NPR: Llukalkan Aliocranianus scoperto in Argentina

In questa foto pubblicata appare l’impressione di un artista di Llukalkan aliocranianus, un dinosauro carnivoro nel periodo Cretaceo che visse circa 80 milioni di anni fa in Patagonia, in Argentina.

Jorge Blanco / Journal of Vertebrate Paleontology tramite Reuters


Nascondi la didascalia

Cambio di didascalia

Jorge Blanco / Journal of Vertebrate Paleontology tramite Reuters

In questa foto pubblicata appare l’impressione di un artista di Llukalkan aliocranianus, un dinosauro carnivoro nel periodo Cretaceo che visse circa 80 milioni di anni fa in Patagonia, in Argentina.

Jorge Blanco / Journal of Vertebrate Paleontology tramite Reuters

I paleontologi in Sud America hanno scoperto un nuovo dinosauro, chiamato per la sua capacità di ispirare la paura nella sua preda.

Il cranio di un dinosauro chiamato Llukalkan aliocranianus, che significa “colui che provoca paura” nella lingua locale mapuche, è stato scoperto nel 2015 da un gruppo di paleontologi in Argentina.

Nella loro Risultati pubblicati La scorsa settimana, gli scienziati hanno descritto il Llukalkan come un predatore di 16 piedi che avrebbe avuto denti aguzzi e braccia corte che vagavano in Sud America circa 80 milioni di anni fa.

Sebbene il Llukalkan non fosse un T-rex, i paleontologi dicono che forse era uno dei più grandi predatori della sua area.

Llukalkan fa parte di abelisauridae Ariel Mendes, che lavora per il Consiglio nazionale per la ricerca scientifica e tecnica in Argentina e che ha co-scoperto la scoperta, afferma che ciò che distingue la nuova specie dai suoi parenti è la struttura di alcune parti del suo cranio.

READ  I fossili catturati nel raid della polizia demistificano i rettili volanti preistorici

“[Abelisaurids] Avevano braccia molto corte, ma le zampe posteriori e i piedi erano molto ben sviluppati, quindi forse avrebbe potuto essere un corridore straordinario “, ha detto Mendes in spagnolo.

Il team ha utilizzato il teschio per costruire modelli 3D del cervello del dinosauro. Ciò ha dimostrato che la parte del suo cervello responsabile della percezione del suono era leggermente più sviluppata del cervello dei suoi parenti.

“Ciò significa che ha una sorta di campo uditivo distinto, ed è probabilmente più grande di altri dinosauri correlati”, dice Mendes.

Mendes dice che questo avrebbe potuto dare al Llukalkan un vantaggio quando cattura la preda. Questa distinzione ha avuto anche qualche effetto sul suo nome.

Proveniente da un dinosauro carnivoro con denti molto affilati, dice Mendes, “organi sensoriali molto sofisticati – specializzati, forse per la caccia – dato che sarebbe lungo circa 16 piedi, ha sicuramente causato paura nella sua potenziale preda”.

Gli scienziati hanno anche scoperto un altro teschio che, secondo loro, apparteneva a un tipo distinto ma correlato.

Entrambe le scoperte sollevano la questione di come dinosauri simili potrebbero vivere insieme nello stesso ambiente nello stesso periodo, afferma il giornalista scientifico. Riley Black.

“Ci è rimasta la domanda, beh, come hanno fatto a dividere lo stesso habitat? È anche possibile che vivessero nello stesso periodo e che una specie fosse relativamente rara e una specie molto comune”, dice.

Non sorprende che la scoperta di nuove specie di dinosauri non sia sorprendente, dice Black, ma è importante riempire un’altra parte di una vecchia linea temporale.

“Penso che si presume che conosciamo il quadro generale dell’evoluzione dei dinosauri o che abbiamo risposto alla maggior parte delle domande principali. Questo non potrebbe essere più lontano dalla verità”, dice.

Si stima che non tutti i dinosauri attualmente identificati rappresentino anche un terzo di tutte le specie rilevabili, il che significa che è rimasto ancora molto, dice Black.

“Ogni parte di questo ci dice qualcosa in più sull’antico ecosistema, su come questi animali interagivano tra loro e su come i cambiamenti, ad esempio, nel clima globale nel tempo hanno alterato la loro evoluzione”, dice Black.

Alejandra Marquez Jancey, Patrick Garnanaonone e Courtney Durning hanno prodotto e montato la versione audio di questa storia. Alejandra Marquez Jhansi è una stagista con tutte le cose in mente.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il pubblico ministero italiano ha detto che Salvini non dovrebbe essere processato nel caso Gregoretti Immigrati
Next Post Zucche, piselli e peonie: una mostra a New York che celebra il kusama giapponese