Occhio al mercato del lavoro del Golfo, governo lancia progetto sviluppo competenze per lavoratori stranieri

Nel tentativo di mantenere i lavoratori indiani rilevanti per il mercato del lavoro degli Stati del Golfo, il governo sta lanciando un programma per riqualificare i lavoratori stranieri e riqualificarli per gestire i requisiti in un panorama post-pandemia.

Nell’ambito del nuovo programma – chiamato Tejas, o Training for Emirati Jobs and Skills – il governo ha collaborato con i principali datori di lavoro negli Emirati Arabi Uniti per “formare, certificare e assumere 10.000 lavoratori indiani all’anno” e “100.000 nei paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo”. [Gulf Cooperation Council] regione nei prossimi cinque anni.

Durante la sua visita a Dubai all’inizio di questo mese, il Consorzio MoS per lo sviluppo delle competenze e l’imprenditorialità, Rejeev Chandrasekhar, ha tenuto discussioni con funzionari e principali datori di lavoro negli Emirati Arabi Uniti per finalizzare il programma, che dovrebbe essere lanciato ufficialmente il mese prossimo.

Chandrasekhar ha detto indiano espresso: “primo ministro Narendra Modi Ha sempre sottolineato che gli indiani all’estero contribuiscono notevolmente all’India attraverso il loro duro lavoro e sono importanti nel forte rapporto che lega l’India ai paesi del Medio Oriente. Molti di loro sono stati disabilitati a causa della pandemia e il Primo Ministro ha ordinato a Skill India di aiutare ad affinare e riqualificare il maggior numero di indiani (che sono) già lì e (quelli) che stanno cercando lavoro lì”.

Chandrasekhar ha affermato che il governo ha anche deciso di estendere il programma a coloro che sono tornati in India durante la pandemia, dando loro la possibilità di tornare dai loro datori di lavoro con nuove competenze.

L’opportunità del mercato internazionale della mobilità della forza lavoro per l’India è stimata a 3,6 milioni nei prossimi cinque anni. Un funzionario del ministero ha affermato che 2,6 milioni di indiani di questi potrebbero essere collocati nel GCC in tutti i settori, e il resto in Europa, Australia, Canada, Giappone, Estremo Oriente, Russia e Malesia.

READ  Il Regno Unito aumenta il livello di minaccia terroristica a "grave" un giorno dopo l'esplosione di un'autobomba

Ha affermato che con le competenze digitali che acquisiscono un’importanza fondamentale per i lavoratori a vari livelli, saranno una parte importante degli sforzi di riqualificazione e riqualificazione. “Uno degli elementi critici per migliorare le competenze è importare competenze digitali e potenziare digitalmente i nostri giovani per l’occupazione in India e oltre. In effetti, il Primo Ministro ha sempre sottolineato che ogni indiano avrà bisogno di competenze digitali in un mondo post-Covid”, ha affermato Chandrasekhar, anche il Ministero della Scienza per l’elettronica e la tecnologia dell’informazione.

Ha detto che il ministero lavorerà in cooperazione con i governi dei paesi, in particolare quelli che inviano un gran numero di lavoratori nei paesi del Golfo.

Il programma convergerà con i programmi di sviluppo delle competenze esistenti del Centro e dei governi statali e beneficerà delle infrastrutture di formazione della National Skills Development Corporation, degli ITI, degli Indian Institutes of Science, delle istituzioni di formazione delle competenze private e pubbliche.

“Il progetto fornirà ai lavoratori indiani le competenze e le certificazioni richieste secondo gli standard globali… Il programma mira ad essere ambizioso e garantirà che solo i migliori candidati provengano dalla rete di istituzioni per lo sviluppo delle competenze…” ha affermato in una nota su il progetto.

Ciò è in linea con l’annuncio del Primo Ministro Modi dello scorso anno secondo cui il governo sta mappando i requisiti di competenze globali esortando i giovani indiani a riqualificare, riqualificare e migliorare le competenze per rimanere pertinenti al contesto economico in rapida evoluzione e alle condizioni di mercato.

Il progetto Tejas si estende a lavori di tipo operaio, inclusi tecnici elettrici e idraulici, tecnici multi-specializzati, saldatori, operatori F&B, chef, conducenti di auto/moto e forza lavoro di medio livello, che include professionisti IT, finanziari e sanitari.

READ  Coronavirus Live News: il Karnataka chiede al centro di imporre il divieto di viaggio nel panico di Omicron; Il Tamil Nadu lancia avvisi ai distretti

Il progetto mira a istituire corsi ponte in stretta collaborazione con i consigli per le competenze settoriali in India e i datori di lavoro nei paesi del GCC. “Tutti i ruoli lavorativi richiesti nei paesi del GCC saranno rivisti da un punto di vista ponte e mireranno a garantire la prontezza del candidato dal punto di vista del datore di lavoro”, ha affermato il funzionario del ministero. “Inoltre, la formazione sulle competenze trasversali e l’orientamento pre-partenza incentrato sulla lingua straniera, le questioni culturali, l’acclimatazione nei paesi, ecc., garantiranno una transizione agevole dei lavoratori migranti verso i paesi di destinazione”.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Roger ha segnato 27, Hornets Route Rockets 123-99
Next Post Risultati WWE RAW (27/12/21): clamore del primo giorno, ancora di più!