MotorK SaaS Automotive si prepara a un’IPO da 173 milioni di dollari

MotorK, la società italiana di software-as-a-service (SaaS) che serve i concessionari di automobili, si prepara a diventare pubblica con un’offerta pubblica iniziale (IPO) che potrebbe valutare l’azienda a 150 milioni di euro (173 milioni di dollari).

società annunciare Questa settimana, l’IPO è prevista entro la fine dell’anno, con MotorK quotata a Euronext Amsterdam.

Marco MarliaIl co-fondatore e CEO di MotorK afferma che l’IPO “sbloccherà enormi opportunità” per la sua azienda, i suoi partner e clienti.

“Come azienda tecnologica con le auto nel nostro DNA, abbiamo lavorato instancabilmente per costruire una piattaforma leader di mercato e una strategia di crescita di successo che combini crescita organica con acquisizioni strategiche”, ha affermato. “Crediamo che questo sia solo l’inizio del nostro viaggio e che la pista davanti sia ampia”.

Fondata nel 2010, MotorK offre una piattaforma SaaS basata su cloud chiamata “SparK”, che include una suite di prodotti progettati per supportare “l’intero ciclo di vita del veicolo e l’intero percorso del cliente”.

Nel suo annuncio di IPO, la società ha sottolineato che il mercato del software di distribuzione automobilistica è ampio, poco servito e promettente.

MotorK afferma che utilizzerà i proventi dello spettacolo per finanziare le spese di ricerca e sviluppo, espandere il proprio team di vendita e mantenere la maggior parte del denaro – circa il 60% – per fusioni e acquisizioni al fine di espandere la propria presenza sul mercato.

LEGGI DI PI: Keyloop, azienda di tecnologia automobilistica, attrae SaaS FISC per migliorare le vendite di nuovi veicoli

L’annuncio arriva settimane dopo che la società di tecnologia automobilistica Keyloop ha annunciato di aver acquisito SaaS FISC in una fusione progettata per offrire una migliore vendita di nuove auto a concessionari, finanziatori e OEM.

READ  Gli affari dell'Eurozona sono aumentati a luglio, ma le pressioni sui prezzi e il nuovo coronavirus stanno facendo pressione

—————————————

Nuovi dati PYMNTS: Studio Digital Banking – La battaglia preliminare per decidere dove spendere

Di: Il 47% dei consumatori americani evita le banche digitali solo per problemi di sicurezza dei dati, nonostante l’elevato interesse per questi servizi. In Digital Banking: The Brewing Battle For Where We Will Bank, PYMNTS ha intervistato più di 2.200 consumatori per rivelare come solo le banche digitali possono migliorare la privacy e la sicurezza offrendo servizi convenienti per soddisfare questa domanda insoddisfatta.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Lo stuntman estremo è stato portato d’urgenza in ospedale dopo essere caduto da 70 piedi in un incidente specifico
Next Post Celtics vs. Heat: come guardare lo streaming in diretta, l’orario della soffiata, la TV, la finale di pre-stagione (15 ottobre)