Non controllare la disinformazione sul coronavirus Covid-19 su radio e podcast

In un recente episodio del suo podcast, Rick Wiles, un pastore che si autodefinisce un “cittadino reporter”, ha approvato la teoria della cospirazione: Vaccini contro il covid-19 Era il prodotto di un “colpo di stato globale della banda di persone più feroce della storia umana”.

“È un uovo che si schiude in un parassita artificiale e cresce all’interno del tuo corpo”, ha detto il signor Wells nell’episodio del 13 ottobre. “Questo è come un incubo di fantascienza, e sta accadendo proprio di fronte a noi”.

Mr. Wiles appartiene a un gruppo di host che hanno rilasciato dichiarazioni false o fuorvianti su di loro Covid-19 e cure efficaci Così. Come molti di loro, ha accesso a gran parte del suo pubblico di ascolto perché il suo spettacolo appare su una piattaforma offerta da una grande società di media.

Il podcast di Mr. Wales è disponibile su iHeart media, una società audio con sede a San Antonio afferma che raggiunge nove americani su dieci ogni mese. Spotify e Apple sono altre due importanti aziende che forniscono importanti piattaforme audio per gli host che hanno condiviso opinioni simili con i loro ascoltatori su Covid-19 e sforzi di vaccinazione, o hanno ospitato ospiti nei loro spettacoli che hanno promosso tali concetti.

Studi scientifici hanno dimostrato che i vaccini lo faranno Proteggere le persone dal virus corona periodi prolungati e ha ridotto significativamente la diffusione del Covid-19. Come il bilancio delle vittime globale associato a Covid-19 supera i cinque milioni In un’epoca in cui più del 40% degli americani era Non completamente vaccinato iHeart, Spotify, Apple e molte società audio più piccole hanno fatto poco per tenere a freno ciò che i conduttori radiofonici e i podcaster stanno dicendo sul virus e sugli sforzi di vaccinazione.

“Non c’è fine a questo”, ha affermato Jason Loveglio, professore associato di studi sui media e sulla comunicazione presso l’Università del Maryland, nella contea di Baltimora. “Non esiste un vero meccanismo per rispondere, a parte il boicottaggio di inserzionisti e dirigenti aziendali che affermano che dobbiamo cambiare la cultura”.

I dirigenti del settore vocale sembrano meno propensi delle loro controparti dei social media a tentare di verificare il discorso pericoloso. vera notiziaWiles, che ha usato la frase “colpo di stato ebraico” per descrivere gli sforzi per mettere sotto accusa l’ex presidente Donald J. Trump, è stato bloccato da YouTube. Il suo podcast rimane disponibile su iHeart.

Alla domanda sulle sue false dichiarazioni sui vaccini Covid-19, Wells ha descritto gli sforzi per mitigare la pandemia come “comunismo globale”. “Se i nazisti vincono, la libertà finirà per generazioni, forse per sempre”, ha detto in una e-mail.

La prevalenza di programmi radiofonici e podcast è grande, soprattutto tra i giovani: un recente sondaggio del National Research Group, una società di consulenza, ha rilevato che il 60% degli ascoltatori di età inferiore ai 40 anni riceve le notizie principalmente attraverso l’audio, il tipo di media dicono che si fidano di più della semplice stampa o del video.

READ  Boeing blocca il lancio della capsula dell'equipaggio Starliner alla stazione spaziale

“Le persone sviluppano relazioni molto strette con i podcast”, ha affermato Evelyn Dweck, ricercatrice senior presso il Knight First Editing Institute della Columbia University. “È un metodo invadente. C’è qualcosa nel suono con cui gli esseri umani si relazionano davvero”.

Marc Bernier, conduttore radiofonico di Daytona Beach, in Florida, il cui programma è disponibile per il download o trasmesso sulle piattaforme digitali di iHeart e Apple, è stato tra i conduttori radiofonici deceduti per complicazioni da Covid-19 dopo aver espresso opinioni anti-vaccinazione. Software. Le morti hanno fatto notizia a livello nazionale e hanno scatenato una serie di commenti sui social media. Ciò che ha attirato meno attenzione è stata l’industria che li ha aiutati a dare loro un pubblico.

In un episodio di giugno, il signor Bernier ha detto dopo aver fatto riferimento a persone non vaccinate: “Io sono uno di loro. Giudicami se vuoi”. Il mese successivo, ha citato pretesa infondata quale – quale”45.000 persone Sono morti per aver preso il vaccino”. Nel suo ultimo tweet su Twitter, il 30 luglio, Bernier ha accusato il governo di “agire come nazisti” per aver incoraggiato i vaccini contro il Covid-19.

Jimmy DeYoung Sr. è morto. , il cui spettacolo era disponibile su iHeart, Apple e Spotify, a causa di complicazioni da Covid-19 dopo aver reso il suo spettacolo un luogo per dichiarazioni false o fuorvianti sui vaccini. Uno dei suoi ospiti abituali era Sam Rohrer, un ex rappresentante della Pennsylvania che ha paragonato la promozione dei vaccini Covid-19 alle tattiche naziste e ha fatto una falsa dichiarazione generale. “Questo non è un vaccino, per definizione”, ha detto Rohrer nell’episodio di aprile. “È un cambiamento permanente nel mio sistema immunitario, che Dio ha creato per affrontare il genere di cose che arrivano in questo modo”. Mr. DeYoung ha ringraziato il suo ospite per la sua “intuizione”. Il signor DeYoung morì quattro mesi dopo.

Buck Sexton, co-conduttore di un programma di Premiere Networks, una società iHeart, ha recentemente avanzato la teoria che i vaccini di massa contro il Covid-19 potrebbero accelerare la mutazione del virus in ceppi più pericolosi. Ha fatto questo suggerimento mentre appariva in un altro spettacolo di Premiere Networks, “The Jesse Kelly Show”.

Questa teoria sembra avere le sue radici in un documento di ricerca del 2015 sui vaccini per le malattie dei polli chiamato malattia di Marek. Il suo autore, Andrew Reed, professore di biologia ed entomologia alla Penn State University, Egli ha detto La sua ricerca è stata “interpretata male” dagli attivisti antivaccinisti. Ha aggiunto che è stato scoperto che i vaccini contro il Covid-19 riducono significativamente la trasmissione, mentre i polli vaccinati con il vaccino contro la malattia di Marek sono ancora in grado di trasmettere la malattia. Il signor Sexton non ha risposto a una richiesta di commento.

READ  Dopo una rapida virata dall'atterraggio del Crew Dragon, è previsto il volo di un altro aereo

“Stiamo vedendo molte stazioni radio pubbliche fare un fantastico lavoro locale di diffusione di buone informazioni sulla salute”, ha detto il signor Loveglio, professore di media. “D’altro canto, vedi principalmente la radiotelefonia AM e le loro controparti podcast sono il selvaggio west delle onde radio”.

iHeart – che possiede più di 860 stazioni radio, pubblica Oltre 600 podcast Gestisce un ampio archivio di programmi audio online – ha Regole I podcast sulla sua piattaforma impediscono loro di fare dichiarazioni che incitano all’odio o promuovono la propaganda nazista o diffamatoria. Non dirà se ha una politica in merito a dati falsi su Covid-19 o sforzi di vaccinazione.

Una mela Linee guida sui contenuti per i podcast Bandire “contenuti che possono portare a risultati dannosi o pericolosi, o contenuti osceni o gratuiti”. Apple non ha risposto alle richieste di commento per questo articolo.

Spotify, che La sua piattaforma podcast dice 299 milioni di ascoltatori mensili, proibito Incitamento all’odio nelle sue istruzioni. In risposta alle indagini, la società ha dichiarato in una dichiarazione scritta che sta vietando anche i contenuti che “promuove contenuti ingannevoli, pericolosi e pericolosi su Covid-19, che possono causare danni offline e/o rappresentare una minaccia diretta per la salute pubblica”. La società ha aggiunto di aver rimosso i contenuti che violano le sue politiche. Ma l’episodio con la conversazione del signor DeYoung con il signor Rohrer è stato così… ancora disponibile tramite Spotify.

Dawn Ostroff, Lead Content and Advertising di Spotify, ha dichiarato in a cospirazione Nell’ultimo mese, la società ha adottato “passi molto drastici” per aumentare gli investimenti nella moderazione dei contenuti. Ha detto: “C’è una differenza tra i contenuti che realizziamo, i contenuti che concediamo in licenza e i contenuti sulla piattaforma, ma le nostre politiche sono le stesse indipendentemente dal tipo di contenuto presente sulla nostra piattaforma. Non consentiremo alcun contenuto che viola o impreciso in alcun modo.”

