Nuova teoria: i giorni della Terra più lunghi hanno stimolato la crescita dell’ossigeno

Piccoli cumuli e “dita” come quelli nei tappetini sono causati da gas come il metano e l’idrogeno solforato che salgono sotto di loro. Uno studio pubblicato lunedì propone e verifica la teoria secondo cui la luce del giorno lunga e continua ha avviato strani batteri a produrre così tanto ossigeno, che la maggior parte della vita come la conosciamo è possibile. (Phil Hartmere, Santuario Nazionale Marino di Noah Thunder Bay)

LAGO HURON, Michigan (AP) – Gli scienziati hanno una nuova idea di come la Terra ottiene il suo ossigeno: questo perché il pianeta rallenta e le giornate sono più lunghe.

Uno studio pubblicato lunedì propone e verifica la teoria secondo cui la luce del giorno lunga e continua ha avviato strani batteri a produrre così tanto ossigeno, che la maggior parte della vita come la conosciamo è possibile.

Hanno estratto batteri viola appiccicosi da a lavandino profondo nel Lago Huron e ha alterato la quantità di luce che ho ricevuto negli esperimenti di laboratorio. Più luce costante ricevono i microbi maleodoranti, più ossigeno producono.

Uno dei più grandi misteri della scienza è come la Terra si sia spostata da un pianeta con un minimo di ossigeno all’aria respirabile che abbiamo ora. Gli scienziati hanno a lungo immaginato chiamati microbi cianobatteriErano coinvolti, ma non riuscivano a capire perché fosse iniziato il Grande Evento dell’Ossigeno.

Ricercatori nello studio di lunedì scienze naturali della terra Egli ipotizza che il rallentamento della rotazione terrestre, che allunga gradualmente i giorni dalle attuali sei a 24 ore, sia stato la chiave per i cianobatteri nel rendere il pianeta più traspirante.

Circa 2,4 miliardi di anni fa, c’era così poco ossigeno nell’atmosfera terrestre che poteva a malapena essere misurato, quindi nessun animale o pianta come quello che conosciamo potrebbe sopravvivere. Molti microbi, invece, hanno inalato anidride carbonica e, nel caso dei cianobatteri, hanno prodotto ossigeno nella prima forma di fotosintesi.

L’autore principale dello studio Judith Klatt, biogeochimica del Max Planck Institute in Germania, ha affermato. L’esplosione di ossigeno ha permesso a piante e animali di evolversi, ha detto, con altre piante che ora si uniscono alla festa per la produzione di ossigeno.

Questa immagine fornita da NOAA Thunder Bay National Marine Reserve mostra bottatrice appoggiata su rocce ricoperte di stuoie microbiche viola e bianche all'interno del cratere centrale dell'isola nel lago Huron, Michigan.  Test di batteri viola da un profondo buco nel Lago Huron.
Questa immagine fornita da NOAA Thunder Bay National Marine Reserve mostra bottatrice appoggiata su rocce ricoperte di stuoie microbiche viola e bianche all’interno del cratere centrale dell’isola nel lago Huron, Michigan. Test di batteri viola da un profondo buco nel Lago Huron. (Foto: Phil Hartmere, Riserva marina nazionale di Noah Thunder Bay)

Ma perché i batteri si ossigenano nella gola? È qui che entra in gioco l’oceanografo dell’Università del Michigan Brian Arbeck. Studia le forze di marea sulla Terra e come hanno rallentato la rotazione della Terra. Arbic stava ascoltando la conferenza di un collega sui cianobatteri e notò che l’evento dell’ossigeno coincideva con un aumento dei tempi dei giorni terrestri. La rotazione del pianeta sta rallentando a causa della complessa fisica di Attrito di marea e interazione con la luna.

Ricercatori del Michigan e ricercatori tedeschi hanno messo alla prova la loro teoria con batteri simili a quelli che sarebbero stati 2,4 miliardi di anni fa. Hanno usato stuoie viola e bianche di cianobatteri che vivono nello strano mondo della dolina a circa 79 piedi di profondità nel lago Huron.

“In realtà immaginiamo che il mondo sia sembrato un po’ come la dolina dell’Isola Centrale per la maggior parte della sua storia”, ha detto Klatt.

I subacquei portarono tappeti gelatinosi fatti di batteri che odoravano di uova marce. Klatt e i suoi colleghi li hanno esposti a diverse quantità di luce per un massimo di 26 ore consecutive. Hanno scoperto che una luce più continua induceva i microbi a produrre più ossigeno.

Gli autori dello studio e gli scienziati esterni hanno affermato che questa è solo una possibile ma plausibile spiegazione per l’aumento dell’ossigeno sulla Terra.

Ciò che rende l’idea così impressionante è che non richiede grandi cambiamenti biologici nei batteri o negli oceani del mondo, ha affermato Tim Lyons, professore di biochimica presso l’Università della California, Riverside, che non faceva parte del team di ricerca.

Il Dipartimento della salute e della scienza dell’Associated Press riceve il sostegno della Divisione di educazione scientifica dell’Howard Hughes Medical Institute. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.

Immagini

Storie correlate

Altre storie che potrebbero interessarti

READ  La NASA ritarda il ritorno sulla Terra di SpaceX Crew-1 Astronauts: ecco perché
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Capcom afferma che l’ultimo personaggio di Street Fighter 5, Luke, “aiuterà ad espandere il mondo di Street Fighter” • Eurogamer.net
Next Post ‘CODA’ di Apple vince il Sundance Film Festival: London BIFA Award