Non incolpare Raiola per Donnarumma che lascia il Milan per il PSG: il super agente ha ottenuto la stella dell’Italia proprio come voleva

C’è stato un tentativo di ritrarre Raiola come il cattivo nel trasferimento del portiere a Parigi, ma è il 22enne che prende le decisioni.

Gianluigi Donnarumma non potrà ottenere il numero di squadra che vorrebbe al PSG. Mino Raiola, però, ha già inserito quello che conta davvero.

In effetti, la notizia che Donnarumma non potrà indossare la sua maglia numero 99 preferita al Parc des Princes non significa nulla nel grande schema delle cose.

Ciò che conta è che il PSG ha accettato di pagare lo stipendio annuale di € 12 milioni (£ 10,3 / $ 14,6 milioni) che è stato richiesto da Raiola, che si è descritto come un “super agente”, rendendola una settimana adatta per il 53-year- vecchio.

In realtà, Ha iniziato rivelando che i suoi “avvocati hanno già preso provvedimenti” contro i creatori del rapporto, Il RAI 3 Uno spettacolo investigativo andato in onda lunedì sera, con Raiola come eroe.

“E’ un peccato che la televisione di Stato trasmetta notizie false utilizzando denaro pubblico”, ha detto Raiola al quotidiano. Corriere dello Sport.

“La RAI deve garantire un giornalismo serio, invece hanno mandato a Malta un giornalista che diceva tante cose false e non riusciva a trovare l’indirizzo corretto per il mio ufficio.

“Questo errore è imperdonabile in quanto getta un’ombra sulla mia reputazione”.

Naturalmente, Raiola non ha mai mostrato molto interesse per come è visto nell’industria del calcio. Sembra non avere problemi con la sua reputazione; Semmai, si diverte.

Il giornalista olandese Thijs Sligers una volta definì Raiola una “mafia” per Zlatan Ibrahimovic, che annotò nella sua autobiografia: “L’uomo non era in realtà una mafia. [Raiola] Sembrava e si comportava come uno di loro… Era assolutamente spaventato e pronto a fare qualsiasi numero di trucchi.

Che è esattamente quello che l’allora attaccante dell’Ajax cercava in un cliente. “Non volevo un altro bravo ragazzo”, ha scritto Ibrahimovic. “Volevo essere trasferito e ottenere un buon contratto”.

Raiola si è sempre espresso in questo senso, motivo per cui Ibrahimovic spesso viaggiato rimane solo uno dei tanti calciatori di alto profilo nella sua lista di clienti.

Zlatan Ibrahimovic Mino Raiola GFX

Qualunque cosa si pensi di lui, Raiola di solito stringe legami lunghi e duraturi con i suoi giocatori. E sembra che il suo rapporto con Donnarumma non sia diverso.

READ  Claudio Lotti si dimette da Presidente del Salone del Mobile

In Italia, c’è stato un prevedibile tentativo di ritrarre Raiola come il cattivo nella decisione del portiere di lasciare il Milan e unirsi al PSG a parametro zero, un atto di un agente ambizioso che ha portato fuori strada un altro giovane cliente.

Del resto, il 22enne Donnarumma era un tifoso rossonero da ragazzino ed era il tiratore del peso di prima scelta dall’età di 16 anni. Prima dell’inizio della stagione, il tecnico Stefano Pioli ha ammesso di non poter “immaginare”. Milan senza Donnarumma.

Tuttavia, gli uomini single club sono ormai un ricordo del passato nel calcio.

L’allenatore del Milan Paolo Maldini ha trascorso tutta la sua gloriosa carriera calcistica a San Siro, ma quando ha confermato che Donnarumma non avrebbe prolungato il suo contratto con il club, l’icona della difesa ha dichiarato: “È sempre più difficile iniziare una carriera in una parola. e finiscila lì.

“Dobbiamo ringraziare chi ha dato tanto per il Milan e Gigio lo ha fatto, senza alcun disprezzo per il club. Le nostre strade qui sono divise e non posso che augurargli il meglio”.

Molti tifosi del Milan sono stati meno generosi dopo aver ammesso la sconfitta nel tentativo di convincere Super Gigio a restare in rossonero.

Prima della grande resa dei conti tra le prime quattro con la Juventus a fine stagione, un gruppo di ultras si è presentato a Milanello e ha supplicato Donnarumma di restare a San Siro.

Il nazionale azzurro li ha rassicurati che le notizie sul passaggio alla Juventus erano sbagliate, spiegando che non aveva ancora preso una decisione sul suo futuro e insistendo tra le lacrime che voleva che il rossonero rimanesse.

Sul palco, la speranza era che se il Milan si fosse assicurato un ritorno in Champions League per la prima volta dal 2014, Donnarumma avrebbe firmato un rinnovo. Ma non si trattava di calcio, si trattava di finanza. Le estensioni del contratto sono solo un gioco di numeri in questi giorni e, se non vengono aggiunte, il giocatore si unisce a un altro club.

Nel caso di Donnarumma, guadagnava 6 milioni di euro (5,1 milioni di sterline / 7,3 milioni di dollari) a stagione a San Siro. Raiola voleva il doppio per il suo cliente, più una commissione di 20 milioni di euro (17 milioni di sterline/24 milioni di dollari).

