Marcus Erickson vola in aria prima di battere il Music City GP

L’ex pilota di Formula 1 Marcus Erickson ha ottenuto la sua seconda vittoria della sua carriera Indigo nella situazione più caotica al Music City Grand Prix di Nashville domenica.

La nuova gara non sarà sicuramente dimenticata in fretta perché ha avuto due bandiere rosse, nove avvisi e la parte migliore è durata tre ore perché la bandiera a scacchi si sposti finalmente.

L’ex pilota di Caderham e Sabre era pazzo, volando in aria nelle prime fasi della gara dopo aver corso un altro ex pilota di Formula 1 su Sebastian Portice.

Tuttavia, Eriksen, che aveva bisogno di un nuovo naso e ala dopo un duro shunt, ha comunque vinto la gara, davanti al compagno di squadra Scott Dixon.

La sua battaglia principale è stata contro l’astro nascente Colton Herta, apparso sul radar dei team di Formula 1 all’inizio di quest’anno, ma il 21enne è finito sul muro quando ha finalmente cercato di dare la caccia a Eriksen. Bandiera rossa.

Scopri tutti gli ultimi outfit del team 2021 tramite il negozio ufficiale di Formula 1

Herta ammette di aver spinto troppo per inseguire Eriksen, ma ha elogiato la Svezia per i suoi risparmi di carburante, vincendo la scena in Tennessee.

“Mi sento spaventoso”, ha detto Hertha Giochi della NBC.

“Ogni fine settimana abbiamo vinto la macchina, amico, l’ho buttata via, quindi mi sento così male. Sto bene. So che non ho tolto le mani dal volante, ma stanno bene.

“Congratulazioni a Marcus. Alla fine ha guidato una corsa infernale. Non pensavo che l’avrebbe fatto. Si è allontanato da me. Buon lavoro a lui.

READ  Diverse persone sono state arrestate nell'incidente del SUV mentre erano inseguite dalla polizia sulla I-95

“Mi sento malissimo per la squadra e Cainbridge e la Honda. Da parte mia è terribile. “Ho cercato di precederlo il più possibile ed ho esagerato.

“Mi sono divertito. Grazie a tutti quelli che si sono presentati.

“Anche con le restrizioni del COVID è stato incredibile che il posto sia andato esaurito così rapidamente. Tutti hanno fatto un lavoro straordinario in questa gara.

“Non posso essere orgoglioso della città per aver mostrato casa a tutti coloro che rimangono con noi in questa città.

“Sarà molto pulito il prossimo fine settimana e lì mi riprenderò”.

Eriksson, nel frattempo, è rimasto scioccato dopo aver vinto in situazioni così folli.

“È incredibile”, ha detto Eriksson a NBC Sports.

“Si vede che in IndyCar, tutto può succedere. Non puoi mai arrenderti. Se hai una buona macchina e una buona squadra, puoi comunque raggiungere la strada del successo.

“Non potevo crederci; Io non ci potevo credere. “

Poi ha aggiunto: “Questo è per i miei ragazzi. Hanno riparato la mia macchina magnificamente e il motore Honda era fantastico e la potenza è stata buona per tutto il giorno. Non potevo crederci.

“Colton [Herta] È stato molto veloce per tutto il fine settimana. Per tenerlo indietro risparmiando carburante, penso onestamente che sia stato uno dei miei migliori spettacoli. Mi dispiace che lo sia [Herta] Finito sul recinto lì, perché doveva essere su questa piattaforma.

READ  Emilio Ballack: il figlio diciottenne di Michael Pallak muore in un incidente in quad

“Ma sono così orgoglioso di tutta la mia squadra. Sono così orgoglioso, grazie”.

Ericsson, che è quinto in classifica con cinque gare rimanenti nella stagione IndyCar 2021, non ha ancora confermato il suo posto per la campagna 2022.

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Harry Styles e l’amica Olivia Wilde accolgono i visitatori nella loro nuova casa a Los Angeles dopo una vacanza italiana.
Next Post Per superare il limite critico di aumento della temperatura nei prossimi 20 anni, tutte le regioni dovranno affrontare conseguenze disastrose: il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici | Notizie dall’India