Nvidia passa al raffreddamento a liquido per ridurre il consumo energetico delle grandi tecnologie

Nvidia ha annunciato il suo nuovo piano per ridurre il consumo energetico nei data center che elaborano enormi quantità di dati o addestrano modelli di intelligenza artificiale: schede grafiche raffreddate a liquido. azienda Fai pubblicità su Computex Offre una versione raffreddata a liquido della sua scheda informatica A100 e afferma che consuma il 30 percento in meno di energia rispetto alla versione raffreddata ad aria. Nvidia promette inoltre che questo non è solo un caso, ma che ha già più schede server raffreddate a liquido sulla sua roadmap e suggerisce di portare la tecnologia ad altre applicazioni come i sistemi di bordo che devono mantenere gli interni freschi. Naturalmente, il recente richiamo di Tesla ai chip surriscaldati mostra quanto possa essere difficile, anche con il raffreddamento a liquido.

Secondo Nvidia, la riduzione della potenza necessaria per eseguire calcoli complessi potrebbe avere un impatto significativo: l’azienda afferma che i data center utilizzano più dell’1% dell’elettricità mondiale e il 40% è dovuto al raffreddamento. Riducerlo di circa un terzo sarebbe un grosso problema, anche se vale la pena notare che le schede grafiche sono solo una parte dell’equazione; Anche CPU, storage e apparecchiature di rete assorbono energia e necessitano anche di raffreddamento. Nvidia afferma che con il raffreddamento a liquido, i sistemi di accelerazione GPU saranno molto più efficienti dei server solo CPU su AI e altre attività ad alte prestazioni.

La roadmap di Nvidia per dispositivi e schede raffreddati a liquido.
Foto: Nvidia

C’è un motivo comune per il raffreddamento a liquido nei casi d’uso ad alte prestazioni, dai supercomputer ai PC da gioco e anche in Pochi telefoni: i liquidi assorbono il calore meglio dell’aria, Secondo Asetek, un importante produttore di sistemi di raffreddamento ad acqua. Una volta che hai un liquido caldo, è relativamente facile spostarlo altrove per rinfrescarsi, rispetto al tentativo di raffreddare l’aria in un intero edificio o aumentare il flusso d’aria verso i componenti specifici sulla scheda che scarica tutto il calore.

Oltre all’efficienza energetica, le carte raffreddate a liquido hanno un altro vantaggio rispetto alle loro controparti raffreddate ad aria: occupano molto meno spazio, il che significa che puoi metterne più nello stesso spazio.

La spinta di Nvidia a ridurre il consumo di energia tramite il raffreddamento a liquido arriva in un momento in cui molte aziende stanno valutando la quantità di energia utilizzata dai propri server. Sebbene i data center siano tutt’altro che l’unica fonte di emissioni di carbonio e inquinamento per le grandi tecnologie, sono un pezzo del puzzle che non può essere ignorato e i critici hanno notato che compensare l’uso di energia tramite crediti non è efficace quanto ridurlo. consumo universitario. Aziende come Microsoft hanno sperimentato di immergere completamente i server in liquidi e persino di mettere interi data center nell’oceano nel tentativo di utilizzare meno energia e acqua.

Naturalmente, queste soluzioni sono un po’ strane: mentre il tipo di raffreddamento a liquido di Nvidia non è necessariamente lo standard per i data center, non è così presente come mettere i tuoi server nell’oceano (sebbene gli esperimenti di Microsoft con questo finora abbiano avuto un successo scioccante). Nvidia commercializza esplicitamente le GPU raffreddate a liquido come server “master”, piuttosto che come una soluzione di fascia alta.

Questo solleva davvero la questione se possiamo vedere Nvidia che cerca di prendere anche il raffreddamento a liquido di più prevalere incorporando il raffreddamento a liquido nei progetti di riferimento delle sue schede incentrate sul gioco. La società non ha menzionato alcun piano in tal senso, dicendo solo che prevede di “supportare il raffreddamento a liquido nelle GPU per data center ad alte prestazioni” per il “futuro prevedibile”.

Tuttavia, la tecnologia dei server si sta riversando continuamente nella tecnologia dei computer domestici e le schede di gioco che arrivano direttamente dalla fabbrica con un dispositivo di raffreddamento a liquido all-in-one non sono esattamente sconosciute: AMD è stata Pochi progetti di riferimento che includeva un anello raffreddato a liquido e terze parti hanno già venduto schede Nvidia raffreddate a liquido. Con le schede Nvidia che continuano ad assorbire sempre più energia (una 3090 Ti di serie può assorbire fino a 450 watt), non sarei sorpreso se Nvidia annunciasse una scheda della serie RTX 5000 fornita con un dispositivo di raffreddamento a liquido.

Per le schede incentrate sui data center di Nvida, la società afferma che aziende come ASRock, Asus e Supermicro integreranno schede raffreddate a liquido nei loro server “entro la fine dell’anno” e le schede slot PCIe A100 arriveranno nel terzo trimestre di quest’anno. PCIe versione raffreddata a liquido di Scheda H100 annunciata di recente (che è la versione di prossima generazione dell’A100) prevista per “l’inizio del 2023”.

READ  La modalità Picture-in-picture viene implementata su YouTube per più utenti di iPhone e iPad
Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post La cooperazione congiunta di Quad mira a realizzare un Indo-Pacifico libero e aperto: il Primo Ministro Modi a Tokyo
Next Post Guarda: Mario Balotelli segna un gol pazzesco della Rabona nel campionato turco