Missili balistici arrabbiati con la Cina, Taiwan al limite: 10 punti

La Cina ha lanciato una serie di esercitazioni in più regioni intorno a Taiwan

Giovedì la Cina ha lanciato missili balistici, manovrato aerei da combattimento e navi da guerra mentre conduceva le sue esercitazioni militari più grandi di sempre intorno a Taiwan, in una dimostrazione di forza scatenata dalla visita sull’isola della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi.

Ecco i punti salienti di questa grande storia:

  1. La presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi è stata il funzionario statunitense di grado più alto a visitare Taiwan da anni, sfidando una serie di palesi minacce da parte di Pechino, che considera l’isola autonoma il suo territorio.

  2. In risposta, la Cina ha lanciato una serie di esercitazioni in più aree intorno a Taiwan, coprendo entrambi i lati di alcune delle rotte marittime più trafficate del mondo e in alcuni punti a soli 20 chilometri dalla costa dell’isola.

  3. L’esercito cinese ha affermato che le esercitazioni sono iniziate intorno alle 12:00 ora locale (0400 GMT) e includevano un “attacco missilistico convenzionale” nelle acque a est di Taiwan.

  4. Taiwan ha affermato che l’esercito cinese ha sparato 11 missili balistici Dongfeng “in diversi lotti” e ha condannato le manovre come “azioni irrazionali che minano la pace regionale”.

  5. Il ministero della Difesa di Taipei ha dichiarato di aver avvistato 22 aerei da combattimento cinesi che attraversavano brevemente la “linea di mezzo” dello Stretto di Taiwan durante le esercitazioni di giovedì.

  6. Tokyo ha presentato una protesta diplomatica con Pechino per le esercitazioni, con il ministro della Difesa Nobuo Kishi che ha affermato di ritenere che cinque dei missili siano atterrati nella zona economica esclusiva del suo paese.

  7. Pechino ha affermato che gli esercizi continueranno fino a mezzogiorno di domenica, difendendoli come “necessari ed equi” e incolpando l’escalation degli Stati Uniti e dei loro alleati.

  8. “Di fronte a questa sfacciata provocazione, dobbiamo prendere le legittime e necessarie contromisure per salvaguardare la sovranità e l’integrità territoriale del Paese”, ha affermato giovedì il portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying in un briefing regolare.

  9. Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha affermato che negli ultimi giorni Washington ha chiamato Pechino “a tutti i livelli di governo” per chiedere calma e stabilità.

  10. “Spero vivamente che Pechino non crei una crisi o non cerchi un pretesto per aumentare la sua attività militare aggressiva”, ha detto Blinken ai ministri dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN) a Phnom Penh.

READ  Restrizioni di viaggio: il Regno Unito sposta l'India dalla lista "rossa" ad "ambra"
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post L’Argentina sta vivendo un’ondata di immigrazione?
Next Post Di nuovo in salute, gli occhi di Vasek Pospisil conquistano il primo posto della classifica ATP 50.