Migranti nordafricani, alla deriva, parlano di soccorsi dell’ultimo minuto

Over the Geo Barrier – La piccola barca in vetroresina ha iniziato ad assorbire l’acqua poco dopo che il motore ha girato al minimo. I suoi sei passeggeri iniziarono a salvarla, non sapendo per quanto tempo avrebbero potuto tenere lontano il mare.

Walid, un tunisino che aveva sperato con altri cinque di attraversare il Mediterraneo per una vita migliore in Europa, ha stimato di aver liberato l’acqua dalla barca per circa cinque ore.

“Eravamo molto disperati”, ha detto.

Poi, in pieno giorno il 20 settembre, l’equipaggio della nave di soccorso li ha individuati attraverso il binocolo. Videro Walid e gli altri che salutavano e puntavano la luce laser su di loro.

I migranti erano a poche miglia di distanza dalla Geo Barents, una nave di soccorso gestita dall’organizzazione benefica Medici Senza Frontiere. Ha pattugliato il Mediterraneo centrale al largo della Libia in conflitto dall’inizio di quel mese. Una squadra dell’organizzazione benefica, conosciuta con il suo acronimo francese MSF, è stata immediatamente inviata.

Hanno trovato sei uomini: tre libici, due tunisini e un marocchino. Il gruppo era partito il giorno prima dalla città portuale libica di Zawiya, importante punto di partenza per i migranti che tentano di intraprendere il pericoloso viaggio. I sei dicono di essere fuggiti da situazioni difficili o pericolose in Libia, dove tre di loro si sono trasferiti anni fa a causa di problemi economici nel loro paese d’origine.

Gli arabi nordafricani rappresentano una proporzione ampia e apparentemente in crescita di migranti che cercano di raggiungere l’Europa attraverso il Mediterraneo.

Secondo recenti dati pubblicati dal Ministero dell’Interno italiano, tre dei primi 10 Paesi di origine dei migranti in arrivo nel Paese nel 2021 provenivano dal Nord Africa. I tunisini da soli costituivano il 29% degli immigrati, seguiti dagli egiziani 9% e dai marocchini 3%.

Nella tarda serata di lunedì, l’ultimo afflusso in Italia via mare è avvenuto quando circa 700 migranti si sono stipati su un peschereccio arrugginito verso l’isola italiana di Lampedusa, situata a metà strada tra la Tunisia e l’Italia continentale. Molti di loro sembravano essere uomini del Nord Africa o del Medio Oriente.

READ  L'uomo noioso teoria della storia

Il loro numero crescente indica anche situazioni precarie nei loro paesi di origine, dove le risorse del governo sono sotto pressione a causa della fiorente popolazione giovanile. Molti hanno già trascorso anni strazianti all’interno della Libia, che un tempo era meta di lavoratori migranti a causa della sua relativa ricchezza.

La caduta della Libia nella guerra e nell’illegalità negli ultimi dieci anni ha reso la Libia un centro per i migranti africani e mediorientali in fuga dalla guerra e dalla povertà in patria nella speranza di raggiungere l’Europa. Il paese ricco di petrolio è precipitato nel caos sulla scia della rivolta sostenuta dalla NATO che ha rovesciato e ucciso il leader autocratico Muammar Gheddafi nel 2011.

Ha detto che la traversata del mare questo mese è l’ottavo tentativo di Walid di raggiungere l’Europa dal 2013. Negli ultimi 17 anni, il 42enne, padre di due figli di Tunisi, ha lavorato come chef nella vicina Libia. Di recente ha descritto la vita lì come orribile.

“Qualsiasi libico può picchiarti, insultarti, prendere i tuoi risparmi e tu (come straniero) non puoi fare nulla”, ha detto.

Walid ha parlato con l’Associated Press a bordo della Geo Barents mentre lui e altri migranti aspettavano di sbarcare in un porto nella città italiana di Augusta, dove avrebbero prima affrontato la quarantena del coronavirus e poi il trattamento, a quel punto avrebbero chiesto asilo.

I compagni di Walid sulla nave includevano un altro tunisino, Kamal El Mazali, che lavorava come marinaio in Libia, e Mohamed, un barbiere marocchino di 30 anni. Walid e Al-Hallaq hanno chiesto che le loro identità fossero rivelate solo con i loro nomi, per evitare di mettere in pericolo gli amici ancora nell’angolo.

Mohamed, proveniente dall’antica città marocchina di Fez, è arrivato in Libia nel marzo 2019 e si è stabilito nella città occidentale di Sabratha. L’anno scorso, le milizie hanno preso d’assalto la sua casa e hanno confiscato il suo passaporto e i suoi risparmi. Fu allora che decise di andarsene.

