Notizie in diretta: l’Ucraina chiede più armi invece di un cessate il fuoco temporaneo

La Banca centrale europea ha spinto a lungo termine le grandi banche di investimento al di fuori dell’Unione europea ad aumentare il personale e il capitale che selezionano nelle operazioni sui mercati finanziari all’interno del blocco © Reuters

La Banca centrale europea, la più grande banca di investimento di Wall Street e della City di Londra, ha avvertito di aver perso la pazienza con l’uso di uffici commerciali europei “vuoti” dopo la Brexit e prevede di costringerla a dirottare più risorse.

La mossa rafforza la spinta di lunga data della Banca centrale europea alle grandi banche di investimento al di fuori dell’Unione Europea per aumentare il personale e il capitale che selezionano nelle operazioni sui mercati finanziari all’interno del blocco, iniziata quando le loro attività europee sono state divise dalla Brexit.

“Le strutture dei bossoli sono vuote… una vera preoccupazione”, ha detto giovedì in un blog Andrea Enria, capo della vigilanza presso la Banca centrale europea.

Ha aggiunto: “La BCE non fissa obiettivi specifici per trasferire il settore bancario nell’eurozona. Vogliamo invece garantire che le persone giuridiche in entrata abbiano disposizioni interne di governance e gestione del rischio che, da un punto di vista prudenziale, corrispondano ai rischi che ne derivano. “

La Banca centrale europea ha completato la prima fase di una valutazione per determinare in che misura sette banche internazionali sono coinvolte nello spostamento del rischio delle operazioni dell’eurozona al di fuori del blocco, in particolare nel Regno Unito, dove molte hanno stabilito le loro operazioni europee prima della Brexit.

La Banca Centrale Europea si sta concentrando su otto grandi banche, di cui una si è già occupata in una precedente valutazione. Si tratta di JPMorgan Chase, Bank of America, Citigroup, Goldman Sachs, Morgan Stanley, HSBC, Barclays e UBS.

Dei 256 trading desk nelle sette banche, ha rilevato che il 70% utilizzava modelli back-to-back, consentendo loro di bilanciare gli scambi dell’UE con le loro entità londinesi e di gestire effettivamente il rischio dal Regno Unito. Un altro 20% ha utilizzato la divisione uffici, dove gestisce congiuntamente clienti dell’UE o beni provenienti da uffici sia nel blocco che nel Regno Unito.

Il capo della vigilanza della Banca centrale europea ha affermato di aver individuato 56 banchi di negoziazione fisici e di emettere “decisioni vincolanti” ai gruppi madri, richiedendo loro di rafforzare le loro operazioni nell’eurozona o di affrontare sanzioni.

READ  È stata sottolineata la necessità del commercio tra Pakistan e Italia
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post La figlia di Putin ha un figlio con il coreografo Zelensky – rapporto
Next Post Celine Enha è stata la prima donna vietnamita a raggiungere la vetta dell’Everest