Non è finita finché non è finita… ma non è mai finita: le malattie infettive riappaiono e riappaiono

Mentre mi preparo a lasciare il mio doppio lavoro presso l’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (NIAID), dove sono medico e scienziato da 54 anni e direttore da 38, un piccolo pensiero è inevitabile. Quando penso alla mia carriera, ciò che spicca di più è lo straordinario sviluppo nel campo delle malattie infettive e la mutevole percezione dell’importanza e della rilevanza di questo campo sia da parte della comunità accademica che del pubblico.

Ho completato la mia formazione di residenza in Medicina Interna nel 1968 e ho deciso di perseguire una borsa di studio di 3 anni in Malattie infettive e Immunologia clinica presso NIAID. A mia insaputa come giovane medico, alcuni scienziati e intellettuali negli anni ’60 credevano che con l’avvento di vaccini altamente efficaci per molte malattie infantili e una gamma crescente di antibiotici, la minaccia di malattie infettive e forse, con essa, la necessità di specialisti in malattie infettive, stava rapidamente scomparendo.1 Nonostante la mia passione per il campo in cui stavo entrando, avrei potuto riconsiderare la mia scelta di un minore se avessi saputo di questa incertezza sul futuro del maggiore. Naturalmente, a quel tempo, la malaria, la tubercolosi e altre malattie nei paesi a basso e medio reddito uccidevano milioni di persone ogni anno. Ignaro di questa contraddizione intrinseca, ho felicemente perseguito i miei interessi clinici e di ricerca nelle difese dell’ospite e nelle malattie infettive.

Quando sono uscito da una borsa di studio diversi anni fa, sono rimasto un po’ sbalordito quando il Dr. Robert Petersdorf, un’icona nel campo delle malattie infettive, ha pubblicato un articolo provocatorio su rivista suggerendo che le malattie infettive come sottospecialità della medicina interna stavano svanendo nell’oblio.2 In un articolo intitolato “Il dilemma dei medici”, ha scritto del numero di giovani medici che iniziano la formazione in varie sottospecialità della medicina interna, “Anche con la mia grande devozione personale alle malattie infettive, non riesco a concepire la necessità di 309 altre malattie infettive esperti a meno che non passino il loro tempo ad allevarsi a vicenda.

READ  SpaceX abbandona il contratto di lancio della NASA per la missione sulla luna di Giove Europa

Naturalmente, tutti noi aspiriamo a far parte di un campo dinamico. Il tuo campo scelto era ora stabile? Dott.. Petersdorf (che sarebbe diventato mio amico e mentore part-time mentre noi e altri ci mescolavamo Principi di medicina interna di Harrison) ha dato voce a una visione comune che mancava di un pieno apprezzamento della vera natura dinamica delle malattie infettive, soprattutto per quanto riguarda il potenziale di infezioni nuove e riemergenti. Negli anni ’60 e ’70, la maggior parte dei medici era consapevole del potenziale di pandemie, dato il noto precedente della storica pandemia influenzale del 1918, nonché delle più recenti pandemie influenzali del 1957 e del 1968. Una nuova malattia infettiva che potrebbe influenzare in modo significativo la società è ancora inteso puramente per impostazione predefinita.

Tutto cambiò nell’estate del 1981 con il riconoscimento dei primi casi di quello che divenne noto come AIDS. L’impatto globale di questa malattia è sbalorditivo: dall’inizio dell’epidemia, più di 84 milioni di persone sono state infettate dall’HIV, il virus che causa l’AIDS, di cui 40 milioni sono morte. Solo nel 2021, 650.000 persone sono morte per malattie legate all’AIDS e 1,5 milioni di persone sono state contagiate di recente. Oggi, più di 38 milioni di persone vivono con l’HIV.

Sebbene non sia stato ancora sviluppato un vaccino contro l’HIV sicuro ed efficace, i progressi scientifici hanno portato allo sviluppo di farmaci antiretrovirali (ARV) altamente efficaci che hanno trasformato l’infezione da HIV da una malattia quasi sempre mortale in una malattia cronica gestibile associata a una media Aspettativa di vita ca. Data la mancanza globale di equità nell’accesso a questi farmaci salvavita, l’HIV/AIDS persiste, provocando un bilancio devastante in termini di morbilità e mortalità, 41 anni dopo che è stato riconosciuto per la prima volta.

Se c’è un lato positivo dell’emergenza dell’HIV/AIDS, è che la malattia ha accresciuto nettamente l’interesse per le malattie infettive tra i giovani che entrano nel campo della medicina. In effetti, con l’avvento dell’HIV/AIDS, avevamo un disperato bisogno di quei 309 stagisti di malattie infettive di cui il dottor Petersdorf era preoccupato, e molti altri. A suo merito, anni dopo la pubblicazione del suo articolo, il dottor Petersdorf ha prontamente ammesso di non apprezzare appieno il potenziale impatto delle infezioni emergenti ed è diventato una sorta di cheerleader per i giovani medici che intraprendono una carriera nelle malattie infettive e in particolare nella pratica dell’HIV / AIDS. e ricerca.

