NHL rinvia la partita Senators-Kraken a causa di “problemi legati al COVID”

Ultime notizie sportive:

  • Senators-Kraken rinviati dopo che Ottawa ha messo 3 giocatori, vice allenatore sul protocollo COVID
  • Matthews, assistente di Leafs fuori dall’allenamento per “motivi precauzionali”
  • Le pantere aggiungono giocatori, allenatore al protocollo NHL
  • Il pattinatore americano Shiffrin tornerà, mentre altri salteranno la gara di Coppa del Mondo di martedì
  • Casi positivi al Covid ostacolano il ritorno delle squadre di calcio tedesche

Lunedì, la National Hockey League ha annunciato il rinvio della partita degli Ottawa Senators contro il Seattle Kraken del 6 gennaio a causa di “problemi legati al COVID” che interessano la squadra.

I senatori avevano inserito il difensore Thomas Chabot e gli attaccanti Zach Sanford, Chris Tierney e l’assistente allenatore Bob Jones nel protocollo COVID-19 della NHL lunedì.

Ottawa ora ha nove giocatori nel protocollo. Chabot, Tierney e Sanford si sono uniti al portiere Anton Forsberg, agli attaccanti Josh Norris, Tyler Ennis e Nick Paul e ai difensori Dillon Hetherington e Jacob Bernard Docker.

Questa è la seconda grande epidemia di COVID-19 per i senatori in questa stagione. Tre delle partite della squadra sono state rinviate a novembre dopo che 10 giocatori sono entrati nel protocollo COVID-19 della lega.

I senatori hanno chiamato il difensore Michael Del Zotto e l’attaccante Scott Saborin della squadra del Senato di Belleville dell’American Hockey League. Del Zotto è stata aggiunta al roster di Ottawa mentre Saborin è stata assegnata alla sua squadra di taxi.

I senatori avrebbero dovuto ospitare il Minnesota lunedì, ma questo era uno dei tanti giochi con sede in Canada rinviati dalla NHL a causa dei limiti di capacità dello stadio in Canada.

L’ultima partita dei Senators è stata la sconfitta per 6-0 contro Toronto sabato. I Canucks dovrebbero poi suonare a Vancouver l’8 gennaio.

Matthews, un assistente esperto di Workout Leafs

La star dei Toronto Maple Leafs Auston Matthews e l’assistente allenatore Dean Chenoweth hanno abbandonato l’allenamento lunedì per quelle che la squadra ha descritto come “motivi precauzionali”.

The Leafs ha annunciato l’assenza su Twitter, ma non ha fornito ulteriori dettagli.

Toronto sta affrontando l’epidemia di COVID-19 che ha visto al culmine 14 giocatori e sette membri dello staff nel protocollo del coronavirus della NHL. Il difensore del Levs Timothy Lilligreen è stato l’unico giocatore a rimanere in isolamento quando sabato ha battuto 6-0 gli Ottawa Senators in visita.

Matthews sta uscendo da un dicembre distinto che lo ha visto scegliere la stella numero uno dell’hockey su ghiaccio dopo aver segnato 10 gol e quattro assist in sette partite.

Il 24enne è risultato positivo al COVID-19 nel giugno 2020 nella sua casa in Arizona, mentre la stagione 2019-20 è stata sospesa a causa della pandemia.

I Leafs ospiteranno gli Edmonton Oilers mercoledì. La partita casalinga di Toronto in programma lunedì sera contro i Carolina Hurricanes è stata una delle numerose competizioni rinviate dalla NHL a causa delle restrizioni sulla capacità dello stadio in Canada.

Panthers aggiunge 3 al protocollo e ripristina le stelle a 10 giocatori

L’attaccante dei Florida Panthers Sam Reinhart, Mason Marshman e l’assistente allenatore Tomo Roto sono entrati lunedì nel protocollo COVID-19 dell’hockey.

Tutti e tre non sono disponibili per la partita di martedì contro i Calgary Flames in visita.

Nel frattempo, lunedì i Dallas Stars hanno rimosso dal protocollo COVID-19 10 giocatori e due membri dello staff di supporto.

Il capitano Jimmy Benn è l’unico giocatore ancora nella lista delle stelle, che non gioca dal 20 dicembre a causa dei ritardi legati all’epidemia nelle sue ultime sei partite.

Dallas dovrebbe tornare sul ghiaccio in casa giovedì contro i Florida Panthers.

I giocatori autorizzati a tornare lunedì sono Radek Vaxa, Luke Glinding, Jani Hakanpa, Miro Heskanen, Robbie Hintz, Joel Kiviranta, Issa Lindell, Michael Raffel, Jason Robertson e Ryan Sutter.

Shiffrin si prepara a tornare dopo il test COVID-19 positivo

Mikaela Schiffrin tornerà in Coppa del Mondo femminile in uno slalom martedì, otto giorni dopo essere risultata positiva al COVID-19 che l’ha costretta a rinunciare a due gare tecniche in Austria la scorsa settimana.

Shiffrin ha subito un test negativo lunedì pomeriggio prima che il nome dell’americano comparisse sulla lista di partenza ufficiale della gara emessa dall’International Skating Union.

“Ci vediamo domani, Zagabria”, ha scritto Shivrin su Instagram.

Tuttavia, la compagna di squadra americana di Shiffrin, Nina O’Brien, è tra un gruppo di corridori che ha perso la gara di martedì poiché il coronavirus colpisce sempre più il circuito femminile, meno di cinque settimane prima delle Olimpiadi di Pechino.

Il gruppo che è stato messo da parte per la gara di martedì comprende almeno tre sciatori svizzeri – Camille Rast, Allen Danioth e Melanie Millard – oltre a due austriaci, un norvegese e un italiano.

Un’austriaca, Franziska Gretsch, ha dichiarato a novembre che è stata una sua “decisione personale” non farsi vaccinare contro il coronavirus. Per questo motivo non le è stato permesso di recarsi alle gare tecnologiche del 27 e 28 novembre a Killington, nel Vermont.

Shiffrin ha saltato una gara di slalom gigante e slalom a Linz la scorsa settimana, ma è rimasta in testa alla classifica di Coppa del Mondo con 93 punti su Sofia Goggia. L’esperto italiano di velocità, che non gareggia in slalom da cinque anni, è assente dalla Croazia.

Nessuno spettatore potrà assistere alla gara alla periferia della capitale croata, che di solito è tra le gare più visitate del calendario femminile.

Il Covid-19 impedisce il ritorno delle squadre di calcio tedesche

I preparativi dei club tedeschi per la ripresa del campionato tedesco dopo la pausa invernale sono ostacolati dal contagio del Corona virus.

I campioni del Bayern Monaco sono tra i più colpiti, con l’allenamento di lunedì rinviato al tardo pomeriggio in modo che i giocatori e lo staff tecnico possano essere testati al loro ritorno.

Il ritorno della squadra è già stato ritardato di un giorno dopo che il club bavarese ha segnalato cinque casi di virus Covid-19: il capitano e portiere Manuel Neuer, i giocatori Kingsley Coman, Corentin Tolisso e Omar Richards, nonché l’assistente allenatore Dino Topmüller, sono tutti risultati positivi per il virus.

Non è chiaro se i cinque abbiano un omicron e se salteranno la partita del Bayern contro il Borussia Monchengladbach per far ripartire il campionato venerdì. Neuer, che ha detto di avere sintomi lievi, salterà la partita.

Anche Gladbach è stato colpito dopo che sono state segnalate quattro infezioni da coronavirus: Joe Scully, Mamadou Doukuri, Denis Zakaria e Keanan Bennetts tutti in quarantena.

“Tutti e quattro i giocatori stanno facendo bene”, ha detto Gladbach.

Dei 18 club della Bundesliga tedesca, 13 hanno riportato casi di coronavirus.

Lo Stoccarda ha isolato quattro giocatori prima di fare visita all’ultimo posto Grother Fürth sabato, Silas Katumba Mfumba, Noero Ahamada, Konstantinos Mavropanos e Mateo Klimovic tutti colpiti.

Il Borussia Dortmund dovrà probabilmente fare a meno dell’infortunato Dan-Axel Zagado nella partita contro l’Eintracht Francoforte sabato. Il Francoforte ha due giocatori in quarantena con COVID-19.

Entrambi i club di Berlino risentono anche dei risultati positivi del test. Frederic Andre Bjornkan, il nuovo giocatore dell’Hertha Berlino, è tra i loro giocatori in quarantena.

READ  Andrea Feller di Fort Wayne rappresenterà l'Italia nel softball ai Giochi Olimpici del 2021 a Tokyo
Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Cerca la quadrupla pioggia di meteoriti in uno spettacolo di Capodanno – Boston News, Weather, Sports
Next Post Le cose sono letteralmente tese per il James Webb Space Telescope della NASA