Marcel Jacobs di Lamont, campione olimpico dei 100 metri, risponde al test positivo di CJ Ujah

Nel frattempo, Hugh Robertson, presidente della British Olympic Association, ha definito la presunta violazione di Uga “notizie profondamente deludenti” poiché Uga e i suoi compagni di squadra, Zarnell Hughes, Richard Kelly e Nathaniel Mitchell Blake, hanno affrontato la prospettiva di perdere le loro medaglie.

“Naturalmente l’atleta rimane innocente fino a prova contraria mentre il processo è in corso, ma è un processo che dobbiamo rispettare all’interno del team GB e di fatto in tutto lo sport”, ha detto Robertson a BBC Radio 4. Il programma di oggi.

“Purtroppo l’atleta è stato sospeso. Questa è ovviamente una notizia molto triste per lui, così come per chiunque altro sia stato colpito da lui e per gli altri atleti della staffetta”.

All’inizio di questa settimana, Robertson ha salutato l’operazione Tokyo 2020 del Team GB come un “notevole successo” poiché i restanti atleti britannici sono atterrati sul suolo di casa dopo aver terminato con 65 medaglie, anche se quel numero sarà ridotto se Ugah verrà dichiarato colpevole.

Robertson ha anche confermato che la sua squadra ha parlato con Oga da quando è stata annunciata la bomba, ma non ha ricordato i dettagli di ciò che è stato detto, sottolineando che “quelle conversazioni devono rimanere molto strettamente personali”.

Ha aggiunto: “Sono molto deluso. È inevitabile quando hai avuto una grande prestazione come con le Olimpiadi. La prestazione della squadra è stata fantastica. Questo è ovviamente un esempio in tutto questo, ma è un problema serio”.

“Penso che dobbiamo essere onesti su questo, dobbiamo rispettare il processo e il risultato e poi se qualcosa va storto – non lo sappiamo ancora – ma se lo fa, dobbiamo fare tutto il possibile per ottenerlo Giusto.”

READ  Novak Djokovic batte Mats Mooring in due set nella partita di apertura di Sports News, First Post

Secondo le regole stabilite dall’International Testing Agency, che ha raccolto il campione positivo il 6 agosto dopo aver gareggiato nella staffetta maschile di Tokyo, Ujah ha il diritto di presentare un campione “B” per ulteriori analisi. “Aspetteremo di vedere se ciò accadrà, poiché direi che rimane innocente fino a prova contraria e poi il processo farà il suo corso da lì”, ha aggiunto Robertson.

Uga, il campione nazionale dei 100 metri, ha combattuto la prima tappa della finale della staffetta 4×100 mentre l’italiano Filippo Torto Mitchell-Blake ha inseguito il velocista britannico mentre la Gran Bretagna si accontentava dell’argento.

Quando gli è stato chiesto dei suoi sentimenti per gli altri tre membri della staffetta britannica, Robertson ha detto: “Ti senti molto dispiaciuto per loro, ma ogni atleta che gareggia alle Olimpiadi conosce esattamente le regole.

“Spendiamo molto tempo e molti soldi per educare gli atleti sulle conseguenze dell’antidoping. Sanno quali sono le regole e sanno quali sono le conseguenze se le cose vanno male”.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il ransomware Vice Society si unisce agli attacchi PrintNightmare in corso
Next Post 50 lavoratori, 9 pazienti sono risultati positivi in ​​caso di epidemia di COVID al Pineville Hospital – WSOC TV