Nuovi dati statunitensi mostrano che gli individui non vaccinati hanno 14 volte più probabilità di contrarre il vaiolo delle scimmie rispetto a quelli vaccinati



CNN

Individui idonei che non hanno ricevuto vaccino contro il vaiolo delle scimmie Avevano circa 14 volte più probabilità di contrarre il virus rispetto a coloro che erano stati vaccinati, secondo i dati del governo federale pubblicati dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Questa cifra riflette la prima ondata di dati affidabili raccolti dall’amministrazione Biden negli Stati Uniti Efficacia del vaccino contro il vaiolo delle scimmie Attualmente è amministrato negli Stati Uniti. I dati rappresentano un’importante pietra miliare nella lotta dell’amministrazione contro il vaiolo delle scimmie, soprattutto data la natura senza precedenti dell’epidemia di quest’anno.

“Ci sono stati dati limitati su come il vaccino Jynneos si sarebbe comportato bene contro il vaiolo delle scimmie in condizioni del mondo reale”, ha affermato il direttore del CDC, la dott.ssa Rochelle Walinsky. “Questi nuovi dati ci forniscono un livello di ottimismo sul fatto che il vaccino funzioni come previsto”.

Diversi funzionari sanitari hanno affermato che i dati del vaccino hanno reso l’amministrazione sempre più ottimista sull’efficacia del vaccino contro il vaiolo delle scimmie di Jynneos e sulla possibilità di sradicare completamente l’attuale focolaio negli Stati Uniti.

“Siamo cautamente ottimisti riguardo allo studio e stiamo valutando se continuare a fornire vaccini alle persone più a rischio di malattia e se continuiamo a promuovere cambiamenti comportamentali che sappiamo funzionare, la combinazione di queste due cose ci consentirà di continuare a vedere un calo dei casi e, si spera, eliminare l’attuale epidemia di vaiolo delle scimmie negli Stati Uniti”, ha detto alla CNN un alto funzionario sanitario.

Il funzionario ha avvertito che c’erano alcuni importanti avvertimenti sui risultati. Ad esempio, l’ultimo studio non è in grado di quantificare i cambiamenti comportamento umano Potrebbe essere un fattore per le persone vaccinate, hanno detto.

“Quello che non ci è permesso fare è scollegare parti di questo che potrebbe essere un cambiamento comportamentale che potrebbe essere correlato alle reti sessuali o alle persone con cui entrano in contatto”, ha affermato il funzionario. “Sappiamo che all’inizio dell’epidemia di vaiolo delle scimmie, molti uomini gay e bisessuali hanno cambiato i loro comportamenti”.

Ci sono anche questioni in sospeso sulla durata del vaccino e sulla durata della protezione. I funzionari sanitari statunitensi notano la protezione contro il vaiolo delle scimmie per i vaccinati con Jynneos già due settimane dopo la prima dose, ma continuano a fare pressione su chiunque sia idoneo a ricevere le due dosi del regime vaccinale per la massima protezione.

“Sappiamo che questo è un vaccino a due dosi e continuiamo a incoraggiare le persone a ricevere la seconda dose perché tutti gli studi precedenti hanno dimostrato che quando si ottiene quella seconda dose, si ha una risposta immunitaria più profonda”, ha affermato il funzionario.

Finora sono state somministrate più di 800.000 dosi di vaccini contro il vaiolo delle scimmie, ha affermato Bob Fenton, coordinatore della risposta al vaiolo delle scimmie della Casa Bianca.

Il CDC stima che 1,7 milioni di uomini gay e bisessuali negli Stati Uniti hanno maggiori probabilità di contrarre il vaiolo delle scimmie.

Le recenti tendenze dei casi indicano un rallentamento dei focolai di vaiolo delle scimmie negli Stati Uniti. Secondo i dati raccolti dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC), i nuovi casi giornalieri medi di vaiolo delle scimmie negli Stati Uniti sono diminuiti da metà agosto, segno del successo della campagna vaccinale.

Al 27 settembre, sono stati diagnosticati 25.300 casi di vaiolo delle scimmie in tutti i 50 stati. Il CDC ha annunciato mercoledì che sta ampliando l’idoneità per il vaccino contro il vaiolo delle scimmie di Jynneos per includere la profilassi pre-esposizione o PrEP.

“Espandendo l’ammissibilità e passando a una strategia PrEP in tutto il paese, stiamo cercando di garantire che le persone a rischio di vaiolo delle scimmie vengano vaccinate prima dell’esposizione e che i vaccini continuino a essere equamente messi a disposizione di coloro che ne hanno bisogno”, ha affermato Walinsky.

L’amministrazione Biden sta incoraggiando gli stati e le contee a utilizzare i soldi ricevuti per le malattie sessualmente trasmissibili e la salute mentale per pagare i loro sforzi per combattere il vaiolo delle scimmie.

La Casa Bianca aveva chiesto al Congresso di approvare un finanziamento di 4,5 miliardi di dollari per la risposta al vaiolo delle scimmie. Ma quella richiesta, insieme a una richiesta di più soldi per combattere il Covid-19, è stata rimossa dall’ultima versione del disegno di legge sul finanziamento a breve termine che il Congresso spera di approvare questa settimana per evitare la chiusura del governo.

READ  Martedì un grande asteroide "potenzialmente pericoloso" passerà sulla Terra
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post “Dov’è Jackie?” Joe Biden chiede a un legislatore morto in un incidente ad agosto
Next Post Gli italiani chiedono il diritto all’aborto dopo la vittoria elettorale dell’estrema destra