Luso prolungato di farmaci ansiolitici aumenta il rischio di Alzheimer o altre forme di demenza?

Luso prolungato di farmaci ansiolitici aumenta il rischio di Alzheimer o altre forme di demenza?

L’uso di sedativi/ipnotici può causare un temporaneo peggioramento delle funzioni cognitive, ma smettendo di assumere il trattamento si risolve questo problema, secondo uno studio recente. I ricercatori hanno scoperto che il peggioramento dipende dalla dose di farmaco assunta. Pertanto, è fondamentale che l’uso di tali farmaci sia breve.

In particolare, le benzodiazepine, comunemente utilizzate per il trattamento dell’ansia, non sono raccomandate per il disturbo d’ansia generalizzata a lungo termine. Gli esperti suggeriscono invece l’utilizzo di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) come opzione terapeutica efficace per il disturbo d’ansia generalizzata. Questi farmaci hanno dimostrato di avere un minor impatto sulle funzioni cognitive.

Tuttavia, c’è ancora un dibattito in corso riguardo al possibile rischio di sviluppare Alzheimer o altre forme di demenza a causa dell’uso di benzodiazepine. Alcuni studi suggeriscono un collegamento tra l’uso prolungato di questi farmaci e un aumento del rischio di demenza. Tuttavia, è importante notare che il collegamento potrebbe essere dovuto al fatto che sia l’uso di benzodiazepine che la demenza sono correlati ai primi segni di decadimento cognitivo.

Al momento, non esistono ancora studi che dimostrino in modo conclusivo un collegamento diretto tra l’uso di sedativi/ipnotici e il rischio di Alzheimer. Tuttavia, è fondamentale consultare un medico per valutare la terapia più appropriata per il disturbo d’ansia generalizzata e valutare attentamente i rischi e i benefici dei farmaci utilizzati.

In conclusione, l’uso di sedativi/ipnotici può causare un temporaneo peggioramento delle funzioni cognitive, ma smettendo di assumere il trattamento, questa problematica si risolve. Le benzodiazepine non sono raccomandate per il trattamento a lungo termine del disturbo d’ansia generalizzata, mentre gli SSRI sono considerati un’opzione terapeutica più appropriata. Nonostante ci sia un dibattito sul collegamento tra l’uso di benzodiazepine e il rischio di demenza, al momento non esistono ancora studi conclusivi in tal senso. Si consiglia di consultare un medico per una valutazione accurata e una scelta terapeutica adeguata.

READ  Il digiuno è il nuovo «elisir di lunga vita», ma serve per dimagrire? E soprattutto, fa bene? - Buzznews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *