Nave di soccorso Ong con a bordo 800 migranti approda in Italia per un porto sicuro

DUBAI (Reuters) – La Gran Bretagna giovedì è diventata il primo paese al mondo ad approvare una pillola antivirale COVID-19 potenzialmente rivoluzionaria sviluppata dalla statunitense Merck e Ridgeback Biotherapeutics, per dare una spinta alla lotta contro la pandemia.
La British Medicines and Healthcare Products Regulatory Agency (MHRA) ha raccomandato l’uso di molnupiravir in persone con COVID-19 da lieve a moderato e almeno un fattore di rischio per malattie gravi, come obesità, diabete avanzato e malattie cardiache.
Il regolatore, citando i dati clinici, ha affermato che sarebbe stato somministrato il prima possibile dopo un test COVID-19 positivo ed entro cinque giorni dalla comparsa dei sintomi.
Il via libera è il primo trattamento antivirale orale per COVID-19 e il primo per un farmaco COVID-19 da somministrare su larga scala nella comunità. I consiglieri statunitensi si incontreranno questo mese per votare se autorizzare il molnopiravir.
I trattamenti per affrontare l’epidemia, che ha ucciso più di 5,2 milioni di persone in tutto il mondo, finora si sono concentrati principalmente sui vaccini. Altre opzioni, tra cui il Remdesivir antivirale infuso con Gilead e il desametasone steroideo generico, non vengono generalmente somministrate fino a dopo il ricovero in ospedale del paziente.
Il molnupiravir di Merck è stato attentamente monitorato poiché i dati del mese scorso hanno mostrato che può ridurre le possibilità di morte o ricovero in ospedale per le persone più a rischio di COVID-19 grave se somministrato all’inizio della malattia.
Molnupiravir, che si chiamerà Lagevrio in Gran Bretagna, è progettato per introdurre errori nel codice genetico del coronavirus che causa il COVID-19 e viene assunto due volte al giorno per cinque giorni.
Il professor Stephen Boyce, direttore medico nazionale per NHS England, ha affermato che il farmaco sarebbe stato somministrato a pazienti a maggior rischio di complicanze poiché la Gran Bretagna è entrata in uno dei suoi inverni più duri mai registrati.
Ha aggiunto che seguirebbe un rilascio più ampio se fosse clinicamente ed economicamente conveniente nel ridurre i ricoveri e i decessi.
Maggie Thorpe, ministro per i vaccini del Regno Unito, ha dichiarato al Parlamento: “Stiamo lavorando attraverso il governo e il servizio sanitario nazionale per fornire urgentemente questo trattamento ai pazienti inizialmente attraverso uno studio nazionale in modo da poter raccogliere più dati su come funzionano gli antivirali nelle popolazioni vaccinate. soprattutto”.
La rapida approvazione in Gran Bretagna, che è stato anche il primo paese occidentale ad approvare un vaccino COVID-19, arriva mentre lotta per domare l’aumento dell’infezione.
La Gran Bretagna ha circa 40.000 casi di Covid-19 ogni giorno, secondo la media degli ultimi sette giorni. Questo è secondo solo a circa 74.000 persone al giorno negli Stati Uniti, che hanno una popolazione di oltre cinque volte, e ha suscitato critiche per la decisione del governo di abbandonare la maggior parte delle restrizioni legate alla pandemia.
I dati diffusi mercoledì sera hanno mostrato che la diffusione di Covid-19 in Inghilterra ha raggiunto il massimo storico il mese scorso, guidata da un gran numero di casi tra i bambini e da un aumento nel sud-ovest del Paese.
Sta aumentando la pressione sul governo affinché attui il suo “Piano B” volto a proteggere il SSN da richieste insostenibili, compresi i mandati per le mascherine, i biglietti per i vaccini e gli ordini di lavoro da casa.
Diverse altre importanti economie, tra cui Germania, Francia e Israele, hanno mantenuto o reintrodotto alcune misure fondamentali relative al coronavirus come i mandati di mascherine in risposta ai casi in crescita.
Il governo del Regno Unito ha affermato che la sua attenzione rimane sulla somministrazione di richiami e sulla vaccinazione dei bambini di età compresa tra 12 e 15 anni.
“Senza compromessi su qualità, sicurezza ed efficacia, il pubblico può essere certo che l’MHRA ha condotto una valutazione solida e completa dei dati (su molnupiravir)”, ha affermato il presidente dell’MHRA John Rehn in una nota.
La Gran Bretagna ha concordato il mese scorso un accordo con Merck per garantire 480.000 cicli di molonopiravir.
Il professor Penny Ward, un farmacologo indipendente, ha accolto con favore l’approvazione, ma ha affermato che il servizio sanitario nazionale doveva delineare i suoi piani per la circolazione e ha avvertito che le forniture potrebbero essere limitate data la forte domanda globale.
“I commenti fatti da Javid oggi suggeriscono che potrebbe essere reso disponibile attraverso uno studio clinico, presumibilmente per verificarne l’efficacia nei pazienti vaccinati con infezioni improvvise, poiché lo studio originale includeva adulti non vaccinati”, ha affermato.
Se dato a tutti, ha detto, quasi mezzo milione di corsi non durerebbe a lungo, dato l’attuale tasso di casi giornalieri di oltre 40.000.
In una dichiarazione separata, Merck ha affermato che prevede di produrre 10 milioni di cicli di trattamento entro la fine di quest’anno, di cui almeno 20 milioni dovrebbero essere prodotti nel 2022.
Le azioni della casa farmaceutica statunitense sono aumentate del 2,1% a 90,54 dollari prima dell’apertura del mercato.
Pfizer e Roche stanno anche correndo per sviluppare pillole antivirali di facile somministrazione per COVID-19. Pfizer il mese scorso ha iniziato un ampio studio sul suo farmaco antivirale orale per prevenire il COVID-19 nelle persone esposte al coronavirus.
Anche il molnopiravir di Merck è in fase di studio in studi in fase avanzata per prevenire l’infezione.
Merck ha affermato che il sequenziamento virale eseguito finora ha mostrato l’efficacia di Molnopiravir contro tutti i tipi di coronavirus, incluso il virus delta più contagioso, responsabile dell’aumento globale del numero di recenti ricoveri e decessi.
Sebbene non sia ancora chiaro quando Merck consegnerà le dosi alla Gran Bretagna, l’azienda ha affermato di essere impegnata a fornire un accesso tempestivo ai suoi farmaci a livello globale attraverso piani tariffari differenziati in linea con la capacità di pagamento del paese.
Merck è anche in trattative con i produttori di farmaci generici per espandere le licenze di produzione per costruire forniture di trattamenti.
I cocktail di anticorpi come quelli di Regeneron ed Eli Lilly sono approvati anche per i pazienti che non sono in cura in ospedale, ma devono essere somministrati per via endovenosa.

READ  Francia e Italia ottengono una rara vittoria sull'Unione europea ritirandosi da regole odiate | mondo | Notizia

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La WWE ha appena rilasciato molte Superstar
Next Post 31 ufficiali IAS in UP andranno in pensione nel 2022