nel 2018, mostra come l’inasprimento della Fed stia causando problemi ai mercati.

In aggiunta ai rischi questa volta, i prezzi degli asset sono già alti. L’S&P 500 si sta avvicinando al territorio della bolla e l’accelerazione dei prezzi delle case lontano dagli affitti suggerisce che i rischi del mercato immobiliare sono maggiori che in qualsiasi momento dalla crisi dei subprime del 2007.

Bloomberg Economics ha modellato cosa succede se la Fed fa tre aumenti nel 2022 e ha indicato che manterrà fino a quando i tassi non raggiungeranno il 2,5%, spingendo più in alto i rendimenti dei Treasury e più ampiamente lo spread del credito. Il risultato: una recessione all’inizio del 2023.

La Fed e i mercati emergenti decollano

Un rialzo della Fed potrebbe significare un atterraggio duro per i mercati emergenti. Gli alti tassi di interesse statunitensi di solito fanno aumentare il dollaro e portano a deflussi di capitali – e talvolta crisi valutarie – nelle economie in via di sviluppo.

Alcuni sono più a rischio di altri. Nel 2013 e nel 2018, Argentina, Sudafrica e Turchia hanno sofferto di più. Aggiungi Brasile ed Egitto – chiamati BEAST – per un elenco di cinque economie a rischio nel 2022, sulla base di una serie di misure compilate da Bloomberg Economics.

dd29go2g

Arabia Saudita, Russia e Taiwan, con poco debito e saldi saldi di conto corrente forti, sembrano avere la minore esposizione alla fuga di capitali nel mondo emergente.

La Cina può colpire la Grande Muraglia

Nel terzo trimestre del 2021, l’economia cinese è in stallo. Il peso cumulativo del crollo delle proprietà di Evergrande, i frequenti arresti a causa del Covid e le interruzioni di corrente hanno ridotto la crescita economica annuale allo 0,8%, ben al di sotto del ritmo del 6% a cui il mondo è abituato.

q79grboo

Mentre la crisi energetica dovrebbe attenuarsi nel 2022, gli altri due problemi potrebbero non essere risolti. La strategia zero-Covid di Pechino potrebbe significare chiusure di tipo omicron. Con una domanda debole e un finanziamento limitato, la costruzione di immobili, che guida circa il 25% dell’economia cinese, potrebbe diminuire ulteriormente.

Il caso di base per Bloomberg Economics è che la Cina cresca del 5,7% nel 2022. Un rallentamento al 3% manderebbe ondate in tutto il mondo, lasciando gli esportatori di materie prime a corto di acquirenti e potenzialmente facendo deragliare i piani della Fed, proprio come il crollo delle azioni cinesi nel 2015 .

READ  Suning dovrebbe vendere l'Inter per il club, secondo i media italiani

Disordini politici in Europa

La solidarietà tra i leader che sostengono il progetto europeo e l’attività della Banca centrale europea per tenere sotto controllo i costi del debito pubblico hanno aiutato l’Europa a superare la crisi di Covid. L’anno prossimo, entrambi potrebbero svanire.

Una lotta per la presidenza italiana a gennaio potrebbe capovolgere la fragile alleanza di Roma. La Francia si reca alle urne ad aprile, mentre il presidente Emmanuel Macron affronta le sfide della destra. Se gli euroscettici acquistano forza nelle principali economie del blocco, potrebbe infrangere la calma nei mercati obbligazionari europei e privare la Banca centrale europea del sostegno politico necessario per rispondere.

Supponiamo che gli spread sovrani si siano ampliati di 300 punti base, come è avvenuto nella crisi del debito dell’ultimo decennio. Il modello di Bloomberg Economics mostra che potrebbe tagliare più del 4% della produzione economica entro la fine del 2022, mandando l’eurozona in recessione e ravvivando le preoccupazioni sulla sua redditività.

Sentire l’impatto dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea

I negoziati tra il Regno Unito e l’UE sul protocollo dell’Irlanda del Nord – un tentativo fallito di consolidare un servizio di frontiera terrestre aperto e un’unione doganale chiusa – inizieranno fino al 2022. Ottenere il “sì” sarà difficile.

Cosa succede se le trattative falliscono? Sulla base delle precedenti turbolenze sulla Brexit, l’incertezza colpirà gli investimenti delle imprese e minerà la sterlina, facendo aumentare l’inflazione ed erodendo il reddito reale.

In una guerra commerciale totale, le tariffe e una crisi dei trasporti potrebbero far aumentare i prezzi.