READ  Azioni SDG locali, reportistica per ottenere una posizione più elevata in HLPF | notizie | Centro di conoscenza SDG

Il suo primo tentativo di attraversare il Mediterraneo è stato nel maggio 2020, ma è stato intercettato dalla guardia costiera libica, che ha affermato di essere stato rilasciato in cambio di una tangente al suo ritorno in porto. Era riluttante a riprovare, temendo di annegare.

La sua determinazione è tornata quando un cliente libico arrabbiato gli ha puntato contro la pistola per non aver risposto alle chiamate per fissare un appuntamento dal parrucchiere. “Stava per uccidermi”, ha detto al-Muhajir. “La Libia non è un posto dove vivere”.

Muhammad si è assicurato un posto in una piccola barca di 4 m (13 piedi). I sei ragazzi avevano un motore da 40 CV e un motore più piccolo da 25 CV di scorta.

Dapprima il motore principale si è spento, poi hanno esaurito i pezzi di ricambio mentre erano ancora non lontano dalle coste libiche. Un passeggero libico ha chiamato un chiamante e ha portato un sostituto. Ma nessuno dei motori è stato progettato per un volo così lungo e, dopo poche ore, il terzo motore è diventato silenzioso.

Quando l’equipaggio di soccorso li ha raggiunti, si trovavano a circa 40 miglia nautiche dalla costa libica e la barca era a bassa quota. Avevano solo una misera vita a bordo.

Secondo le Nazioni Unite, quest’anno sono stati segnalati o si presume che siano morti oltre 1.100 migranti al largo della Libia, ma si ritiene che questo numero sia più alto. Circa 25.300 altri sono stati intercettati e restituiti alle coste libiche da gennaio. Questo è più del doppio del numero registrato nel 2020, quando sono stati rimpatriati circa 11.890 migranti. Questo aumento arriva dopo che gli arrivi totali, ma non i decessi, sono diminuiti durante il picco della pandemia nel 2020.

L’Italia afferma che finora quest’anno sono arrivati ​​sulle sue coste 44.778 migranti, il doppio rispetto ai primi nove mesi dello scorso anno e quasi cinque volte il numero rispetto al 2019.

READ  I ministri del G20 si incontrano in Italia: cosa c'è da sapere | notizie | DW

Da metà a fine estate di solito è il momento migliore per i tentativi sulla rotta del Mediterraneo centrale a causa del bel tempo. Le operazioni di soccorso lungo questa rotta diventano routine durante i mesi più caldi.

Negli ultimi anni, l’Unione europea ha stretto una partnership con la Guardia costiera libica per fermare le traversate marittime. I gruppi per i diritti affermano che queste politiche lasciano i migranti in balia del mare o dei gruppi armati, o intrappolati nei centri di detenzione gestiti dalle milizie dove gli abusi sono comuni.

Gli altri tre passeggeri della barca con Walid, tutti libici sui vent’anni, hanno dichiarato di aver rischiato la vita nel Mediterraneo a causa della forza mortale delle milizie nel Paese. Sebbene non sia statisticamente un gran numero di immigrati, i libici hanno avuto la loro parte di storie dell’orrore.

Quando il comandante militare nell’est Khalifa Haftar ha lanciato il suo attacco a Tripoli nell’aprile 2019, le milizie nella Libia occidentale hanno mobilitato e reclutato combattenti per contrastare l’offensiva. Muhammad, un ingegnere di 29 anni, si è espresso contro l’adesione alla lotta. Ha solo chiesto che il suo nome fosse usato per la sicurezza della sua famiglia in Libia.

Poi ha ricevuto minacce di morte dalle milizie. Nel marzo 2021, ha detto, uomini armati hanno aperto il fuoco su di lui mentre stava guidando vicino a Tripoli. È scampato per un pelo con la sua vita.

All’inizio di questo mese, un amico gli ha offerto un posto sulla barca. Lasciando un bambino di 19 mesi e una moglie incinta, decise che avrebbe preferito morire in mare piuttosto che essere ucciso in casa.

Questo è quello che pensava sarebbe successo quando il gruppo era esausto mentre attingeva acqua dalla barca.

“Eravamo tutti stanchi e impotenti”, ha detto. “Pensavamo che questa fosse la fine”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post File di Stella Banderas per rimuovere “Griffith” dal cognome – Hollywood Life
Next Post Gli orsi firmano un contratto di acquisto per la proprietà di Arlington Park