Medico del Policlinico di Milano pestato dal figlio di una paziente: arrestato laggressore

Medico del Policlinico di Milano pestato dal figlio di una paziente: arrestato laggressore

Aggressione a un medico del Policlinico: Arrestato Agrippino Falcone

I carabinieri della Compagnia Duomo hanno messo ai domiciliari Agrippino Falcone, un uomo di cinquantasei anni responsabile dell’aggressione a un medico del Policlinico. L’arresto è avvenuto dopo un’indagine approfondita sul violento raid, che ha portato all’emissione di provvedimenti cautelari adeguati.

L’incidente si è verificato una settimana fa quando Falcone, insieme alla moglie, ha portato via la madre dal Rsa senza autorizzazione, dopo aver picchiato una nipote che aveva cercato di opporsi. La anziana è stata ricoverata al Policlinico per un grave decadimento cognitivo.

Due giorni dopo, Falcone è tornato in ospedale e ha chiesto con insistenza la dimissione della madre, aggressando il medico che cercava di spiegargli le ragioni per cui la richiesta era irricevibile. L’uomo, dichiarato invalido permanente al 100% e in cura a Monza, è stato arrestato ieri sera grazie all’intervento dei carabinieri del pronto intervento.

L’aggressione ha destato preoccupazione e sconcerto nella comunità. Il medico, colpito con violenza da Falcone, è stato trasportato in ospedale per le cure necessarie. Fortunatamente, le sue condizioni non sono gravi e si sta riprendendo.

Le autorità hanno preso provvedimenti immediati per tutelare la sicurezza dei medici e del personale sanitario nel Policlinico. Verranno intensificate le misure di sicurezza e saranno aumentate le pattuglie nelle aree critiche dell’ospedale.

L’arresto di Falcone è un chiaro segnale che comportamenti aggressivi e inaccettabili non saranno tollerati. La giustizia farà il suo corso e sarà garantita la punizione per chi commette atti violenti contro chi è deputato a curare e assistere i pazienti.

L’ospedale è un luogo sacro, dove tutti dovrebbero sentirsi al sicuro e protetti. È fondamentale garantire la sicurezza di coloro che lavorano quotidianamente per assicurare cure e supporto a chi ne ha bisogno.

READ  Buzznews: Filippo Turetta ha visto genitori in carcere. Potrà seguire in tv i funerali di Giulia

L’attività investigativa dei carabinieri della Compagnia Duomo dimostra l’impegno delle forze dell’ordine nel contrastare comportamenti violenti e garantire la tranquillità e la sicurezza dei cittadini. Grazie al loro intervento, un pericoloso aggressore è stato portato alla giustizia.

L’arresto di Falcone rappresenta un passo avanti nella lotta contro la violenza nei confronti del personale sanitario. È un messaggio chiaro che atti simili non saranno tollerati e che coloro che commettono tali crimini dovranno affrontare le conseguenze delle loro azioni.

L’obiettivo è quello di creare un ambiente sicuro e protetto per tutti, in cui il personale sanitario possa svolgere il proprio lavoro senza timore di aggressioni. Bisogna lavorare insieme per garantire il rispetto e la protezione di coloro che si dedicano alla cura degli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *