Non fidarti del prezzo del rublo di Putin, dicono i commercianti

cI commercianti di valuta stanno evitando il tasso di cambio del rublo interno russo a causa dei timori che la sua credibilità crolli in un altro colpo all’economia del paese.

I contratti finanziari saranno prezzati al tasso di cambio più debole all’estero dopo che il tasso interno è stato gonfiato artificialmente attraverso i controlli sui capitali messi in atto dalla banca centrale per evitare che il denaro esca di fretta.

Secondo Bloomberg, l’Emerging Markets Trade Association raccomanda ai trader di cambiare quando valutano determinati contratti derivati ​​dall’inizio del prossimo mese, dato il divario tra il tasso di cambio del rublo nazionale e quello estero.

È un altro segno che la fiducia degli investitori nella Russia di Vladimir Putin sta crollando poiché aziende e commercianti stanno evitando in massa il paese. Gli economisti hanno avvertito che gli investimenti esteri in Russia saranno permanentemente danneggiati dalle azioni del Cremlino mentre le aziende boicottano il paese.

Il rublo è scambiato più debole all’estero, ma il divario tra i due tassi si sta restringendo. I dati Refinitiv mostrano che il prezzo interno è 69,4 per dollaro mentre è 67,9 all’estero, una differenza del 2%.

I controlli sui capitali, le misure per impedire al denaro di lasciare il paese, hanno aiutato il rublo a riprendersi rapidamente dopo il suo crollo sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina. Dopo aver dimezzato il proprio valore nei confronti del dollaro nelle prime settimane di guerra, il rublo ha recuperato tutte le perdite.

Le fortune del rublo sono “sempre più disaccoppiate dalla salute dell’economia russa”, ha affermato Levon Camerian, analista di ScopeRatings.

READ  L'ultima guerra in Ucraina: la NATO definisce la minaccia nucleare russa "pericolosa" e "irresponsabile"

Ha affermato che la ripresa della valuta potrebbe essere spiegata da flussi di denaro per l’energia, controlli della banca centrale sul capitale e tassi di interesse più elevati.

“Gli sforzi della Banca centrale russa per prevenire la fuga di capitali attraverso controlli sui capitali e tassi di interesse elevati, mentre stanno operando in questo momento, vanno a scapito di condizioni finanziarie più rigide”, ha affermato Kameran.

“Prevediamo che la produzione economica russa si ridurrà di almeno il 10% quest’anno, il calo più grande dal 1994, e ristagnerà nel 2023, riportando l’economia ai livelli visti l’ultima volta alla vigilia della crisi finanziaria globale del 2008”.

Il ministero delle Finanze russo ha riconosciuto lunedì che il paese sta affrontando un calo del 12% del prodotto interno lordo quest’anno, il calo più grande dal 1994, quando la sua economia si stava adattando al capitalismo sulla scia del crollo dell’Unione Sovietica.

Nuovi dati pubblicati mercoledì dal Cremlino hanno indicato che l’inflazione russa è scesa per la seconda settimana consecutiva a causa della contrazione della domanda delle famiglie.

I prezzi sono aumentati solo dello 0,1% nei sette giorni fino al 6 maggio, livelli che non si vedevano dall’inizio di gennaio, secondo lo statistico del paese. Tuttavia, Mosca ha affermato che il tasso di inflazione è del 18% rispetto all’anno precedente.

È arrivato quando gli economisti hanno avvertito che le importazioni nel paese si sono quasi dimezzate a marzo e crolleranno ulteriormente man mano che si avvicina alla recessione.

Il Cremlino ha sospeso la pubblicazione dei dati commerciali, ma i dati dei partner commerciali indicano un calo del 45% a marzo, secondo Capital Economics.

READ  Una settimana di elezioni e propaganda elettorale

“Il crollo delle importazioni russe a marzo è il primo segno di un più ampio crollo della domanda interna a causa delle sanzioni occidentali e riteniamo che il calo si intensificherà nel secondo trimestre”, ha affermato Liam Beach, economista russo di Capital Economics.

Poiché l’Unione europea considera un divieto sul petrolio russo, l’Istituto di finanza internazionale ha affermato che il divieto avrebbe un impatto significativo sulle esportazioni del paese. Si aspettava che l’embargo riducesse le esportazioni russe di 155 miliardi di dollari nei prossimi due anni.

“L’impatto finale nel periodo 2022-24 dipenderà in gran parte dalla capacità della Russia di reindirizzare le esportazioni”, ha affermato l’economista dell’IIF Benjamin Helgenstock.

La Commissione europea ha presentato proposte per un embargo petrolifero per intensificare la pressione sul Cremlino. Tuttavia, il voto sull’embargo petrolifero russo necessita dell’approvazione unanime ed è stato rinviato tra l’opposizione dell’Ungheria.

Il suo governo ha avvertito che le proposte sarebbero devastanti per l’economia ungherese dato che il paese importa il 65% delle sue forniture di petrolio dalla Russia.

Il primo ministro Viktor Orban ha dichiarato la scorsa settimana i piani: “Non possiamo accettare una proposta che ignori questa circostanza. Questa proposta nella sua forma attuale è come una bomba atomica sganciata sull’economia ungherese”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post I fan sono sconcertati dal modello 3D della sua vagina di Madonna in una nuova serie di NFT
Next Post Sidney Crosby si è infortunato nella sconfitta dei Pittsburgh Penguin contro i New York Rangers