Monkeypox: l’Oms deve riconsiderare se l’epidemia sia un’emergenza di salute pubblica di interesse internazionale

Alla fine di giugno, il comitato di emergenza dell’OMS ha deciso che l’epidemia non soddisfaceva i criteri per tale dichiarazione.

Ma mentre il virus continua a diffondersi, il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus vuole che il comitato riprenda la questione, sulla base degli ultimi dati sull’epidemiologia e sull’evoluzione dell’epidemia.

Tedros ha detto mercoledì che avrebbe convocato il comitato durante la settimana del 18 luglio, o prima, se necessario.

“Per il vaiolo delle scimmie, rimango preoccupato per la portata e la diffusione del virus. In tutto il mondo, sono stati registrati oltre 6.000 casi in 58 paesi in tutto il mondo”. ha detto Tedros.

“I test rimangono una sfida ed è molto probabile che ci sarà un numero significativo di casi non catturati”, ha aggiunto. “L’Europa è l’attuale epicentro dell’epidemia, con oltre l’80% dei casi registrati a livello globale”.

Il vaiolo delle scimmie, una malattia virale, si verifica principalmente nell’Africa centrale e occidentale, dove il virus è endemico, ma come parte di un recente focolaio, il virus si è diffuso in molte aree del mondo dove di solito non si vede.

Tedros ha affermato, mercoledì, che sono stati segnalati casi anche in paesi africani che non erano stati precedentemente colpiti dal virus e che nei luoghi in cui il virus si sta diffondendo si stanno registrando numeri record. Ha detto che i team dell’OMS stanno seguendo da vicino i dati.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità sta lavorando con paesi e produttori di vaccini per coordinare lo scambio di vaccini rari contro il vaiolo delle scimmie. L’organizzazione sta anche lavorando con i gruppi per rompere lo stigma attorno al virus e diffondere informazioni per aiutare a proteggere le persone.

“Voglio elogiare in particolare coloro che condividono video online tramite i canali dei social media, parlando dei loro sintomi e delle esperienze con il vaiolo delle scimmie”, Egli ha detto. “Questo è un modo positivo per rompere lo stigma su un virus che può infettare chiunque”.

I primi dati sull’epidemia hanno indicato che gay, bisessuali e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini costituivano un numero significativo di casi segnalati, portando a preoccupazione per la stigmatizzazione della malattia e della comunità LGBTQ.

READ  Via Lattea: gli astronomi catturano le immagini più profonde e accurate del buco nero della nostra galassia

Tuttavia, chiunque sia stato in stretto contatto con qualcuno che ha il virus può essere a rischio.

Il Il virus del vaiolo delle scimmie può essere trasmesso da persona a persona Attraverso il contatto diretto con fluidi corporei infettivi o eruzioni cutanee, croste e piaghe che possono essere causate dalla malattia. La diffusione può avvenire anche attraverso il contatto indiretto, come indumenti o biancheria da letto contaminati dal virus.

Può anche diffondersi attraverso le secrezioni respiratorie durante il contatto faccia a faccia prolungato o durante il contatto fisico intimo, come baci, coccole o rapporti sessuali.

I sintomi del vaiolo delle scimmie Possono includere febbre, mal di testa, dolori muscolari, linfonodi ingrossati, brividi, affaticamento e un’eruzione cutanea che può sembrare vesciche o vesciche.

L’eruzione cutanea attraversa varie fasi, sviluppandosi in vesciche prima della guarigione.

Negli Stati Uniti sono stati distribuiti circa 41.500 cicli di vaccini

secondo dati È stato pubblicato mercoledì dal Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.

Un ciclo di Jynneos comprende due dosi a distanza di quattro settimane.

Il Amministrazione Biden La scorsa settimana ha annunciato che la strategia di vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie si concentrerà sulle aree con i più alti tassi di infezione e rischio complessivo. Nuovi dati HHS mostrano che il Distretto di Columbia ha di gran lunga il maggior numero di casi segnalati pro capite e ha ricevuto il maggior numero di dosi di vaccino pro capite.

La distribuzione dei vaccini è molto concentrata anche negli stati della California, Illinois e New York, in particolare nelle tre maggiori città degli Stati Uniti: New York, Los Angeles e Chicago.

READ  Un nuovo studio ha scoperto che T. Rex camminava sorprendentemente lentamente

Anche Massachusetts, Hawaii e Colorado hanno ricevuto finora un’ampia quota di distribuzione di vaccini.

Secondo i dati, undici stati non hanno ricevuto alcun vaccino contro il vaiolo delle scimmie; Nessuno di loro ha segnalato casi al CDC.

Aumento dei tassi di test del vaiolo delle scimmie negli Stati Uniti

Sono in corso anche sforzi per aumentare i test per il virus negli Stati Uniti.

La società di laboratorio commerciale Labcorp inizierà mercoledì a testare il vaiolo delle scimmie nella sua struttura più grande negli Stati Uniti, raddoppiando la capacità del paese di testare il virus, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Il momento ah-ha in cui i medici si sono resi conto che il primo paziente americano nell'epidemia globale aveva il vaiolo delle scimmie: & # 39;  Inizialmente non era sul nostro schermo radar.
Il Il CDC ha annunciato mercoledì Che Labcorp sarà in grado di accettare campioni per i test da qualsiasi parte degli Stati Uniti e la società prevede di condurre fino a 10.000 test a settimana.
focolaio portato a 605 casi probabili o confermati negli Stati Uniti Da mercoledì sera. Sono stati segnalati casi in 34 stati, il Distretto di Columbia e Porto Rico. Tre di questi casi erano residenti al di fuori degli Stati Uniti.

“La capacità dei laboratori commerciali di testare il vaiolo delle scimmie è un pilastro fondamentale della nostra strategia generale per combattere questa malattia”, ha affermato mercoledì il direttore del CDC, la dott.ssa Rochelle Walinsky. “Questo non solo aumenterà la capacità di test, ma renderà anche più conveniente per fornitori e pazienti l’accesso ai test utilizzando le relazioni esistenti tra fornitore e laboratorio”.

Se qualcuno pensa di avere un’infezione da vaiolo delle scimmie, il fornitore dovrà ordinare un test. “Il pubblico non potrà andare al laboratorio Labcorp e fornire un campione”, hanno affermato i Centers for Disease Control and Prevention nella sua dichiarazione.

READ  Il rover persistente ha creato ossigeno su Marte

Il Laboratory Response Network dei Centers for Disease Control and Prevention esegue la maggior parte dei test per il vaiolo delle scimmie negli Stati Uniti, ma il 22 giugno il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti ha annunciato che i test del vaiolo delle scimmie si sarebbero espansi a cinque laboratori commerciali: Aegis Science, Labcorp, Mayo Laboratori clinici, Quest Diagnostics, Sonic Healthcare.

Mercoledì, il CDC ha confermato che i test erano stati spediti ai laboratori e che il loro personale era stato formato su come amministrare i test. “I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) si aspettano che ulteriori laboratori commerciali diventino disponibili online e che la capacità di test del vaiolo delle scimmie continuerà ad aumentare per tutto luglio”.

Deidre McPhillips e Naomi Thomas della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post F1 2022, Ferrari, Mattia Binotto, Charles Leclerc, Carlos Sainz, Gran Premio di Gran Bretagna, Ross Brawn, FIA, regolamento, regole
Next Post Doja Cat chiede a Noah Schnapp di Stranger Things di organizzarlo con il suo amico Joseph Quinn