Il futuro della politica fiscale

I governi hanno speso molto per sostenere i lavoratori e le imprese in questa pandemia. Molti ora vogliono stringere la cinghia. Il calo della spesa pubblica nel 2022 ammonterà a circa il 2,5% del PIL mondiale, circa cinque volte le misure di austerità che hanno rallentato la ripresa dopo la crisi del 2008, secondo le stime di UBS.

g4ufe1ng

Ci sono eccezioni. Il nuovo governo giapponese ha annunciato un altro stimolo record e le autorità cinesi hanno segnalato un cambiamento a sostegno dell’economia dopo un lungo periodo di riduzione dei vincoli fiscali.

Secondo la Brookings Institution, negli Stati Uniti la politica fiscale è passata dal rilancio dell’economia al rallentamento nel secondo trimestre del 2021. Questo è destinato a continuare l’anno prossimo, anche se i piani di investimento per l’infanzia e l’energia pulita del presidente Joe Biden ridurranno l’onere se riusciranno a superare il Congresso.

Prezzi del cibo e tumulto

READ  Le interruzioni dell'offerta hanno ridotto gli ordini industriali tedeschi ad aprile

La fame è un motore storico di disordini sociali. La combinazione degli effetti del Covid e del maltempo ha spinto i prezzi alimentari globali vicino a livelli record e potrebbe mantenerli alti il ​​prossimo anno.

Il recente shock dei prezzi alimentari nel 2011 ha innescato un’ondata di proteste popolari, in particolare in Medio Oriente. Molti paesi della regione sono ancora esposti.

5t6nm2mo

Sudan, Yemen e Libano, già sotto pressione, sembrano tutti vulnerabili oggi almeno quanto lo erano nel 2011, e alcuni sono ancora più fragili. L’Egitto è solo marginalmente ricco.

Le rivolte popolari sono raramente eventi locali. Il rischio di una più ampia instabilità regionale è reale.

politico, geografico o locale

Qualsiasi escalation tra la Cina continentale e Taiwan, dal blocco all’invasione totale, potrebbe attirare altre potenze globali, inclusi gli Stati Uniti.

Una grande guerra di potere è la peggiore, ma gli scenari che non ce la fanno includono sanzioni che congelerebbero le relazioni tra le due maggiori economie del mondo e il crollo della produzione di semiconduttori di Taiwan, essenziali per la produzione globale di tutto, dagli smartphone alle automobili.

Altrove, il Brasile dovrebbe tenere le elezioni in ottobre, sullo sfondo delle turbolenze pandemiche e di un’economia ancora stagnante. Molto potrebbe andare storto, anche se la vittoria di un candidato che promette di rafforzare il controllo delle finanze pubbliche potrebbe portare un po’ di sollievo alla realtà.

In Turchia, l’opposizione sta premendo per portare le elezioni del 2023 all’anno prossimo, nel mezzo di un calo valutario ampiamente attribuito alle politiche economiche non convenzionali del presidente Recep Tayyip Erdogan.

dp797h7

Cosa potrebbe succedere nel 2022?

Non tutti i rischi sono al ribasso. La politica di bilancio degli Stati Uniti, ad esempio, potrebbe rimanere più espansiva di quanto sembri ora probabile, tenendo l’economia lontana dall’orlo finanziario e stimolando la crescita.

A livello globale, le famiglie stanno guadagnando trilioni di dollari di risparmi in eccesso, grazie allo stimolo della pandemia e alle economie forzate durante il blocco. Se questo viene speso più velocemente del previsto, la crescita accelererà.

In Cina, gli investimenti in energia verde e alloggi a prezzi accessibili, già previsti nel 14° Piano quinquennale del Paese, possono dare impulso agli investimenti. Un nuovo accordo commerciale asiatico, il Regional Comprehensive Economic Partnership, che ospita 2,3 miliardi di persone e il 30% del PIL mondiale, potrebbe dare impulso alle esportazioni.

Nel 2020, le economie pandemiche sono state peggiori di quanto qualsiasi economista avrebbe potuto prevedere. Ma questo non era vero nel 2021: in molti paesi i recuperi sono stati sorprendentemente rapidi. Questo è un utile promemoria che alcune cose possono andare bene anche nel prossimo anno.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Big Sean: Quello che Kanye West ha detto in “Drink Champs” era “B*tch Ass Sh*t”
Next Post Leicester vs Tottenham: calcio d’inizio, pronostico, TV, live streaming, risultati h2h, notizie sulla squadra per la Premier League