L’industria audio non è stata sottoposta allo stesso esame delle grandi società di social media, i cui amministratori delegati sono stati interrogati Audizioni del Congresso Sul ruolo delle piattaforme nella diffusione di informazioni false o fuorvianti.

I giganti dei social media hanno compiuto sforzi nell’ultimo anno per arginare il flusso di false segnalazioni relative alla pandemia. nel mese di settembre, Youtube Ha detto che gli account di diversi importanti attivisti anti-vaccini sono stati vietati. Rimuove o sottovaluta anche i contenuti che considera disinformazione, vicini o poco enfatizzati. alla fine dell’anno scorso, Twitter Ha annunciato che rimuoverà i post e gli annunci relativi a Affermazioni false sui vaccini contro il virus corona. Sito di social network Facebook Ha seguito l’esempio a febbraio, affermando che avrebbe rimosso false affermazioni sui vaccini in generale.

READ  L'Indonesia ha migliaia di letti d'ospedale vuoti. Allora perché i malati di Covid-19 muoiono a casa?

Sylvia Chan Olmsted, professoressa di media all’Università della Florida, ha affermato che i podcast potrebbero essere più efficaci nel diffondere informazioni false rispetto ai social media. “Le persone che frequentano i podcast hanno un coinvolgimento più attivo”, ha detto. “Non è come, ‘Oh, sono andato su Facebook e l’ho sfogliato e ho visto questa disinformazione. “È probabile che tu sia imparentato, interessato a questo host, che cerchi attivamente quella persona e ascolti quello che ha da dire.”

I media audio sono cresciuti in popolarità durante la pandemia, secondo il CEO di iHeart Robert W. Bateman, ex presidente di MTV e AOL. In una recente conferenza dell’industria dei media, ha notato un cambiamento nelle abitudini di ascolto negli ultimi 20 mesi: “Prima della pandemia, il consumatore, a causa delle connessioni sociali e di molte altre cose, si sentiva fuori dal mondo e apprezza i media che sembrano un compagno. Ce ne sono due: radio e Ora c’è un podcast. “

La Federal Communications Commission, che autorizza le società che utilizzano le onde radio pubbliche, supervisiona gli operatori radio, ma non i podcast o la voce online, che non sfruttano le onde radio pubbliche.

Alla FCC è vietato violare il diritto alla libertà di parola dei cittadini statunitensi. Quando agisci contro una società di media sulla programmazione, di solito è in risposta a reclami su contenuti ritenuti osceni o inappropriati, come quando una stazione televisiva della Virginia è stata multata nel 2015 per un comunicato stampa che includeva un segmento su una pornostar.

In una dichiarazione, un portavoce della FCC ha affermato che l’agenzia “esamina tutte le denunce e determina ciò che è applicabile ai sensi della Costituzione e della legge”. Ha aggiunto che la responsabilità principale di quanto sta accadendo in onda spetta ai proprietari delle stazioni radio, considerando che “i concessionari di trasmettere hanno il dovere di agire nell’interesse pubblico”.

Il mondo delle conversazioni radiofoniche e dei podcast è enorme e il sentimento anti-vaccino è una piccola parte di esso. Offerte iHeart serie di podcast educativi Informazioni sui vaccini Covid-19, creati da Spotify Centro per i podcast sul Covid-19 Dalle agenzie di stampa tra cui ABC e Bloomberg.

C’è stato almeno un cambiamento tra gli host che una volta erano scettici sulla pandemia e gli sforzi per combatterla. Bill Cunningham, che ha un programma radiofonico a Cincinnati promosso da Premiere Networks di iHeart e disponibile su Apple, ha trascorso la prima parte della pandemia sostenendo che il Covid-19 era stato esagerato. Ha rivisto il suo punto di vista in onda Quest’anno ha descritto la sua decisione di vaccinare e ha incoraggiato i suoi ascoltatori a fare lo stesso.

Di recente, ha espresso il desiderio di una pozione di richiamo e ha affermato di aver scelto un nuovo soprannome: “The Vaxxinator”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Selezioni “Lucky 7” visualizzate dal menu AutoHunter
Next Post La serie animata I Am Groot presenta Baby Groot con un nuovo logo