Modi dice che l’India è con l’Afghanistan mentre il terremoto uccide almeno 1.000 | Le ultime notizie sull’India

La Paktika orientale è stato lo stato più colpito. Vittime e danni sono stati segnalati anche nelle vicine province di Khost e Nangarar al confine con il Pakistan.

Scritto da Kanishka Singaria | A cura di Sohini Goswami

Il primo ministro Narendra Modi, mercoledì, ha espresso le sue condoglianze per il devastante terremoto in Afghanistan e ha affermato che l’India è al fianco del paese vicino ed è pronta a fornire tutta l’assistenza al più presto.

“Profondamente rattristato dalla notizia del devastante terremoto che ha colpito oggi l’Afghanistan. Le più sentite condoglianze per la perdita di vite preziose. L’India è al fianco del popolo afghano nei suoi momenti difficili ed è pronta a fornire al più presto tutti i soccorsi in caso di catastrofe”, Modi ha scritto in un tweet.

L’ambasciatore dell’Afghanistan in India Fred Mamundzai ha espresso il suo apprezzamento per il sostegno dell’India. “Apprezziamo la solidarietà e il sostegno dell’India in questo momento difficile. La situazione umanitaria in Afghanistan è già andata di peggio in peggio – e con disastri naturali come il recente terremoto che ha reso la vita insopportabile a molti afgani”, ha scritto Mamondsai su Twitter.

Un potente terremoto ha colpito una remota regione di confine in Afghanistan all’inizio di mercoledì, uccidendo almeno 1.000 persone e ferendone quasi 1.500, hanno detto i funzionari, con il bilancio delle vittime che dovrebbe aumentare mentre i soccorritori disperati scavano nelle abitazioni crollate.

READ  L'assistente di volo di IndiGo invia un messaggio di addio ai volantini

Secondo quanto riferito, un numero imprecisato di persone è ancora intrappolato sotto le macerie, mentre frane e pioggia hanno complicato le operazioni di soccorso. “Sebbene le attività di ricerca e soccorso continuino, forti piogge e vento stanno ostacolando gli sforzi degli elicotteri, che si diceva non sarebbero stati in grado di atterrare questo pomeriggio”, ha detto a Reuters un portavoce dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari.

La Paktika orientale è stato lo stato più colpito. Vittime e danni sono stati segnalati anche nelle vicine province di Khost e Nangarar al confine con il Pakistan. Il terremoto è stato il peggior disastro che ha colpito il Paese da quando una frana nel 2014 ha ucciso 2.000 persone nella provincia nord-orientale del Badakhshan.

storia vicina

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post La leggenda di Nasscar Bruton Smith muore a 95 anni: azienda di proprietà della Nashville SuperSpeedway
Next Post La NASA annuncia sette nuovi gestori di volo