READ  Il 70% degli indiani prevede di tornare alla normalità pre-COVID in meno di un anno: sondaggio WEF

Gianluigi Donnarumma Paolo Maldini Milan GFX

Il Milan non era d’accordo con queste cifre. Da quando ha assunto la guida del club, dopo che i precedenti proprietari di Rossoneri Sport Investment Lux sono inadempienti sui prestiti, Elliott Management ha gestito il club nel modo più prudente possibile.

I giganti caduti hanno colto l’occasione per far parte della proposta di Premier League europea, poiché li avrebbe immediatamente riportati in cima al gioco. Tuttavia, grazie agli abili acquisti con Maldini e all’abile allenatore Pioli, il Milan si è comunque lentamente ma sicuramente fatto strada verso la vetta, come dimostra il terzo posto in questa stagione in Serie A.

Donnarumma ha avuto un ruolo fondamentale, ovviamente. È stato nominato miglior portiere del campionato nella stagione 2020-21, ma c’era sempre la possibilità che questa potesse essere l’ultima di Giuseppe Meazza. A dire il vero, potrebbe essere una sorpresa che sia rimasto così a lungo.

Dal momento in cui ha esordito in Serie A, Donnarumma è stato un argomento di conversazione semestrale sul mercato e molti tifosi del Milan sono stati a lungo stanchi delle buffonate di Raiola.

Durante una delle sue tante precedenti controversie contrattuali, ha tenuto una strana conferenza stampa nella sua cucina a Montecarlo e ha accusato il Milan di maltrattare il suo cliente, oltre a creare un’atmosfera ostile che ha portato Donnarumma a ricevere minacce di morte.

Queste accuse non sono state provate, ma Donnarumma e la sua famiglia sono stati soggetti in varie occasioni a viziosi abusi. Soprannominato “Dollarumma”, gli sono state lanciate banconote false, persino uno striscione a San Siro si è trasformato in lacrime.

Tuttavia, in tutte le polemiche, il rapporto di Donnarumma con Raiola non ha mai vacillato.

Prima dello scontro tra Italia e Germania in Polonia, i tifosi rossoneri presenti hanno alzato uno striscione con la scritta “Se hai il Milan nel cuore, lascia il tuo agente”. All’epoca si era parlato che Donnarumma stesse valutando di seguire questo consiglio.

Tuttavia, alla fine ha risposto alle voci twittando: “#Donnarumma #Raiola ieri, oggi e domani!” E questo legame indissolubile è davvero il punto cruciale della questione qui.

Gianluigi Donnarumma Mino Raiola Milan striscione GFX

La stampa ha avuto un ruolo nel promuovere l’idea che Raiola avesse il controllo di Donnarumma. un Gazzetta dello sport L’editoriale alla sua uscita a Milano si apriva con la battuta caustica: “Ciao, Gigio, vai dove ti porta Mino”.

READ  L'amicizia turco-italiana è abbastanza forte da superare i problemi

Ma il fatto è che Raiola lavora per Donnarumma, non il contrario. È Donnarumma che prende le decisioni qui. Se non fosse stato contento del lavoro che stava facendo Raiola, lo avrebbe licenziato.

Come ha detto l’amministratore delegato del Milan Ivan Gazidis rivista: “Non conosco i limiti del rapporto tra Gigio e Raiola, ma alla fine, certo, la decisione è sempre del giocatore… Ha fatto quello che pensava fosse meglio per lui”.

E il Milan ha fatto quello che era meglio per loro, rifiutandosi di cedere alle esorbitanti richieste di Raiola. Hanno fatto a Donnarumma un’offerta molto equa di un aumento di stipendio del 25 per cento (8 milioni di euro l’anno) ed è stata rifiutata. È davvero così semplice.

È divertente che Ibrahimovic abbia espresso i suoi dubbi sulla partenza dell’ex compagno di squadra, dicendo: “Poteva essere il portiere del Milan per 20 anni. Poteva diventare ‘Mister Milan’, come Maldini. Che valore dare a Maldini”. Non ha misurato.

Ha aggiunto durante un’intervista con rivista: “Cos’è ‘guadagnare tanto’? Ogni cosa ha il suo prezzo. Dipende da quanto ti serve il giocatore. Il valore è determinato dal mercato.

E ha ragione Ibra, certo: il mercato è sempre decisivo. Ma è cambiato. A causa della crisi economica causata dal Covid-19, molti club d’élite non sono più in grado di pagare stipendi ridicoli, il che rende inevitabile l’uscita di Donnarumma, tanto più che il Milan aveva già un’ottima alternativa, nella notte di Mike Minnian.

Certo, non c’è modo di ritrarre in una luce positiva la perdita di talento di una generazione come Donnarumma. Si tratta dell’erede di Gigi Buffon, l’uomo che venerdì scatterà contro l’Italia nella gara d’esordio di Euro 2020 contro la Turchia.

Ma questa è stata la decisione di Donnarumma alla fine della giornata. Così come la decisione di Donnarumma di nominare Raiola e mantenerla è passata attraverso continue critiche.

Ha sempre agito in modo professionale e aveva tutto il diritto di lasciare il Milan per niente. Ma potrebbe non scuotere mai il soprannome di “Dollarumma” in Italia.

Potrebbe non interessargli. Proprio come Ibra tanti anni fa, Donnarumma è stato ceduto e ha ottenuto un buon contratto. E grazie Raiola per questo.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Migos condivide l’album “Culture III” con Drake, Future, Cardi B e altro,
Next Post Euro 2020: Roberto Mancini punta alla semifinale, esorta l’Italia a divertire i primi