Madonna: «In coma indotto per 48 ore a causa di quellinfezione. Ho dovuto quasi morire per riunire tutti i miei – Buzznews

Madonna, la regina del pop, è stata messa in coma indotto per 48 ore a causa di una grave infezione batterica. La notizia è stata rivelata dalla stessa cantante durante un concerto a New York, lasciando i fan in sospeso e preoccupati per il suo stato di salute.

Durante la performance, Madonna ha ringraziato la sua amica Shavawn per averle letteralmente salvato la vita. Shavawn ha portato d’urgenza la cantante in ospedale quando si è resa conto della gravità della situazione. Senza l’intervento tempestivo della sua amica, la regina del pop avrebbe potuto affrontare conseguenze molto più gravi.

In modo caratteristico, Madonna ha trovato un modo per scherzare sulla sua esperienza. Ha affermato ironicamente di aver dovuto “morire” per riuscire finalmente a riunire tutti i suoi figli in una stanza. Nonostante l’umorismo, è evidente che l’infezione batterica l’abbia colpita duramente.

L’infezione batterica ha colpito Madonna il 24 giugno, costringendola al ricovero in terapia intensiva e alla sospensione di tutti i suoi impegni lavorativi e del tour. Questo non è il primo episodio di grave problema di salute affrontato dalla cantante nel corso della sua carriera, ma è grata di poter raccontare l’episodio come “un miracolo”.

La regina del pop è conosciuta per la sua energia e la dedizione ai suoi fan, quindi non sorprende che questa notizia abbia scosso il mondo della musica. I fan di tutto il mondo si sono riversati sui social media per esprimere il loro sostegno e augurare a Madonna una pronta guarigione.

Non appena si avranno ulteriori aggiornamenti sulla sua salute e sulle prossime date del tour, siete invitati a tornare su Buzznews per ulteriori informazioni.

READ  Opera di scarso valore: il ministero della Cultura nega i finanziamenti al film di Cortellesi - Buzznews

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *