Mario Draghi ha dato un tono alla calma delle relazioni UE-Cina

È stata l’acquisizione fallita di quest’anno di una società italiana poco conosciuta con poco più di 50 dipendenti che ha illustrato il disfacimento di uno dei più grandi successi diplomatici della Cina in Europa.

Nel 2019, Roma ha sbalordito i suoi alleati negli Stati Uniti e in Europa quando l’allora governo di coalizione populista italiano è diventato il primo membro del G7 a firmare la Belt and Road Initiative della Cina. L’accordo è stato firmato durante una visita ufficiale del presidente cinese Xi Jinping, e ha spinto l’Italia in prima linea nella battaglia di Pechino per il potere e l’influenza globali.

Ma due anni dopo, il neo-premier italiano Mario Draghi firmò in silenzio un decreto che pose fine simbolicamente al corteggiamento italiano nei confronti della Cina e assicurò l’appoggio di Pechino in Europa occidentale.

Il recente governo italiano aveva già iniziato a raffreddare gli investimenti cinesi tra le forti pressioni statunitensi. Tuttavia, la mossa di Draghi ha rappresentato una svolta italiana decisiva verso una politica estera che ha descritto come “fortemente europeista e atlantica, in linea con le ancore storiche dell’Italia”.

Ha anche annunciato un più ampio ripensamento delle relazioni cinesi da parte dell’UE, che, più di recente, ha portato il Parlamento europeo a congelare un accordo commerciale sospeso con Pechino.

«Per far sembrare che l’Italia si allinei con gli Stati Uniti, a volte bisogna fare piccole cose per dimostrarlo», ha detto Michele Gerassi, l’esperto di Cina, che, in qualità di sottosegretario allo sviluppo economico, è stato uno degli artefici della Cintura d’Italia e Iniziativa Strada. accordo con Pechino.

Gerassi ha aggiunto che si tratta di “una dichiarazione politica per mostrare la nostra preoccupazione per le acquisizioni predatorie e che siamo alleati con i nostri amici americani”. La partecipazione dell’Italia alla Belt and Road Initiative cinese è ancora tecnicamente valida ma è diventata sostanzialmente priva di significato e non sono stati fatti accordi importanti.

READ  Viaggio dell'anno di Carlo Messina, amministratore delegato di Intesa San Paolo

La rottura sino-italiana è iniziata a dicembre, due mesi prima che Draghi fosse nominato primo ministro. Shenzhen Investment Holdings, una società statale parzialmente cinese, ha raggiunto un accordo per acquistare una quota del 70% in LPE, una società privata con sede a Milano che produce apparecchiature per semiconduttori.

Ma a marzo, con il governo Draghi al potere, la decisione di concedere l’autorizzazione all’acquisizione, come misura di routine, è arrivata all’ufficio del nuovo ministro dello sviluppo economico italiano, Giancarlo Giorgetti.

Giorgetti, un legislatore veterano della Lega di destra, ha suggerito di invocare le cosiddette leggi italiane del Golden Power per prevenire le acquisizioni straniere. Dragy è caduto Decreto che vieta la vendita di LPE In una riunione di gabinetto il 31 marzo, ha notato la carenza di semiconduttori, rendendo LPE parte di un “settore strategico”.

LPE, che produce componenti per applicazioni di elettronica di potenza che vengono utilizzati anche “in [the] Campo militare”, come lo descriveva il decreto, ha rifiutato di commentare. Shenzhen Infinland Holdings ha detto Continuerà a collaborare con LPE in alcune aree.

La decisione di Draghi è stata una svolta per l’Italia, dicono i diplomatici italiani, e forse anche per l’Unione Europea.

Solo pochi anni fa, i politici italiani erano entusiasti di come il denaro cinese avrebbe aiutato l’economia in difficoltà. L’Italia è stata il terzo maggior beneficiario in Europa degli investimenti cinesi tra il 2000 e il 2019, secondo Rhodium Group, ricevendo un totale di 15,9 miliardi di euro contro 50 miliardi di euro nel Regno Unito, 22,7 miliardi di euro in Germania e 14,4 miliardi di euro in Francia.

