Mangia e bevi Pinxtos e Texacoli a San Sebastian, Spagna

La città di San Sebastian, nel nord della Spagna, si avvolge lungo il bordo di una baia semicircolare che fa parte del Golfo di Biscaglia – a sua volta una specie di sporcizia, che sputa parte dell’Atlantico che premia i marinai una volta che gli è stato permesso di sopravvivere. Mentre il centro della città di fronte all’oceano è per lo più pianeggiante, i sobborghi sono stranamente pastorali: greggi di pecore pascolano lungo scogliere verdi accanto a fattorie di legno che sembrano tirolesi.

Per apprezzare questa città di circa 190.000 persone, inizia con una passeggiata. I tratti costieri, le mura del porto e i sentieri tortuosi intorno alla vetta invitano all’esplorazione. Il centro storico – alla base del Monte Urgell – è simile alla Genova italiana per essere affascinante e architettonicamente attraente, ma anche a volte leggermente grintoso e pieno di graffiti. Includono viste mozzafiato su vicoli acciottolati o chiese dietro ogni angolo, mantenendo i visitatori vigili. (Era Genova e San Sebastian Dichiarate congiuntamente “Capitali europee per il Natale” a dicembre da una giuria internazionale e dall’ex presidente del Parlamento europeo.)

Durante il tardo pomeriggio – dopo le 16:00 – i cittadini spesso si accalcano fuori per allenarsi, prendere aria fresca e forse commissioni, shopping e cocktail. Girano a piedi, in bicicletta e in scooter con borse della spesa, tavole da surf e cani che abbaiano. Potresti vedere un nonno con un cappello color cenere che spinge un passeggino o una coppia che si rannicchia su una panchina del parco. La gente del posto è emotivamente espressiva e il parlare in movimento è una specie di sport qui.

La luce del sole è sia idratante che tonificante per la gente del posto, che sembra risiedere più dei residenti lungo questa splendida baia con le sue raffiche vivaci e le onde viola intenso. Luglio è il mese più soleggiato e secco a San Sebastian, ma anche il gennaio più freddo è accomodante, con una temperatura media di 55 gradi Fahrenheit (13 gradi Celsius).

Mentre navighi in esplorazione, percorri il muro del porto di Mollaberria Kalea mentre i marinai tirano le coperture dalle barche del porto ormeggiate e i genitori con i loro bambini. Oppure prendi Zumardia Boulevard tra la città vecchia e il centro città, un ambiente attraente che include un marciapiede largo decine di piedi. Guida brillantemente verso splendidi paesaggi costieri.

Donostia ha ampie bancarelle, negozi e mercati che vendono cibo: è onnipresente e cosmopolita. Sulla strada del lungomare a Zurriola Hiribidea in un negozio chiamato Loaf puoi comprare un pezzo spagnolo Sandwich (panino baguette) o focaccia (focaccia italiana) o anche un “bun biondo” più americano. All’esterno in marmo nero o in Pastelleria Otaegui, si possono osservare offerte di biscotti ricoperti di ciliegie e piccole torte da vasca chiamate CorrereIl pesce è chiaramente in abbondanza: in San Juan Street con i suoi banchi di frutta all’aperto dove è possibile acquistare ostriche, aragoste, scampi del Madagascar o cozze locali (Cozze della Galizia).

San Sebastian ha elementi distintivi che, combinati, la distinguono dalle altre città spagnole.

Mentre acceleri, potresti sentire i pedoni sui telefoni cellulari che ripetono parole spagnole Vallee Venga, E proprio adesso (“Okay”, dai, e “ora”) – riferendosi all’empatia, al movimento e al tempo – i pilastri della coscienza basca. Questo perché San Sebastian fa parte dei Paesi Baschi (la città si chiama Donostia nella lingua euskara locale). Storicamente, i baschi erano visti come un gruppo indisciplinato (evitato dai legionari romani) con una lingua (vista sui cartelli e parlata da molti residenti) di origini piuttosto oscure.

Un altro elemento distintivo di San Sebastian è la sua storia marittima profonda e spesso aspra.

Quasi cinque secoli fa, i marinai baschi iniziarono ad attraversare l’Atlantico fino a Terranova per catturare merluzzi e balene. La pesca ha fornito cibo ed sostegno economico e ha contribuito a plasmare l’identità marina di San Sebastian.

Tuttavia, la vela era una sfida.

Se entri nel Museo Marittimo di Vasco (Museum Maritimo Vasco, o Museo Euscal Itsas) lungo il lungomare di San Sebastian, c’è una mostra che evidenzia le condizioni a bordo della nave per 16 anni Marinai del secolo. Nel 1542, per esempio, Rui López de Villalobos, un famoso esploratore spagnolo che navigò nel Pacifico e chiamò le Filippine, diede istruzioni ai capitani su quali membri dell’equipaggio fossero responsabili del mantenimento della sentinella, o “cane da guardia”.

“Chi dorme di guardia e si trova addormentato… Se occupa un grado, perde quel grado… E se si addormenta di nuovo, viene gettato in mare…”

(Villalobos morì di febbre mentre languiva in una prigione di un’isola tropicale.)

Le condizioni a bordo delle navi per i marinai possono essere fredde e umide. La fame era dilagante. Lo studioso ed esploratore Antonio Pigafetta, che navigò con Magellano, scrisse all’inizio del XVI secolo che “Anche i topi, così odiosi per l’uomo, sono diventati una prelibatezza molto costosa, pagati mezzo ducato ciascuno…”

Queste condizioni di navigazione brutali all’interno del Golfo di Biscaglia sono scomparse. Oggi, anche nel gelido inverno, decine di bambini piccoli prendono regolarmente lezioni di vela lungo la baia di La Concha nei fine settimana – per sport piuttosto che per qualsiasi allenamento necessario per uno stile di vita.

Il terzo aspetto distinto di San Sebastian è la fama della città per la sua cucina. Ci sono 11 ristoranti con stelle Michelin in città – alta concentrazione. Questi possono essere costosi all’interno di un centro urbano generalmente poco costoso – risultando in un’economia culinaria locale alquanto sproporzionata, con prezzi dei ristoranti che vanno da sorprendentemente bassi a vertiginosi. Vai al Kantoi Café per un cappuccino che costa meno di 2 euro e inizierai a capire che questa città non è solo stimolante, ma anche conveniente.

Curiosamente, tuttavia, c’è spesso poca divisione spaziale tra i ristoranti, indipendentemente dalla loro reputazione in termini di qualità o costo. Nel vicolo Fermín Calbetón (o “kalea”) troverai il Bodegon Alejandro stellato Michelin insieme a molti altri ristoranti conosciuti come Ristorante In basco, come Jose Marie o Zomeltzege. Imposta il tuo budget e scegli: è difficile rimanere delusi dalle scelte e dalla qualità del cibo qui.

Per comprendere meglio la cultura culinaria locale, inizia con i prodotti alimentari di base. Prova a mangiare Pinnextos e a bere Texakoli. I pinxtos sono snack caldi o freddi simili a grandi antipasti: abbastanza grandi da poter essere tenuti in una mano, ma con abbastanza cibo avrai anche bisogno di un tovagliolo.

nel suo libro Il famoso Pinxtos se Donostia – San SebastianJosema Azpeitia elenca le caratteristiche di ciascuno: pinxto è un ambiente di cottura autonomo, non fa parte di una porzione più grande come una frittata; È “ una miscela individuale di diversi ingredienti, assemblati con gusto per fornire una sensazione specifica in bocca. È un mini piatto.

Inoltre, dovresti essere in grado di mangiare Pinxto in uno o tre bocconi; Viene raddrizzato con uno stuzzicadenti e pagato (non gratis come le tapas).

Il txakoli è un vino bianco acido, a bassa gradazione alcolica e talvolta frizzante che di solito viene versato da una bottiglia elevata, come il tè alla menta versato da una pentola in Marocco, per aerare il succo. Questo vino dal suono accattivante è ottenuto da uve con un nome sonoro: Hendurabi Zuri e Hendurabi Pelza. Sia “pinxtos” che “txakoli” includono la lettera “x” per la sua prevalenza nella lingua euskara locale, che di per sé è un argomento sufficiente per un libro.

Scegli uno dei tanti bar pinxto da visitare, ad esempio Plaza de Bilbao. Uno potrebbe includere polpo, patate, un altro prosciutto e peperoni pimento. In un bar chiamato Ambrosio, Pinxto “El Matrimonio” (matrimonio) include acciughe bianche e scure, aglio e pepe nero. C’è anche l’originale pinxto “Gilda”, che prende il nome dal film Rita Hayworth del 1946, che include olive, sottaceti, peperoncini verdi e acciughe salate.

Questa città con un’ampia baia mette in risalto l’esplorazione e la cucina. Ricompensa – costantemente e con sorprese – il piacere di passeggiare. Ho visitato e scritto per la prima volta su questa città cinque anni fa, finendo il pezzo con le parole: “Questa è una città in cui tornare”.

Apparentemente.

READ  Scenario migliore per l'Italia nei prossimi 12 mesi
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post I fan del cantante mascherato nel Regno Unito hanno convinto che il fungo sia Doctor Who Jodi Whitaker
Next Post Buffalo Pills contro Atlanta Falcons: Discussione aperta nel primo tempo