Olimpiadi di Tokyo: i giocatori della WNBA sostengono l’ascesa del basket 3 contro 3

Raccogli tre persone e poi trovane altre tre. Gioca fino a 21 alla volta e due o più punti segnati in 10 minuti. Sarà caldo. Sarà bagnato. Quasi nessun errore verrà chiamato.

Capito?

Va bene. Controlla la palla.

sul serio. Controlla la palla. Perché questa palla non è come il basket, lo sai. È giallo e blu, scanalato come la pelle di zucca e resistente alle intemperie.

Benvenuto nel basket 3 contro 3, uno sport che è arrivato dalla corsia del tuo vicino fino al suo inizio alle Olimpiadi, ed è l’ultimo tentativo dei Giochi di prendere qualcosa di familiare e renderlo più giovane, più acuto, più veloce e brutale.

“È come un uragano”, il portiere italiano Ray Lynn Daly Disse con un accento del Wisconsin, denso come una zuppa di formaggio.

È in parte incidente d’auto e in parte pausa rapida permanente

Mentre il sole tramontava sull’inaugurazione dell’evento, la First Lady statunitense Jill Biden è saltata dal suo posto per salutare la vittoria 17-10 degli Stati Uniti sulla Francia.

Uscendo dall’Aomi Urban Sports Park, un giornalista americano ha chiesto al presidente francese Emmanuel Macron della prestazione degli Stati Uniti contro la sua squadra.

“Bacio, bacio”, ha detto Macron con un ampio sorriso, “è stato già abbastanza doloroso”.

Era anche abbastanza sorprendente.

Giocato all’aperto sotto un baldacchino che sembra giustamente la cima di un grande circo, questa iterazione del basket ha creato un’atmosfera più elettrica che puoi ottenere quando le uniche persone sugli spalti sono i dignitari, i volontari e la squadra giovanile giapponese di basket fuori alle sporgenze delle travi.

Hanno visto quattro giocatori della WNBA lanciarsi con il paracadute in uno sport che i loro avversari praticano a tempo pieno e spesso dominano la prima squadra della FIBA.

READ  "Jimmy Maggs" di Beaver County è stato inserito nella Hall of Fame italiana

“Sembrava che avessi il jet lag?” Lo ha detto il portiere degli Stati Uniti Kelsey Bloom.

L’ex testa di serie numero 1 ha detto che la sua posizione nel giocare una carta prevedibile nel torneo principale maschile e femminile è “perché no” lo fa?

Copertura delle Olimpiadi di Tokyo

“Fare una squadra cinque per cinque negli Stati Uniti è quasi impossibile, sai, e da giovane, perché non acquisire l’esperienza e poi provare a colpirla al turno successivo?” Lei disse.

La squadra maschile statunitense, campione del mondo, non è riuscita a qualificarsi senza giocatori NBA attuali dopo aver perso contro l’Olanda nei quarti di finale del torneo di qualificazione. La squadra femminile, con le sue stelle WNBA, l’ha afferrata rapidamente.

“Mi sono abituato all’aria condizionata”, ha detto Alisha Gray di adattarsi al vento e al caldo.

Ogni squadra ha quattro giocatori incluso un sostituto che può fare il check-in dopo ogni interruzione. La partita si gioca a metà campo (le due squadre si dividono il canestro per le impostazioni pre-partita), con un cronometro da 12 secondi. E proprio come nel parco, devi riportare la palla oltre la linea dei tre punti, tranne per il fatto che è davvero una linea dei due punti.

C’era un DJ interno e due MC all’interno della casa che commentavano i soprannomi dei giocatori (uno in inglese e uno in giapponese). D’Alie è “Rae Rae”. Il centro USA Stephanie Dolson è “Big Mama”.

Sono i personaggi: la voce di D’Alie ha un accento Wis-can-sen quando parla italiano o quando professa il suo amore per i Wisconsin Badgers e il suo orgoglio per il Milwaukee Bucks Championship.

READ  I nuotatori italiani hanno impressionato con le acque della casa ai Mondiali di Lignano

Nata a Waterford, nel Wisconsin, ha trovato la disciplina giocando con alcuni dei suoi compagni di squadra di Serie A e si è innamorata del gioco, una forma di basket con velocità e spazio che le squadre NBA bramano.

“È come il basket in cortile, dove… trovi un modo per vincere. A volte non sembra fantastico. A volte sembra davvero fantastico”, ha detto Dele, che ha preso il gioco per qualificare l’Italia. “È davvero divertente in questo modo e c’è molto spazio per la creatività e la spontaneità”.

Mongolia Tsireenelkam Munxikhan, a sinistra, affronta una sfida dagli Stati Uniti Kelsey Bloom durante una partita di biliardo sabato.

Mongolia Tsireenelkam Munxikhan, a sinistra, affronta una sfida dagli Stati Uniti Kelsey Bloom durante una partita di biliardo sabato.

(Christian Petersen/Getty Images)

E poi c’è il prossimo 39enne Ira Brown, un potente attaccante americano alto 6 piedi e 4 nella NBA in Giappone, che in qualche modo è finito come un olimpionico giapponese dopo essere stato selezionato nell’ottavo round per Kansas City. Reale nel 2001.

Quando tirava palle veloci per gli Edmonton Cracker-Cats nella Northern Independent League, non avrebbe mai immaginato di rappresentare il Giappone nel basket. Ma 3 su 3? È un paradiso per cose del genere.

“Questo sarebbe sembrato così folle”, ha detto Brown. “Ovviamente, quando ero più giovane, il basket non era assolutamente nelle carte. Mi piace giocare, ma il baseball era ovviamente il mio amore. Ma ora sono qui, quindi è una benedizione. Ma di certo non ci ho mai pensato in la mia mente.”

Con un calo negli ultimi secondi di una partita con la Polonia con DMX che colpisce gli altoparlanti, Brown ha pareggiato il punteggio per il paese ospitante. Ma una volta che la festa è salita, è crollata quando la Polonia ha colpito il vincitore della partita in morte improvvisa, dai primi ai due supplementari.

READ  L'Italia valuta la candidatura per ospitare Euro 2028 o Mondiali 2030 كأس

Tuttavia, Brown ha dovuto competere alle Olimpiadi.

“Non posso nemmeno esprimerlo. Voglio dire, non posso esprimerlo”, ha detto Brown. “È solo, è incredibile e sorprendente che io sia qui”.

Il segretario generale della FIBA ​​Andreas Zagles ha definito il debutto “storico”. Giocatori come Plame, Daley e Brown sono decollati dopo il debutto. Sembrava uno strano e meraviglioso successo.

Zagklis ha notato come la squadra maschile belga sia riuscita a sconvolgere la Lettonia: cambiare il comando quattro volte negli ultimi 25 secondi è il tipo di modello a cui potrebbe assomigliare un gioco 3v3 professionale.

The American Woman, la candidata principale, ha vinto due volte, aiutando a focalizzare gli occhi degli americani sullo sport. Altri paesi hanno introdotto i fuochi d’artificio, il che spiega perché le persone credono che questa versione ufficiale del basket di strada possa crescere.

Se puoi assegnare medaglie nelle versioni indoor e outdoor della pallavolo, perché non farlo nel basket?

Dopo aver battuto la Francia, hanno attraversato la Mongolia, un paese che non aveva mai giocato a basket olimpico, prima di consegnare 3 contro 3 sabato. Una medaglia d’oro verrà consegnata mercoledì, gli americani sono quasi certi di reclamarla.

Ma lungo la strada, goditi Big Mama, il giocatore di fastball, il tasso italiano e il resto dei personaggi.

“Cinque su cinque è dove i giocatori fanno i loro soldi”, ha detto l’allenatore USA 3v3 Kara Lawson. “Ma diranno che è più divertente.”

Sembra certamente così.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’editor del portale di Battlefield 2042 può farlo
Next Post È morto Stephen Weinberg, fisico premio Nobel