Malakai Black l’ha fatto di nuovo

La puntata di stasera (3 settembre) di AEW frenesia Ha iniziato con Malakai Black con Lee Johnson, membro della Nightmare Family. Questa partita è arrivata dopo che Lee ha interrotto l’attacco finale di Malakai su Arn e Brock Anderson. Di conseguenza, Black ha promesso di torturare Johnson in questo, piuttosto che mostrare pietà con un rapido knockout.

In quella che la squadra di quattro commentatori ha descritto come la più grande partita della carriera di Johnson, ha mostrato uno spirito combattivo molto migliore di quello che Cody ha fatto poche settimane fa contro Malacay. Ma non è riuscito a seguire efficacemente Frog Spray e Black ha preso il comando da lì. Ha colpito Lee in un angolo con un mix incredibile, e Johnson sembrava essere stato eliminato.

È stato allora che le cose si sono divertite. Malakai Black ha portato una sedia d’acciaio sul ring e l’ha fatta scivolare sul suo avversario. Poi ha voltato le spalle a Lee Johnson. Johnson aveva una scelta: perdere la partita facendo oscillare la sedia a Black, o resistere a questa tentazione marcia.

Lee prese la sedia e, prima che potessimo vedere cosa avrebbe fatto con essa, Black lo tirò fuori con un calcio rotante sul tallone.

Proprio così, Malakai Black ha preso a calci in testa un altro membro della Nightmare Family e ha ottenuto una vittoria.

Dustin Rhodes ha colpito l’anello dopo e ha inseguito Malakai prima di fare più danni. Una partita tra Dustin e Malkay è stata prenotata per la prossima settimana dinamite. Non credo che finirà bene per il fratello maggiore di Cody.

READ  Il tuo oroscopo di domenica 6 giugno 2021

Segui i risultati frenesia Qui.

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’astrofisica suggerisce un nuovo posto per il Pianeta Nove in cui nascondersi
Next Post I paesi europei hanno reimposto il divieto ai turisti americani