Niente neve per i Giochi di Pechino, l’uso della neve artificiale, il cambiamento climatico, quando ci sono le Olimpiadi?

Turbine giallo brillante fiancheggiano le piste delle Olimpiadi invernali di Pechino, punteggiando la neve artificiale necessaria per i Giochi.

La neve artificiale è stata utilizzata a vari livelli dalle Olimpiadi invernali del 1980 a Lake Placid, New York.

Ma i Giochi di Pechino di febbraio dipenderanno quasi interamente dalla neve artificiale perché si svolgerà in una delle regioni più aride della Cina.

Cattura ogni momento di The Ashes dal vivo e senza pubblicità mentre giochi su Kayo. Nuovo per Kayo? Prova subito 14 giorni gratis.

A sole cinque settimane dall’inizio dei Giochi, gli organizzatori stanno correndo per coprire le piste con neve di alta qualità, un compito enorme e complesso che i critici ritengono insostenibile dal punto di vista ambientale.

Gli stadi utilizzano sistemi di innevamento automatizzato che monitorano la temperatura e l’umidità dell’aria per massimizzare la produzione.

Alimentate da serbatoi locali, circa 300 turbine – note come “cannoni da neve” – ​​mescolano l’acqua con l’aria compressa prima di spingere le goccioline nell’aria per formare la neve.

Un dipendente lavora su una macchina per il ghiaccio per le Olimpiadi invernali di Pechino 2022 a Zhangjiakou, nella provincia di Hebei, nel nord della Cina. (Foto di Noel Seles/AFP)Fonte: Agence France-Presse

I lavoratori usano quindi veicoli simili a camion chiamati “gatti delle nevi” per spargere la neve sulle piste da sci e intagliare salti e curve.

I luoghi devono garantire che la neve soddisfi gli standard esatti di profondità, durezza e consistenza.

“La sfida più grande per noi è mantenere una qualità uniforme della neve”, ha affermato Li Xin, vicepresidente delle operazioni in montagna presso il Centro nazionale di sci alpino a Yanqing, a circa 80 chilometri (50 miglia) da Pechino.

Le differenze nel processo di produzione del ghiaccio “possono rendere la qualità della neve troppo dura in alcuni punti e troppo morbida in altri, il che può essere pericoloso per gli atleti”, ha affermato in un evento di notizie in loco.

Le chiazze bianche e rigide si stagliano chiaramente contro le montagne brunastre di Yanqing, che in modo naturale sperimentano nevicate minime.

Un rapporto di valutazione del Cio afferma che Zhangjiakou e Yanqing – le due aree giochi che ospitano lo sci alpino e lo snowboard, tra gli altri eventi all’aperto – “dipenderanno interamente dalla neve artificiale”.

Uno studio del 2020 nella pubblicazione scientifica Nature ha avvertito che l’esaurimento delle acque sotterranee nel nord della Cina era un “problema critico” e tra i più alti a livello globale, a causa dell’irrigazione agricola intensiva, della rapida urbanizzazione e del clima secco.

Ciò significa carenza d’acqua per milioni di residenti di Pechino, e l’approvvigionamento idrico è destinato a peggiorare in futuro, hanno affermato i ricercatori.

Macchine per la produzione di neve durante la Coppa del mondo di snowboard FIS 2022, parte dell’evento di prova delle Olimpiadi invernali di Pechino 2022 al Jinting Snow Park nella contea di Zhongli, città di Zhangjiakou, provincia di Hebei, Cina. (Foto di AFP)Fonte: Agence France-Presse

Gli organizzatori delle Olimpiadi invernali affermano che i generatori di neve sono alimentati da energia rinnovabile e non danneggeranno gli ecosistemi montani, mentre l’acqua che usano tornerà ai serbatoi locali quando la neve si scioglierà in primavera.

Florian Hagzeri, direttore generale cinese di TechnoAlpin, l’azienda italiana che fornisce le macchine, ha affermato che i sistemi automatizzati delle apparecchiature riducono il tipo di errore umano che può portare a sprechi.

Con le località di tutto il mondo che passano alla neve artificiale per funzionare senza intoppi durante l’inverno, “non importa quali siano le Olimpiadi, ci saranno sempre sistemi di innevamento artificiale in tutti i luoghi”, ha detto ad AFP.

Ma gli esperti affermano che la dipendenza dalla neve artificiale sta minando l’impegno di Pechino a organizzare i Giochi “verdi”.

L’utilizzo di grandi quantità di energia e risorse per creare neve nella regione povera d’acqua è “irresponsabile”, ha affermato Carmen de Jong, professoressa di geografia all’Università francese di Strasburgo.

“Possiamo anche tenere le Olimpiadi sulla luna o su Marte”, ha detto.

READ  Come guardare il calcio di Serie A in Canada: tutte le partite dall'Italia su fuboTV
Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Samsung Galaxy Tab A8 India lanciato, potrebbe essere in vendita tramite Amazon
Next Post Il Museo di Storia Naturale identifica più di 500 nuove specie nel 2021 | Museo di Storia Naturale