Ministro degli Esteri Amir Abdollahian: l’Iran chiede garanzie economiche “forti” nei colloqui per rilanciare il JCPOA

Il ministro degli Esteri Hossein Amir Abdollahian ha affermato che è “essenziale” che l’Iran ottenga benefici economici dall’accordo del 2015, e quindi ha voluto garanzie “forti” nei colloqui su un possibile ripristino dell’accordo, che gli Stati Uniti hanno unilateralmente abbandonato tre anni dopo che era stato concluso. .

Cerchiamo forti garanzie economiche. Amir Abdollahian, in visita a Roma, ha affermato che se una compagnia occidentale firmerà un contratto con la sua controparte iraniana, dovrebbe essere certa che il suo progetto verrà attuato e riceverà un risarcimento in caso di nuove sanzioni. Mercoledì intervista al quotidiano italiano La Repubblica.

L’alto diplomatico iraniano ha aggiunto che la questione delle garanzie è stato uno dei maggiori ostacoli nei colloqui volti a ripristinare l’accordo del 2015, noto ufficialmente come Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA).

Nell’intervista, ad Amir Abdollahian è stato chiesto dei rapporti sul rifiuto di Washington di rimuovere il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche dalla sua lista nera.

Ha affermato che durante i colloqui indiretti del mese scorso tra Iran e Stati Uniti – mediati dall’Unione europea – nella capitale del Qatar Doha, Teheran ha suggerito di rinviare le questioni relative alla cosiddetta lista di organizzazioni terroristiche straniere di Washington.

Ma dobbiamo essere sicuri che le aziende iraniane godano dei vantaggi economici e della loro quota dell’accordo. Realizzare i vantaggi economici del PACG è essenziale. “Non stiamo chiedendo nient’altro al di là dell’accordo nucleare”, ha detto Amir Abdullahian.

Ha indicato che Teheran e Washington sono in contatto attraverso l’Unione Europea su possibili modi per rimuovere le sanzioni imposte all’Iran, affermando che le due parti dovrebbero mostrare flessibilità e iniziative.

READ  La scommessa sulla batteria del Texas in Tesla costa 1,3 miliardi di dollari alla casa automobilistica tedesca

Iran e Stati Uniti hanno concluso due giorni di colloqui indiretti, mediati dall’Unione Europea, nella capitale del Qatar, Doha, alla fine del mese scorso, nel tentativo di sbloccare la situazione per rilanciare il Joint Comprehensive Plan of Action.

Al termine dei colloqui, Iran e Unione Europea hanno dichiarato che rimarranno in contatto “sulla continuazione del percorso e sulla prossima fase dei colloqui”.

I colloqui a Doha sono avvenuti dopo sette tornate di negoziati nella capitale austriaca Vienna tra l’Iran e le restanti cinque parti del Piano d’azione congiunto globale dall’aprile dello scorso anno.

I colloqui sono stati sospesi poiché Washington insiste che si rifiuta di fare marcia indietro dai suoi errori passati attraverso misure come la rimozione della Guardia rivoluzionaria iraniana dall’elenco delle organizzazioni terroristiche straniere.

L’Iran afferma che la designazione dell’IRGC nel 2019 faceva parte della cosiddetta campagna di massima pressione contro l’Iran da parte dell’amministrazione dell’ex presidente Donald Trump e, pertanto, deve essere revocata incondizionatamente.

“L’Iran si oppone all’operazione militare russa in Ucraina”

D’altra parte, il ministro degli Esteri iraniano ha espresso l’opposizione del suo Paese alla guerra tra Russia e Ucraina, impegnandosi a continuare gli sforzi per aiutare a raggiungere un cessate il fuoco durante la visita programmata del presidente russo Vladimir Putin a Teheran.

“Dall’inizio del conflitto, abbiamo affermato chiaramente la nostra posizione, e con questo intendo dire che siamo contrari all’azione militare russa in Ucraina”, ha detto Amir Abdollahian.

Ha fatto riferimento a diversi contatti con i suoi omologhi russi e ucraini e ha aggiunto che l’Iran ha compiuto sforzi sin dall’inizio della guerra per fermarla e avviare negoziati politici tra le parti interessate.

READ  Cristiano Ronaldo torna al Manchester United

“Siamo convinti che la guerra non sia la soluzione per l’Ucraina e che, anche se il conflitto dovesse continuare a lungo, non ci sarebbe altro modo per risolverlo se non attraverso i negoziati”, ha osservato l’alto diplomatico iraniano.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La star di She-Hulk, Tatiana Maslany, era inizialmente nervosa all’idea di entrare nel MCU
Next Post Gli utili di JPMorgan Chase scendono, ma i dirigenti non vedono rallentamenti