Marco Tedesco: Il pupazzo di neve

Adattato da una storia al Lamont-Doherty Earth Observatory Rapporto Annuale 2021.

Marco Tedesco sul ghiacciaio Russell, Groenlandia sudoccidentale, estate 2018 (Kevin Krajick/Earth Institute)

La glaciologia non era un percorso professionale ovvio per Marco Tedesco, nato in Italia. Cresciuto nella sua città natale di Avellino, sulle pendici del napoletano, i suoi genitori avevano per lui aspettative molto diverse. Prendi la laurea, trova un lavoro. Tedesco si ritrovò con altri piani. Oggi Tedesco è tra gli esperti polari più rispettati e citati al mondo, avendo viaggiato in Groenlandia 11 volte e due volte in Antartide (per non parlare di quante volte ha visitato le regioni montuose); Ha scritto un libro, La vita nascosta del ghiaccio: infusi da un regno nascosto (Libri di viaggio dell’anno 2020 del National Geographic e del Washington Post); Ha pubblicato quasi 150 articoli di ricerca sottoposti a revisione paritaria.

Mette la sua passione per lo studio della neve e del ghiaccio in una sorta di storia d’amore. Suo padre era un supervisore edile, lavorava 10 ore al giorno con qualsiasi condizione atmosferica. Mentre Tedesco studiava ingegneria elettrica all’Università di Napoli e seguiva un percorso che i suoi genitori pensavano lo avrebbe portato a un lavoro industriale con un buon stipendio, si ritrovò coinvolto in una vita di ricerca.

“Sono sempre stato attratto dalla scienza e dal lavoro accademico. Nessuno nella mia famiglia l’ha fatto, quindi nessuna storia. Ho fatto domanda per il mio dottorato di ricerca a Firenze. All’inizio non sono entrato. ” Decise di prepararsi a candidarsi di nuovo, ma un mese dopo il suo consulente universitario lo chiamò. “Il mio consulente ha detto: ‘Guarda, abbiamo un progetto sul ghiaccio. sei interessato?’ Ho detto di sì. Questa era la mia chiave. Ho iniziato a lavorare sulla neve. Mi sono innamorato del lavoro. Sono andato in montagna e praticamente ho sposato questo mezzo”.

Infine, ha conseguito il dottorato di ricerca in Italia presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche a Firenze, concentrandosi sull’interazione delle onde elettromagnetiche e delle particelle di neve per applicazioni satellitari.

READ  L'Indonesia protagonista al G20 - Inforial

“Il mio primo giorno di dottorato, il mio consulente è arrivato con tre libri per un totale di circa 1.000 pagine e mi ha detto di tornarci non appena ho finito di assorbirlo. Avevo solo una scrivania e una lampada, nemmeno una computer.” Tre mesi dopo, Tedesco andò dal suo consigliere, dopo aver finito i libri e una bozza del primo giornale.

Nel 2002, Tedesco ha iniziato un appuntamento di ricerca presso il Goddard Space Flight Center della NASA, ha lasciato Avellino e si è trasferito a Washington, DC.

“Avevo mille dollari in tasca e mia moglie era incinta della nostra prima figlia”, ha detto Tedesco. Ogni giorno faceva anche un viaggio di andata e ritorno di un’ora e mezza attraverso la città. Usa il tempo trascorso sul treno e sull’autobus per leggere, studiare e imparare a parlare e scrivere un inglese migliore.

Nel 2008, Tedesco si è trasferito al City College of New York (CCNY) come assistente professore, dove è stato promosso professore associato nel 2012. Al CCNY ha fondato e diretto il Cryosphere Operations Laboratory ed è stato direttore del programma a rotazione presso la National Science Foundation tra il 2013 e il 2015. Nel gennaio 2016 Tedesco è entrato a far parte di Lamont. Qui, continua la ricerca sulla dinamica della massa di ghiaccio stagionale e sulle proprietà della superficie della calotta glaciale e prosegue il lavoro sul campo per esplorare la biologia degli esopianeti su superfici ghiacciate e il cambiamento climatico globale e le sue implicazioni per l’economia, il settore immobiliare e le popolazioni socialmente vulnerabili.

Gran parte del lavoro e della scrittura di Tedesco si è concentrato sul deterioramento osservato del ghiaccio artico. Durante l’estate del 2021, Tedesco e altri scienziati del clima hanno registrato tassi di fusione giornalieri sette volte superiori al normale.

Un’ondata di caldo a metà agosto ha portato la prima pioggia in assoluto a Summit Camp, nel punto più alto della calotta glaciale. Sette miliardi di tonnellate d’acqua sono cadute sulla calotta glaciale. Tedesco ha descritto l’evento della pioggia come unico e inquietante.