READ  UniCredit si conferma leader di mercato nei microbond: 100 piccole e medie imprese italiane sono ora garantite da 690 milioni di euro (+51% in un anno)

Secondo il Copasir, la commissione parlamentare per la sicurezza nazionale italiana, nel 2020 più di 400 gruppi cinesi detenevano partecipazioni in 760 aziende italiane in “settori altamente redditizi o strategici”.

Ma oggi, in parte perché la pandemia ha lasciato vulnerabili molte aziende italiane, il governo Draghi sta adottando un approccio meno permissivo agli investimenti esteri strategici rispetto alle precedenti amministrazioni e non si trattiene dal mettere in pratica le sue regole d’oro per limitarli.

Il mese scorso, sostenuta da 205 miliardi di euro di fondi di recupero dall’Unione europea, l’Italia si è coordinata con la Francia per minare la vendita di Il produttore italiano di camion Iveco per il gruppo cinese FAW. Questa settimana, anche se Roma ha concesso in via condizionale un contratto di fornitura di infrastrutture 5G tra Vodafone Italia e Huawei CinaÈ arrivato in condizioni di sicurezza rigorose.

“Il passaggio alla Cina appartiene al passato”, ha affermato Eduardo Rexi, membro del parlamento dell’associazione. “Questa corrente politica oggi esiste a malapena”.

Non tutti pensano che rapporti più freddi con Pechino siano nell’interesse dell’Italia o dell’Europa.

Parlando questa settimana, l’ex Primo Ministro Romano Prodi ha detto: “Fino a qualche mese fa… la situazione [between China and the EU] Era più rilassato, ma ora l’accordo è stato congelato.” Brody ha aggiunto che, date le relazioni reciprocamente tese, “Entrambe le parti dovrebbero cambiare posizione. . . Ora è ufficialmente impossibile fare qualsiasi cosa”.

Geraci teme inoltre che lo spostamento del governo Draghi verso la Cina possa avere ripercussioni economiche per le aziende italiane a Pechino.

Ufficialmente, il mercato dei beni italiani in Cina è di 13 miliardi di euro all’anno, ma in realtà è tre volte più grande se si considerano i prodotti made in Italy che la Cina poi acquista attraverso paesi terzi. Per noi è un mercato molto importante”.

READ  Un laghetto artificiale di 3.400 anni in Italia potrebbe ospitare riti religiosi | notizie intelligenti

Ma come ripristinare le relazioni rimane una questione aperta.

Lea Quartabile, membro della commissione affari esteri del Parlamento italiano per il Partito Democratico di centrosinistra, ha affermato che il precedente asse verso la Cina era una deviazione dalla politica estera italiana che ha aperto una “spaccatura geostrategica” nel cuore dell’Europa.

Ora, però, il calibro di Draghi ci consente non solo di promuovere i valori occidentali, ma di essere il motore della ripresa nell’era post-pandemia.

Inoltre, con la Germania che ospiterà le elezioni quest’anno e la Francia il prossimo anno, Draghi è un importante attore europeo il cui forte Atlantico potrebbe influenzare la più ampia politica dell’UE nei confronti della Cina.

“Il ruolo dell’Italia nel mantenere i timoni dritti diventerà presto più importante”, ha detto Emma Bonino, ex ministro degli Esteri italiano.

A dire il vero, affrontare la politica cinese rimane complesso; “Non possiamo fingere che il Paese non esista”, ha aggiunto. “Possiamo commerciare con la Cina come con il resto del mondo, ma dobbiamo essere chiari sulle differenze e le differenze tra noi e loro”.

Segnalazione aggiuntiva di Qianer Liu a Shenzhen

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il tuo oroscopo di domenica 6 giugno 2021
Next Post Per combattere la variante delta del Covid, estendere il più velocemente possibile la protezione dalla seconda dose: studio