Modi e Xi sono leader ‘responsabili’ che possono risolvere i problemi sino-indiani: Putin

Di: PTI | San Pietroburgo (Russia) |

Aggiornato: 5 giugno 2021 20:09:27

Il presidente russo Vladimir Putin ha sottolineato sabato che sia il primo ministro Narendra Modi che il presidente cinese Xi Jinping sono leader “responsabili”, affermando che sono in grado di risolvere i problemi tra i due paesi e che è importante che non ci sia “potere al di fuori del regione” che dovrebbe interferire in queste questioni. l’operazione.

Con la Russia che critica pubblicamente il Quartetto, il raggruppamento di quattro nazioni di India, Stati Uniti, Giappone e Australia, Putin ha anche detto che sebbene non spettasse a Mosca valutare come e in che misura un paese avrebbe partecipato a qualsiasi iniziativa. Costruire le loro relazioni con altre nazioni, ma la partnership non dovrebbe mirare a fare amicizia con nessuno.

I commenti del presidente russo, in risposta a una domanda sulla visione di Mosca del Quartetto e sulla partecipazione dell’India al raduno, sono stati un velato riferimento all’affermazione cinese secondo cui il raduno mira a contenere l’influenza di Pechino nella regione strategica dell’Indo-Pacifico.

Ha anche sottolineato che non ci sono “contraddizioni” nella partnership della Russia con l’India e nei rapporti tra Mosca e Pechino.

“Sì, so che ci sono alcune questioni relative alle relazioni India-Cina, ma ci sono sempre molte questioni tra i paesi vicini, ma conosco anche la posizione sia del Primo Ministro dell’India che del Presidente della Cina. Questi sono molto responsabili persone che si prendono sul serio con il massimo rispetto e credo che arriveranno sempre a una soluzione a qualsiasi problema possano incontrare.

“Ma è importante che nessun altro potere al di fuori della regione interferisca in questo”, ha detto il presidente russo a PTI attraverso un interprete durante un’interazione virtuale.

READ  Un aereo con a bordo il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris ha dovuto fare retromarcia dopo un problema tecnico مشكلمشكة

È passato più di un anno dallo scoppio dello scontro militare tra Cina e India nel Ladakh orientale il 5 maggio 2020, durante il quale ci sono stati morti da entrambe le parti per la prima volta in 45 anni. Hanno compiuto progressi limitati nel raggiungere il disimpegno nell’area del lago Pangong, mentre i negoziati per passi simili in altri punti di attrito sono rimasti bloccati.

In risposta a una domanda sulla crescente vicinanza tra Russia e Cina e se ciò influirà sulla cooperazione in materia di sicurezza e difesa tra India e Russia, Putin ha affermato che le relazioni tra India e Russia si stanno sviluppando molto rapidamente e con molto successo sulla base della “fiducia”. “.

“Apprezziamo molto un così alto livello di cooperazione con i nostri amici indiani. Queste relazioni sono di natura strategica. Coprono l’intera gamma della nostra cooperazione in economia, energia e alta tecnologia. In difesa, non parlo solo dell’acquisto di armi russe. Abbiamo relazioni”, ha detto. Molto profondo con l’India si basa sulla fiducia”.

Putin ha anche sottolineato che l’India è l’unico partner della Russia che lavora insieme allo “sviluppo e produzione di sistemi e tecnologie di armi avanzate, specialmente in India, ma non è qui che finisce la nostra cooperazione perché la nostra cooperazione è multiforme”.

Interagendo con selezionati senior editor delle principali agenzie di stampa internazionali, tra cui Stati Uniti, India, Regno Unito, Germania e Francia, Putin ha risposto a questioni di ampio respiro, comprese le relazioni tra Russia e Stati Uniti, pandemia La situazione e le sanzioni Usa alla Russia e alla questione Gaza.

In risposta a una domanda sulle critiche del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov al Quartetto come una “NATO asiatica” e sulla sua opinione sulla partecipazione dell’India al raduno, Putin ha detto: “Non partecipiamo al Quartetto, non è mio compito dare la mia valutazione a qualsiasi altro paese. Partecipazione a qualsiasi iniziativa perché ogni paese ha Un sovrano ha il diritto di decidere con chi e in che misura stabilire le sue relazioni. Penso solo che qualsiasi partenariato tra nazioni dovrebbe mirare a fare amicizia contro chiunque, no .”

READ  L'infezione da Covid-19 si diffonde nell'aria, afferma il centro nel protocollo modificato; I casi attivi diminuiscono ulteriormente

In vista del suo primo vertice con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden a Ginevra il 16 giugno, il presidente russo ha anche affermato di non aspettarsi alcuna “svolta”.

Non stiamo facendo i primi passi, sto parlando dei passi che hanno portato al deterioramento delle nostre relazioni. Non siamo stati noi a imporre sanzioni contro di noi, sono stati gli Stati Uniti a farlo in ogni occasione e anche senza motivo, proprio per l’esistenza del nostro Paese».

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Djokovic per il dodicesimo anno consecutivo sulla 4a strada a Parigi
Next Post incredibile! Tinder aggiunge questa nuova funzionalità per evitare imbarazzo | Notizie di tecnologia