READ  Covid News: più di 200 milioni di americani sono stati completamente vaccinati

Eventi degni di nota selezionati nell’emergenza di malattie infettive precedenti e durante i quattro decenni dell’autore come direttore del NIAID.

DRC sta per DRC, MERS-CoV, Sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e XDR ampiamente resistente ai farmaci.

Naturalmente, la minaccia e la realtà delle infezioni emergenti non si sono fermate all’HIV/AIDS. Durante il mio mandato come direttore del NIAID, siamo stati messi alla prova dall’emergere o dalla recrudescenza di molte malattie infettive con vari gradi di impatto regionale o globale (vedi orario). Tra questi c’erano i primi casi umani noti di influenza H5N1 e H7N9. La prima pandemia del 21° secolo (nel 2009) è stata causata dall’influenza H1N1; molteplici focolai di Ebola in Africa; Zika nelle Americhe; sindrome respiratoria acuta grave (SARS) causata dal nuovo coronavirus; Sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) causata da un altro coronavirus emergente; E ovviamente Covid-19, il più forte campanello d’allarme in oltre un secolo sulla nostra vulnerabilità alle epidemie di malattie infettive emergenti.

La devastazione globale causata da Covid-19 è davvero storica e mette in evidenza la generale mancanza di preparazione della salute pubblica nel mondo per un focolaio di questa portata. Tuttavia, una componente di grande successo della risposta al Covid-19 è stato il rapido sviluppo – reso possibile da anni di investimenti nella ricerca di base e applicata – di piattaforme di vaccini altamente adattabili come l’mRNA (tra gli altri) e l’uso di strumenti di biologia strutturale in per progettare l’immunità vaccinale. La velocità senza precedenti con cui sono stati sviluppati, dimostrati e distribuiti vaccini Covid-19 sicuri e altamente efficaci ha salvato milioni di vite.3 Nel corso degli anni, molte sotto-discipline della medicina hanno beneficiato enormemente degli incredibili progressi tecnologici. Lo stesso si può dire ora per il campo delle malattie infettive, in particolare con gli strumenti che ora abbiamo per rispondere alle malattie infettive emergenti, come il sequenziamento rapido e ad alto rendimento dei genomi virali; sviluppo di una diagnostica multiplata rapida e altamente specifica; e l’uso di un design immunogenico basato sulla struttura con nuove piattaforme di vaccini.4

READ  Con i pannelli solari ora accesi, Lucy ha qualcosa da fare

Se qualcuno ha dei dubbi sulla natura dinamica delle malattie infettive Pertanto, la disciplina delle malattie infettive, La nostra esperienza nei quattro decenni successivi al riconoscimento dell’AIDS avrebbe dovuto dissipare completamente tale dubbio. Oggi non c’è motivo di credere che il rischio di infezioni emergenti diminuirà, perché le loro cause sottostanti sono presenti e probabilmente aumenteranno. L’emergere di nuove infezioni e la rinascita di vecchie malattie è in gran parte il risultato delle interazioni umane e dell’invasione della natura. Man mano che le società umane si espandono in un mondo progressivamente interconnesso e l’interazione uomo-animale viene disturbata, si creano opportunità, spesso con l’aiuto dei cambiamenti climatici, per l’emergere di agenti infettivi instabili, il salto di specie e in alcuni casi l’adattamento per diffondersi tra gli esseri umani.5

L’inevitabile conclusione delle mie riflessioni sull’evoluzione del campo delle malattie infettive è che le critiche che ci sono state negli anni sono state sbagliate e che la disciplina non è certo statica; È davvero dinamico. Oltre all’ovvia necessità di continuare a migliorare le nostre capacità di affrontare malattie infettive consolidate come la malaria e la tubercolosi, tra le altre, è ormai chiaro che le malattie infettive emergenti rappresentano sempre una sfida. Come disse una volta uno dei miei esperti preferiti, Yogi Berra: “Non è finita finché non è finita”. Ovviamente ora possiamo estendere questo assioma: quando si tratta di malattie infettive emergenti, Non è mai finito. Come specialisti in malattie infettive, dobbiamo essere sempre pronti e in grado di rispondere a una sfida in continua evoluzione.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il ministro dello Sport ha detto che la Juventus non è l’unica società in difficoltà
Next Post Notizie in diretta: i dati sull’inflazione negli Stati Uniti mostrano che il ritmo della crescita dei prezzi sta rallentando