Natura: vermi killer di tarantola che prendono il nome dall’attore Jeff Daniels “Aracnofobia”

È stato scoperto un nuovo tipo di tarantolaIl nematode è stato chiamato in onore dell’attore Jeff Daniels, che ha recitato nel film degli anni ’90 Arachnophobia.

“Il suo personaggio nel film è un killer di ragni, che è esattamente ciò che sono questi nematodi”, ha detto il parassitologo Adler Dillmann, che ha guidato il team che ha scoperto il verme.

Mentre il dottor Jennings, interpretato da Daniels nella commedia horror, invia elettricità, fuoco e pistole ai suoi nemici a otto zampe, il suo nuovo nome sta colpendo la bocca dei ragni.

Il “Tarantobelus jeffdanielsi” paralizza gli organi della tarantola che si muovono canini e ne influenza il comportamento, impedendo loro di mangiare fino a quando non muoiono di fame.

Non è chiaro per quanto tempo T. jeffdanielsi possa vivere su un ragno, ma sono sopravvissuti in laboratorio per 11 giorni. I vermi sono ermafroditi autofecondanti che danno alla luce ciascuno 160 bambini.

Una specie appena scoperta del nematode della tarantola (nella foto) prende il nome dall’attore Jeff Daniels, che ha recitato nel film degli anni ’90 Arachnophobia. “Il suo personaggio nel film è un assassino di ragni, che è esattamente ciò che è questo nematode”, ha detto il parassitologo Adler Dillmann, che ha guidato il team che ha scoperto il verme.

Parlando con l’UCR, il signor Daniels ha scherzato: “Quando ho sentito per la prima volta che una nuova specie di nematode aveva preso il mio nome, ho pensato: ‘Perché?’ C’è una somiglianza? “.

Onestamente, sono stato onorato dal fatto che mi onorassero e dall’aracnofobia. L’attore ha aggiunto: Mi ha fatto sorridere.

“E ovviamente, a Hollywood, non ci sei riuscito fino a quando non sei stato riconosciuto dai parassiti”, ha detto sarcasticamente.

Mentre i nematodi sono tra gli animali più abbondanti sulla Terra – e sono rappresentati da 25.000 specie diverse – questa è solo la seconda volta che una specie è stata trovata per infettare una tarantola.

T. jeffdanielsi è stato scoperto dopo che un allevatore di tarantole all’ingrosso ha contattato il professor Dillman nel settembre del 2019, chiedendo aiuto per identificare una misteriosa infezione che stava infettando alcuni ragni.

I ricercatori hanno spiegato che quando le tarantole vengono infettate da T. jeffdanielsi, mostrano strani comportamenti, come camminare in punta di piedi e non mangiare, mentre anche i loro arti, le appendici che controllano le loro zanne, smettono di funzionare.

Se contraggono questa infezione, [tarantulas] disse il professor Dillman.

Tuttavia, il parassitologo dell’Università della California, Riverside, ha osservato che “potrebbero volerci mesi, perché la tarantola non deve mangiare molto”.

Esaminando alcuni degli esemplari infetti, l’esperto ha notato che ciascuno aveva una massa bianca insolita ma distinta intorno alla bocca, immediatamente riconoscibile come composta da nematodi.

Ulteriori analisi hanno rivelato che i parassiti stavano infettando esclusivamente la bocca dei ragni, senza nessuno nello stomaco della tarantola e nessun segno che i vermi avessero danneggiato l’esterno dei ragni.

READ  La navicella spaziale della NASA ricorda nove anni su Marte con un incredibile panorama a 360 gradi

Non è chiaro che i nematodi si nutrano del ragno stesso. Il professor Dillman ha detto: “Probabilmente si nutre di batteri che vivono sulla tarantola.

I ricercatori hanno spiegato che questa seconda ipotesi è supportata dal fatto che quando hanno coltivato i vermi in laboratorio, hanno scoperto che mangiavano Escherichia coli.

Esaminando alcuni degli esemplari infetti, il professor Dillman ha notato che ciascuno aveva una massa bianca insolita ma distinta intorno alla bocca (come nella foto), immediatamente riconoscibile come costituito da nematodi

Esaminando alcuni degli esemplari infetti, il professor Dillman ha notato che ciascuno aveva una massa bianca insolita ma distinta intorno alla bocca (come nella foto), immediatamente riconoscibile come costituito da nematodi

Secondo il professor Dillman, il fatto che questo sia solo il secondo nematode ad infettare una tarantola è dovuto al numero limitato di persone che studiano i ragni e non all’unicità dei parassiti.

I nematodi esistono da centinaia di milioni di anni. Si è evoluto per infettare ogni tipo di ospite su questo pianeta, compresi gli umani.

“Qualsiasi animale che conosci sul pianeta Terra, c’è un threadworm che può infettarlo.”

Con il loro studio iniziale completato, il team sta ora cercando di capire come i vermi alterano il comportamento della tarantola e paralizzano i camminatori, oltre a sviluppare modi in cui gli allevatori possono gestire o prevenire l’infezione da T. jeffdanielsi.

I risultati completi dello studio sono stati pubblicati in Giornale di parassitologia.

Cosa sono i nematodi?

I nematodi sono un tipo di vermi microscopici e ci sono più di 25.000 specie conosciute.

Migliaia di singoli nematodi possono essere trovati in una manciata di terreno del giardino.

Alcune specie possono contenere più di 27 milioni di uova contemporaneamente e deporre più di 200.000 uova in un solo giorno.

I loro corpi sono lunghi e stretti, simili a un piccolo filo: questa è l’origine del nome del gruppo.

READ  I consulenti per la sicurezza della NASA hanno espresso preoccupazione per lo Starliner di Boeing e per la Starship di SpaceX - Spaceflight Now

La parola “nematode” deriva dal greco “nema” che significa “filo”.

La cuticola (pelle) di un nematode non è fatta di cellule come gli altri animali, ma è invece una massa di materiale cellulare e un nucleo senza membrane separate.

Questa epidermide secerne un guscio esterno spesso, duro e flessibile.

La cuticola è la cosa più vicina allo scheletro dei nematodi e viene utilizzata come punto di appoggio e leva per il movimento.

I muscoli lunghi si trovano sotto la pelle. Tutti questi muscoli sono allineati longitudinalmente lungo l’interno del corpo, quindi il nematode può solo flettere il suo corpo da un lato all’altro, non gattonare o sollevarsi, quindi i nematodi a forma libera sembrano inciampare senza meta.

Fonte: Museo Paleontologico dell’Università della California

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il satellite della NASA monitora pianeti giganti sull’orlo della distruzione
Next Post Pierre-Emerick Aubameyang: l’Al-Nasr Saudi Club si offre di prendere in prestito l’attaccante dell’Arsenal fino a fine stagione | notizie di calcio