Oltre agli oligarchi, i russi ordinari all’estero utilizzano conti bancari esteri

  • Visa e Mastercard hanno interrotto le operazioni russe e vietato le carte bancarie russe all’estero.
  • I russi a Singapore, nel Regno Unito e in Turchia hanno detto a Insider che stanno utilizzando conti esteri per accedere ai fondi.
  • Sono tutti preoccupati per il valore del rublo, una delle valute peggiori dell’anno.

Un giorno di fine febbraio Maria è andata a comprare del succo verde nel campus, ma la sua tessera è stata rifiutata.

Dopo di che, ho provato a comprare della spesa. Ancora una volta, la sua carta è stata rifiutata.

La studentessa russa di 23 anni, che non voleva fornire il suo cognome, sta conducendo un semestre di scambio a Singapore e un giorno fa ha sentito che la sua carta di credito russa sarà bloccata. Voleva provarlo per vedere se era corretto.

“Non siamo praticamente niente”, ha detto a Insider, riferendosi al valore della valuta russa.

Da quando ha invaso l’Ucraina, la Russia è stata uno stato paria, con molti settori della sua economia riconosciuti dalla comunità internazionale. I beni della sua rete di ricchi oligarchi furono congelati, le loro proprietà all’estero furono violate e i loro yacht furono confiscati.

Ma anche i russi comuni ne stanno risentendo, con il rublo in calo nei primi giorni dell’invasione, uno dei due Monete con le peggiori prestazioni anno finora. I principali istituti di credito russi sono stati banditi da SWIFT, il sistema di pagamento internazionale utilizzato da migliaia di banche in tutto il mondo. E per i russi all’estero come Maria, la decisione di MasterCard e Visa di sospendere le loro operazioni in Russia, significa problemi finanziari perché le loro carte ora non sono menzionate all’estero.

READ  L'indipendenza monetaria è sopravvalutata e l'euro è in ascesa

L’11 marzo, Maria ha ricevuto un sms dalla sua banca russa, Sberbank – la più grande del paese – che la informava del divieto, un messaggio che non avrebbe interessato le carte Sberbank all’interno della Russia.

La lettera che Maria ha ricevuto dalla sua banca russa, Sberbank.

La lettera che Maria Kaznacheva ha ricevuto dalla sua banca russa Sberbank.

Maria


Maria, che sta frequentando un master in un’università italiana, si sente fortunata a fare uno scambio a Singapore perché lì ha una borsa di studio per coprire tutte le sue spese. Il denaro viene depositato sul suo conto bancario italiano, non sul suo conto in Russia.

Tuttavia, è preoccupata per quello che farà quando il suo semestre finirà a maggio.

“In Italia soffrirei davvero”, ha detto, spiegando che lì aveva una borsa di studio che le copriva solo in parte il costo della vita.

Guadagna le sue spese facendo tutoraggio, i suoi guadagni vengono depositati sul suo conto bancario russo vietato. Anche sua madre a volte le manda dei soldi su quel conto russo. Ma ha detto che anche se avesse potuto accedere al denaro attraverso di esso, il tasso di cambio non le avrebbe lasciato praticamente nulla.

Il tasso di cambio è ciò che impedisce ad Alina, 25 anni, che ha chiesto di non pubblicare il suo cognome, di fare da freelance per clienti russi.

Lo studente internazionale russo vive a Leeds, nel Regno Unito, e svolge attività di traduzione e grafica freelance quando non studia.

“Non ha più senso per me lavorare come libero professionista in Russia a causa dei tassi di cambio delle valute perché sono follemente costosi”, ha detto Alina a Insider.

Né sarà in grado di trasferire i suoi rubli dal suo conto russo Alfabank al suo conto bancario Lloyds nel Regno Unito anche se sceglie di lavorare con clienti russi.

Tuttavia, Alina ha agito in anticipo, prevedendo le ripercussioni finanziarie dell’invasione russa dell’Ucraina. Il secondo giorno del conflitto, ha deciso di trasferire il denaro dal suo conto russo al suo conto britannico.

“Pensavo che potrebbe portare a sanzioni, potrebbe portare al congelamento dei conti e se avessi deciso di trasferire i soldi”, ha detto.

Taras Litvinenko è un altro russo all’estero che fa affidamento su una carta bancaria straniera.

Litvinenko, 49 anni, fuggito a Istanbul, in Turchia, a marzo, ha un conto bancario estone che ha ottenuto attraverso il programma di “residenza elettronica” dell’Estonia. Lo schema per i paesi dell’Europa orientale, il primo del suo genere, consente a chiunque nel mondo di richiedere un’identità digitale, aprire un conto bancario estone e gestire un’attività virtuale nel paese.

Un grafico con un background informatico, Litvinenko utilizza la sua carta di debito mercantile estone, oltre a una carta prepagata locale chiamata Paycell.

Ha detto a Insider che le sue carte bancarie russe non sono altro che “pezzi di plastica”.

“Resta a casa, sii forte, usa la tessera MIR locale”, ha detto Litvinenko, questo è stato il consiglio dato dal governo russo all’inizio della sua invasione dell’Ucraina e delle conseguenti sanzioni economiche che sono state imposte al Paese, riferendosi al sistema di pagamento.

Etnicamente ucraino, temeva un’escalation di incitamenti all’odio contro di lui se fosse rimasto in Russia. È partito per la Turchia, che è l’unica opzione che ha detto di avere, con gli Stati Uniti e l’Unione europea che escono dai visti per i russi.

Spera di portare sua moglie nei prossimi mesi da Mosca a Istanbul. Nel frattempo, vuole continuare a far crescere la sua attività virtuale, cercando la cittadinanza estone come opzione per il futuro.

I tre russi all’estero non hanno piani – e poche opzioni – per tornare a casa presto.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Puoi pagare migliaia per guardare True Crime per 24 ore di seguito
Next Post Gli investitori statunitensi stanno cercando di negoziare con Mosiri sull’acquisizione di Everton