READ  Il G20 di Trieste si concentrerà sulle innovazioni del governo digitale

“Mai in vita mia avrei pensato di vedere la pioggia in cima. Per un motivo si chiama la regione della Groenlandia di neve secca”. “Il difetto nel sistema artico urla che sta accadendo un cambiamento fondamentale, caratterizzato da più eventi piuttosto che da una singola istantanea. È coerente con ciò che ci aspetteremmo di vedere in base ai modelli e alla nostra comprensione dei processi fisici. C’è molto poco speriamo che le cose si invertano perché i processi che sappiamo stanno guidando accelerazioni. Lo scioglimento in Groenlandia e in Antartide è in circolazione da un po’ e non può essere fermato facilmente senza un intervento drastico sulle concentrazioni di anidride carbonica nell’atmosfera”.

Tedesco osserva con grande preoccupazione la velocità con cui i cambiamenti previsti per il ghiaccio polare si stanno materializzando.

“I cambiamenti stanno avvenendo più velocemente di quanto suggerirebbero le previsioni più terribili”.

Particolarmente preoccupante è l’ingiustizia delle conseguenze del cambiamento climatico. Spesso, le comunità che generano la minor quantità di gas serra che contribuiscono al riscaldamento globale sono le persone che subiscono le conseguenze climatiche più gravi.

Durante l’estate del 2021, Tedesco e colleghi hanno pubblicato il set di dati Physical Social and Economic Housing Eviction Risk (SEPHER). Integra le informazioni socioeconomiche con incendi, siccità, inondazioni costiere e fluviali e altri rischi, nonché informazioni finanziarie provenienti da database immobiliari e dati su etnia, razza e genere. L’obiettivo è calcolare la vulnerabilità economica associata a un mercato immobiliare che tenga conto di fattori razziali, di genere ed etnici in modo che le parti interessate possano intraprendere azioni appropriate per proteggere le popolazioni vulnerabili. SEPHER copre tutti gli Stati Uniti e Tedesco ha fatto di uno dei pilastri di questo progetto che tutti i dati devono essere pubblicamente disponibili.

READ  Il Consiglio per l'economia circolare degli Emirati Arabi Uniti esamina i progressi nell'attuazione della politica e amplia la transizione alla circolare - Notizie

“Lo strumento mira a identificare un’analisi obiettiva del ruolo degli impatti climatici nell’ingiustizia sociale ed etnica, come nel caso del miglioramento e dello sfollamento climatico o dell’ingiustizia climatica”.

Tedesco farà la sua prossima spedizione in Groenlandia nel 2022, quando lui e il paleoclimatologo di Lamont Brendan Buckley si recheranno in una foresta nel sud della Groenlandia per campionare gli anelli degli alberi per lavorare sulla ricostruzione del clima in Groenlandia fino al 19° secolo.

“Vogliamo sapere cosa è successo prima di poter misurare le cose”, ha detto. Poiché gli alberi possono vivere per centinaia – e talvolta migliaia – di anni, un albero può essere esposto a diverse condizioni ambientali: anni umidi, anni secchi, anni freddi, anni caldi, gelate precoci, incendi e altro ancora. Gli anelli degli alberi possono indicare quanti anni ha l’albero e com’è stato il tempo durante ogni anno di vita dell’albero. “Il piano è quello di raggiungere l’unica foresta della Groenlandia, un pezzo di terra a non più di sei miglia di distanza, vicino a dove arrivò Eric il Rosso e chiamò la Groenlandia come la conosciamo oggi. Sarà un viaggio emozionante!”

La pandemia ha costretto il rinvio di questo studio sul campo, che avrebbe dovuto svolgersi l’anno scorso. La pandemia e le numerose restrizioni hanno anche messo in luce qualcosa per Tedesco, che è inquietante, dato il tipo di cooperazione globale necessaria per ridurre le emissioni di gas serra e scongiurare alcune delle conseguenze climatiche più catastrofiche in futuro.

“Come specie, non saremmo stati in grado di combinare maschere e vaccini. Se non fossimo stati in grado di affrontare una minaccia così grande e imminente, [as COVID-19]Come possiamo convincere le persone che dobbiamo agire per il bene delle generazioni future? A questo proposito, la pandemia ha lasciato il posto a domande sul mondo che mi circonda”.

Tuttavia Tedesco resta ottimista, soprattutto quando considera la forza delle nuove generazioni, e la capacità di adottare uno stile di vita che tenga conto degli aspetti economici, della sostenibilità e dei valori morali.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post serie revival “Degrassi” classificata da HBO Max; “Next Generation” inizierà la messa in onda questa primavera – Scadenza
Next Post Secondo un rapporto, i Warriors non hanno ancora rilasciato il secondo intervento chirurgico di James Wiseman, il che spiega la lunga assenza.