Nuova variante francese del Covid: la Francia scopre nuova variante del Covid IHU, 12 contagiati | notizie dal mondo

Parigi: ricercatori francesi scoprono una nuova specie malattia di coronavirus Variante, probabilmente di origine camerunese, è stata nominata provvisoriamenteIHU“.
Si ritiene che una nuova variante del lignaggio chiamata B.1.640.2 abbia infettato 12 persone nel paese, secondo uno studio non ancora rivisto sostenuto dal governo francese.
Ha 46 mutazioni e 37 delezioni. “Per i dodici pazienti con SARS-CoV che risiedono nella stessa area geografica nel sud-est FranciaIl test qPCR ha mostrato che lo schermo per le mutazioni associate alla variante è una combinazione atipica”, ha affermato Philip Coulson, da IHU Mediterranee Infection, Marsiglia, Francia.
Tuttavia, “è troppo presto per speculare sulle caratteristiche virali, epidemiologiche o cliniche della variante IHU sulla base di questi 12 casi”, ha affermato Coulson.
Secondo lo studio, il caso indicatore (paziente 1) era un adulto vaccinato tornato in Francia da un viaggio in Camerun in Africa centrale.
Tre giorni dopo il suo ritorno, ha sviluppato lievi sintomi respiratori. Il suo campione nasofaringeo è stato raccolto a metà novembre 2021, “rivelando una popolazione atipica incoerente con il modello della variante delta coinvolto in quasi tutte le infezioni da SARS-CoV-2 in quel momento”, e successivamente a Omicron Come ha detto Coulson.
I campioni respiratori raccolti da altri sette pazienti positivi alla SARS-CoV-2 che vivevano nella stessa area geografica hanno mostrato lo stesso insieme di mutazioni esaminate mediante qPCR. Erano due adulti e cinque bambini (sotto i 15 anni).
I campioni respiratori di questi otto pazienti sono stati inviati all’ospedale universitario dell’Istituto Mediterranee per il sequenziamento del genoma SARS-CoV-2 come raccomandato dalle autorità sanitarie pubbliche francesi.
Ulteriori test hanno portato all’identificazione del genotipo SARS-CoV-2. L’analisi ha rivelato 46 mutazioni e 37 delezioni risultanti in 30 sostituzioni di amminoacidi e 12 delezioni. Nella proteina spike sono presenti quattordici sostituzioni di amminoacidi, tra cui N501Y ed E484K, e 9 delezioni.
“Questo genotipo ha portato alla creazione di un nuovo ceppo di pangolino chiamato B.1.640.2, un gruppo fratello dell’evoluzione all’antico ceppo B.1.640 ribattezzato B.1.640.1. Entrambi i ceppi differiscono per 25 sostituzioni nucleotidiche e 33 delezioni, “ha detto lo studio.
“La combinazione di mutazioni e la posizione filogenetica dei genomi qui ottenuti indica, in base alla nostra precedente definizione, una nuova variante che abbiamo chiamato IHU”, ha detto Coulson.
I dati, ha aggiunto, sono “un altro esempio dell’imprevedibilità dell’emergere di varianti di SARS-CoV-2”.
“Nel complesso, queste osservazioni dimostrano ancora una volta l’imprevedibilità dell’emergere e dell’introduzione di nuove varianti di SARS-CoV-2 dall’esterno e rappresentano la difficoltà di controllare questa introduzione e la successiva diffusione”, ha affermato Coulson.
“Le varianti di SARS-CoV-2 sono diventate una delle principali preoccupazioni virologiche, epidemiologiche e cliniche, in particolare per quanto riguarda il rischio di fuga dall’immunità indotta dal vaccino. L’emergere della nuova variante richiede una maggiore sorveglianza genetica per SARS-CoV-2, ” Egli ha detto.

READ  La Russia registra il più alto numero di morti giornaliere per il virus Corona da febbraio | Notizie sulla pandemia del virus corona
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Whistleblower segnala una misteriosa malattia neurologica nella provincia canadese | Taiwan Notizie
Next Post Il futuro del web hosting: 5 cose da cercare nel 2022