Misteriose tracce sul fondo dell’oceano mostrano spugne nell’Artico mentre navighi

Questa immagine mostra le tracce lasciate dalla spugna mentre strisciava sul fondo del mare. Credito: AWI OFOBS Team, PS101

Un animale acquatico noto come spugna è spesso descritto come piuttosto pigro: una volta che si è stabilito da qualche parte e maturato, generalmente non si crede che si muova. Ma secondo un nuovo studio sulla rivista Biologia attuale Il 26 aprile 2021, mentre i ricercatori hanno descritto misteriosi percorsi di reti spugnose marrone chiaro (elementi di supporto simili a punte nella spugna) attraverso il fondo del mare nell’Artico, non è stato sempre così.

“Abbiamo osservato percorsi di spicole dense e intrecciate collegate direttamente alle ali inferiori o inferiori degli individui di spugna, indicando che questi percorsi sono tracce del movimento della spugna”, hanno detto i ricercatori, guidati da Teresa Morganti del Max Planck Institute for Marine Microbiology and Autun Purser Per la ricerca polare e marina, scrivi. “Questa è la prima volta che abbondanti percorsi di spugne sono stati osservati in situ e sono attribuibili al movimento della spugna”.

Era come se la spugna si fosse “insinuata” nelle loro attuali posizioni. La spugna infatti contiene uno stadio larvale mobile. Ma si pensa che la maggior parte delle specie diventi sessile come gli adulti. Le spugne, dopotutto, non hanno muscoli o organi specializzati per muoversi. Possono rispondere alla stimolazione esterna e muoversi leggermente contraendo o espandendo il loro corpo. C’erano anche alcune prove del movimento di spugne coltivate in laboratorio. In alcuni casi, quel movimento comportava il rimodellamento completo dei loro corpi.

Tuttavia, le nuove scoperte hanno sorpreso il team di ricerca. La scoperta è stata fatta studiando un video girato nel 2016 dal ricercatore rompighiaccio Polarstern mentre osservava le vette permanentemente coperte della cresta di Langseth.

READ  Casi Covid, prezzi in rialzo a Los Angeles in vista degli incontri del 4 luglio - scadenza

La slitta con telecamera sottomarina e l’HROV (Hybrid Remote Operated Vehicle) hanno mostrato che le cime delle colline erano coperte da una delle comunità di spugne più dense mai viste. I ricercatori hanno stabilito che i notevoli ammassi spugnosi consistevano principalmente di un gran numero di individui di Geodia parva, G. hentscheli e Stelletta rhaphidiophora.

Dicono che non è chiaro, visto il difficile contesto, come l’area supporti una così vasta comunità di spugne. Ancora più interessanti, tuttavia, sono i numerosi percorsi del reticolo di spugna. Lungi dalla scarsità, i ricercatori hanno visto tracce in quasi il 70% delle immagini del fondo marino contenenti spugne vive.

Questi corridoi erano alti diversi centimetri e lunghi fino a diversi metri. Spesso erano attaccati direttamente alle spugne vive. Sono stati osservati corridoi in aree con molte spugne, nonché in aree con molte spugne. I ricercatori riferiscono che spesso compaiono anche in aree con spugne giovanili più piccole.

I percorsi delle spicole sono tipici spugnosi

Questa figura mostra i percorsi tipici del reticolo di spugna. Credito: AWI OFOBS Team, PS101; Morganti et al. / Current Biology

I ricercatori hanno creato modelli 3D da foto e video per mostrare il modo in cui i percorsi sono intrecciati tra loro. Dicono che i risultati indicano che a volte la spugna in movimento cambia direzione. Non pensano che il movimento sia solo una questione di attrazione. Le foto, infatti, indicano che la spugna viaggiava spesso in salita. Potrebbe essere perché le spugne si muovono per il cibo, forse a causa della scarsità di risorse artiche.

“Tutte queste caratteristiche sono indicative delle tendenze comportamentali nell’alimentazione e nella densità di popolazione precedentemente osservate negli imballaggi in spugna”, hanno scritto i ricercatori. “ Il throughput iniziale estremamente basso, la sedimentazione e i tassi di confluenza delle particelle nella regione di Langseth Ridge generalmente portano ad alcuni dei più bassi stock permanenti di vita bentonica; è molto probabile che la comunità dei Geodia artici faccia affidamento sul particolato e sulle frazioni disciolte dalla decomposizione. di antichi detriti organici intrappolati all’interno del tappetino di spicole come fonti di cibo aggiuntivo. Suggeriamo che il movimento a cui si fa riferimento qui possa essere correlato alla spugna che cerca e si nutre direttamente del materiale grumoso accumulato confinato all’interno del tappetino di spugna che si trova sotto la spugna vivente .

READ  Un micidiale fungo del caffè di 70 anni è stato riportato in vita dagli scienziati: ecco perché

Il movimento potrebbe anche essere correlato alla propagazione o dispersione della giovane spugna. Per saperne di più su quanto velocemente e perché la spugna fa questi movimenti inaspettati, dicono che sono necessarie più immagini time-lapse e altri studi.

Riferimento:Sul posto L’osservazione delle tracce di spugne indica un movimento di spugne comune nelle profondità dell’Artico centrale “, di Teresa M. Morganti, Aton Borser, Hans Torey Raab, Christopher R Germain e Michael F., 26 aprile 2021, Biologia attuale.
DOI: 10.1016 / j.cub.2021.03.014

Questo lavoro è stato supportato dal DFG Cluster of Excellence “Ocean in Earth System” presso l’Università di Brema dall’ERC Adv Grant ABYSS, dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell’Unione europea, dall’associazione Helmholtz, dalla Max Planck Society e NASA.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Wizz Air respinge gli appelli della Federazione italiana alla contrattazione collettiva
Next Post L’Italia riapre i battenti nella speranza di un vero rilancio economico