Mattarella: È un dovere ricordare il massacro di SantAnna di Stazzema – Buzznews

72° anniversario strage di Sant’Anna di Stazzema: un simbolo della resistenza alla violenza

Sant’Anna di Stazzema, un pittoresco e tranquillo paese nelle colline della Toscana, è noto per essere il luogo in cui si è verificata una delle stragi più cruente della Seconda Guerra Mondiale. Oggi, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha visitato il luogo e ha descritto Sant’Anna di Stazzema come un “emblema di riscatto civile, ribellione alla violenza e solidarietà”.

Esattamente settantanove anni fa, le forze naziste-fasciste compirono un atto di violenza inimmaginabile qui, uccidendo brutalmente oltre 560 persone, la maggior parte delle quali donne e bambini innocenti. Questa tragedia è stata definita dal presidente del Senato, Ignazio La Russa, come una “pagina vergognosa nella storia italiana” che non può e non deve mai essere dimenticata.

Il sindaco di Stazzema, Maurizio Verona, ha sottolineato l’importanza di adottare misure legislative più rigorose per contrastare la propaganda fascista e nazista. Egli afferma che è fondamentale preservare la memoria storica di questo luogo, in modo che non possiamo cadere nella trappola della manipolazione da parte di movimenti neofascisti che cercano di riabilitare ideologie che hanno portato a tanto dolore e sofferenza.

Anche il presidente dell’Emilia Romagna, Bonaccini, ha preso la parola durante la cerimonia commemorativa, sottolineando che la democrazia deve essere difesa dagli attacchi dell’odio, del nazionalismo e del sovranismo. Egli ha sottolineato come queste ideologie siano in netta contrapposizione con i valori fondamentali della libertà e dell’uguaglianza su cui è fondata la nostra società.

Durante la giornata di commemorazione, numerosi cittadini hanno partecipato, portando fiori e lasciando messaggi di solidarietà per le vittime e le loro famiglie. È stato un momento di riflessione profonda e di unione per ricordare le atrocità commesse in quel luogo un tempo pacifico.

Il 72° anniversario della strage di Sant’Anna di Stazzema è un importante promemoria che ci spinge a non dimenticare mai gli orrori del passato e a lavorare ardentemente per la promozione di una società basata sulla pace, sul rispetto e sulla difesa dei diritti umani. Solo attraverso l’educazione e la consapevolezza possiamo sperare di costruire un futuro migliore, libero da pregiudizi e discriminazioni.

READ  Tragedia sulla Variante: vigilante muore dopo schianto | FOTO

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *