Occhi sulla malattia di Alzheimer: uno studio che collega la perdita della vista legata all’età al declino cognitivo

Occhi sulla malattia di Alzheimer: uno studio che collega la perdita della vista legata all’età al declino cognitivo

riepilogo: Un nuovo studio rileva che la disabilità visiva nelle persone di età superiore ai 71 anni può essere un possibile fattore di rischio per la demenza. Analizzando il National Health and Aging Attitudes Study (NHATS), i ricercatori hanno trovato un’associazione significativa tra la perdita della vista e la prevalenza della demenza tra quasi 3.000 partecipanti americani.

Sebbene siano necessarie ulteriori indagini per comprendere la causa esatta di questa associazione, i risultati probabilmente aggiungono la perdita della vista all’elenco dei fattori di rischio modificabili per la demenza.

Aspetti principali:

  1. Lo studio ha incluso quasi 3.000 cittadini statunitensi di età superiore ai 71 anni e ha trovato un legame significativo tra la perdita della vista e la prevalenza della demenza.
  2. Attualmente, la perdita della vista non è tra i 12 fattori di rischio che interessano fino al 40% dei casi di demenza, così come il fumo, l’ipertensione e la perdita dell’udito.
  3. Diverse possibilità possono spiegare questo collegamento, compresi i percorsi cerebrali comuni che causano sia la perdita della vista che il declino della memoria o altre condizioni come il diabete che possono causare problemi alla vista e demenza.

fonte: Ricerca sull’Alzheimer nel Regno Unito

Un nuovo studio suggerisce che la perdita della vista nelle persone di età superiore ai 71 anni potrebbe essere collegata alla demenza.

Lo studio è stato pubblicato il 13 luglio nel Oftalmologia Gamma.

I ricercatori dell’Università del Michigan negli Stati Uniti hanno analizzato i dati su quasi 3.000 cittadini statunitensi di età superiore ai 71 anni, che facevano parte di uno studio più ampio, il National Health and Aging Attitudes Study (NHATS).

Quello che hanno scoperto è che i partecipanti con perdita della vista avevano maggiori probabilità di sviluppare la demenza rispetto alle persone senza problemi di vista. Credito: notizie di neuroscienze

Questo studio più ampio ha testato la visione dei partecipanti, assegnando loro un punteggio per la visione a corto raggio, la visione a lungo raggio e la loro capacità di distinguere gli oggetti su sfondi diversi. Hanno anche scoperto se i partecipanti avevano la demenza dai dati dello studio NHATS.

READ  Un razzo SpaceX Falcon Heavy viene lanciato dal Kennedy Space Center

Quello che hanno scoperto è che i partecipanti con perdita della vista avevano maggiori probabilità di sviluppare la demenza rispetto alle persone senza problemi di vista.

Fino al 40% dei casi di demenza può essere affetto da 12 fattori di rischio che potremmo essere in grado di prevenire o influenzare, come il fumo, l’ipertensione e la perdita dell’udito. La perdita della vista non è attualmente considerata uno di questi 12 fattori di rischio, ma nuove prove pubblicate oggi suggeriscono un legame tra perdita della vista e demenza.

La dott.ssa Susan Mitchell, Head of Policy presso l’Alzheimer’s Research UK, ha dichiarato: “Questo è un momento cruciale per la ricerca sulla demenza, poiché emergono prove su come fattori come la perdita della vista possano essere collegati alla demenza. Studi come questo sono fondamentali per identificare potenziali nuove demenze fattori di rischio e, in ultima analisi, l’azione.” su come prevenire il verificarsi di alcuni casi di demenza in primo luogo.”

Questo nuovo studio fornisce nuove importanti prove che collegano la perdita della vista con la demenza e si collega a studi precedenti. Ma questo non è definitivo, e sarà importante per studi futuri scoprire esattamente cosa causa questa apparente associazione, in quanto ciò determinerà quali possibilità ci sono, se ce ne sono, per la prevenzione”.

“Ci sono diverse possibilità: ad esempio, il diabete è un importante fattore di rischio per la demenza e questa condizione può anche causare problemi alla vista. Oppure potrebbero esserci percorsi comuni nel cervello che causano sia la perdita della vista che il declino della memoria e delle capacità di pensiero.

“Alcuni casi di perdita della vista possono essere prevenuti e altri possono essere curati con successo – se questo collegamento è confermato, potrebbe significare che le persone che adottano misure per ridurre i problemi di vista mentre invecchiano potrebbero anche aiutare a ridurre il rischio di malattie come la demenza .”

READ  L'amministratore della NASA Bill Nelson è ottimista sull'esplorazione dello spazio in cui gli sforzi commerciali e governativi si scontrano

“Nel frattempo, tutti possiamo agire per proteggere la salute del nostro cervello, dal mantenere i nostri cuori sani al godere di nuove attività e interazioni sociali.

Se vuoi saperne di più su come il controllo del tuo stile di vita è in relazione al mantenimento della salute del tuo cervello, puoi fare un controllo Think Brain Health presso l’Alzheimer’s Research UK visitando https://www.alzheimersresearchuk.org/brain-health/check-in/

A proposito di questa ricerca di notizie sulla malattia di Alzheimer

autore: ufficio stampa
fonte: Ricerca sull’Alzheimer nel Regno Unito
comunicazione: Ufficio Stampa – Alzheimer’s Research UK
immagine: Immagine accreditata a Neuroscience News

Ricerca originale: Accesso chiuso.
Una misura oggettiva della disabilità visiva e della prevalenza della demenza negli anziani negli Stati UnitiScritto da Olivia G. Killeen et al. gamma oftalmologia


un sommario

Una misura oggettiva della disabilità visiva e della prevalenza della demenza negli anziani negli Stati Uniti

Importanza

Le stime dell’associazione tra disabilità visiva (VI) e demenza nella popolazione degli Stati Uniti si basano su dati di sondaggi auto-riportati o misure della funzione visiva che hanno almeno 15 anni. Gli anziani sono ad alto rischio di demenza e sesto, quindi sono necessarie stime nazionali aggiornate basate su valutazioni obiettive.

obbiettivo

Stimare la relazione tra VI e demenza negli anziani negli Stati Uniti sulla base di un test oggettivo della funzione visiva e cognitiva.

Progettazione, preparazione e partecipanti

Questa analisi secondaria del 2021 National Health and Aging Attitudes Study (NHATS), uno studio di coorte rappresentativo dell’intera popolazione, ha incluso 3.817 partecipanti di età pari o superiore a 71 anni. I dati sono stati analizzati da gennaio a marzo 2023.

READ  L'uso regolare di lassativi è stato associato a un rischio più elevato di demenza in uno studio del Regno Unito

intervenire

Nel 2021, NHATS ha incorporato test basati su tablet dell’acuità visiva da lontano e da vicino e della sensibilità al contrasto (CS) con la consueta correzione.

Principali risultati e misure

VI è stato definito come acuità visiva da lontano superiore a 0,30 logMAR, acuità visiva da vicino superiore a 0,30 logMAR e CS superiore a 1 DS al di sotto della media campionaria. La demenza è stata definita come un punteggio di 1,5 DS o più al di sotto della media in 1 o più domini cognitivi, un punteggio dell’intervista di screening della demenza AD8 che indica una probabilità di demenza o una diagnosi di demenza. La regressione di Poisson stima i tassi di prevalenza della demenza aggiustati per le covariate.

risultati

Dei 2967 partecipanti, 1707 (percentuale ponderata, 55,3%) erano donne e l’età media (IQR) era di 76,9 (77-86) anni. La prevalenza ponderata della demenza era del 12,3% (95% CI, 10,9-13,7) e aumentava con prossimità VI (21,5%; 95% CI, 17,7-25,3), distanza VI (lieve: 19,1%; 95% CI, 13,0-25,2 ; moderato) o grave o cieco: 32,9%; 95% CI, 24,1–41,8) e disturbo CS (25,9%; 95% CI, 20,5–31,3). La prevalenza della demenza era più alta tra i partecipanti con compromissione dell’IV prossimale e della CS rispetto a quelli senza (prevalenza dell’IV prossimale: 1,40; 95% CI, 1,16-1,69; prevalenza dell’alterata VI prossimale: 1,31; 95% CI, 1,04-1,66) e tra i partecipanti con distanza VI o cecità da moderata a grave (prevalenza: 1,72; 95% CI, 1,26-2,35) dopo l’aggiustamento per le covariate.

Conclusioni e rilevanza

In questa indagine, tutti gli VI misurati oggettivamente erano associati a una maggiore prevalenza di demenza. Poiché la maggior parte dei casi di VI è prevenibile, dare priorità alla salute della vista può essere importante per migliorare la funzione cognitiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *