Nuovissime Olimpiadi: la pallanuoto americana batte la Repubblica di Cina e raggiunge la finale | notizie sportive

Il tedesco Florian Willbrook ha aggiunto una medaglia d’oro nella maratona al suo bronzo in piscina, vincendo la gara di 10 km maschile a Tokyo Bay.

Willbrook ha corso per il comando all’inizio ed è stato in testa per la maggior parte del tempo in un’altra soffocante mattinata a Tokyo. Anche con la gara che è iniziata alle 6:30 ora locale, la temperatura era già di 81 gradi (27,2 gradi Celsius) con l’80% di umidità, facendo sembrare che fosse vicina ai 90 gradi.

Condizioni soffocanti sembravano arrivare al francese David Aubry, che si è ritirato dalla gara meno di due giri fa ed è stato portato via dal ponte su una barella. Non ci sono ancora notizie sulle sue condizioni.

Anche il britannico Hector Pardew non è riuscito a finire la gara.

Willbrook è scappato all’ultimo giro per vincere il controllo di 25,3 secondi, finendo in 1 ora 48 minuti e 33,7 secondi. Ha anche vinto una medaglia di bronzo nei 1500 m stile libero l’ultimo giorno di nuoto in piscina.

L’ungherese Christoph Rasovsky ha vinto l’argento con il tempo di 1:48.59.0, mentre l’italiano Gregorio Paltrinieri ha conquistato il bronzo con il tempo di 1:49.01.1. L’italiano è stato medaglia d’argento negli 800 stile libero.

Il campione olimpico di maratona olandese Ferry Wertmann è arrivato settimo, mentre l’americano Jordan Williamowski è arrivato decimo.

READ  Tennis: Serena Williams sopravvive alla paura di raggiungere il terzo turno degli Open di Francia del 2021; Stefanos Tsitsipas e Alexander Zverev Advance
Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La Stazione Spaziale Internazionale si è ribaltata di 540 gradi nell’incidente del razzo Nukka la scorsa settimana. La NASA ha detto che aveva solo 45 anni
Next Post Le stelle esplodono in galassie polverose – non possiamo sempre vederle