Migliaia di persone in isolamento mentre la Cina si muove per frenare la recente epidemia di COVID-19 nella città di confine della Mongolia

Le autorità cinesi hanno imposto il blocco in una contea della regione autonoma della Mongolia interna, nel nord della Cina, nel tentativo di frenare l’epidemia del nuovo coronavirus nel paese.

La decisione è stata presa dopo che la contea – Alxa Left Banner – è stata segnalata come responsabile di quasi un terzo degli oltre 150 casi di Covid-19 segnalati in Cina la scorsa settimana. Con una popolazione di 1,8 Lak, Alxa Left Banner confina con la Mongolia.

A 35.700 residenti di Ejin Banner, una divisione amministrativa di Alxa Left Banner, è stato chiesto di rimanere a casa. Ordini simili sono stati emessi nella città di Arnhout.

Leggi: Come la Cina ha sconfitto un grave focolaio di Covid-19 Delta in un mese

Il governo locale ha avvertito che ci sono cause civili e penali contro chiunque abbia violato l’ordine, secondo un rapporto dell’emittente statale cinese CCTV.

Un altro rapporto del Global Times, gestito dallo stato, ha osservato che sei funzionari, incluso il commissario per la salute locale di Eigen Banner, erano stati “licenziati” a causa della loro “risposta lenta e gestione inefficace” dell’attuale epidemia.

Domenica, la National Health Commission (NHC) cinese ha avvertito che l’attuale focolaio di nuova infezione da coronavirus si è diffuso in 11 province in un periodo di sette giorni. La regione autonoma della Mongolia interna ha rappresentato la metà dei 38 nuovi casi segnalati in Cina lunedì.

Restrizioni di viaggio È stato imposto in alcune parti della Cina, tra cui Pechino, Gansu, Ningxia e Guizhou, nel tentativo di contenere le epidemie. Anche tutti i servizi ferroviari e turistici sono stati temporaneamente sospesi in alcune province.

Il funzionario dell’NHC Wu Liangyou, durante un briefing a Pechino, ha attribuito l’attuale epidemia a una variante delta altamente contagiosa. Questo è il Il terzo focolaio dei casi di Covid-19 in Cina dall’inizio di quest’anno.

Le autorità cinesi hanno ora rafforzato la tracciabilità dei contatti per limitare la diffusione delle infezioni locali.

Nell’agosto di quest’anno, il governo cinese ha affermato di aver somministrato 2 miliardi di dosi di vaccini contro il Covid-19.

(con input da Reuters)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Supres Jack Eichel supplica il team di consentire una corretta procedura sull’ernia del disco
Next Post Si segnala la Warner Bros. Al lavoro su Smash Bros.-Esque Fighter