L’Unione Europea e gli Stati Uniti discutono di imporre più sanzioni all’Iran per la repressione delle proteste | Iran

L’Unione Europea e gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di imporre più sanzioni all’Iran per il suo tentativo di reprimere proteste e scioperi nelle università La morte del 22enne Muhassa Amini In un centro di detenzione della polizia.

Josep Borrell, capo della politica estera dell’Unione europea, ha condannato l’uso sproporzionato della forza da parte dell’Iran e ha affermato che tutte le opzioni saranno sul tavolo alla prossima riunione dei ministri degli Affari esteri dell’UE. Le opzioni chiave aiutano a prevenire gli arresti di Internet Irane più sanzioni economiche.

Manifestanti di strada – Ora alle 10Decimo Giorno 10 – Ha anche chiesto un maggiore sostegno da parte dell’Occidente, nonché un aiuto nella comunicazione con il mondo esterno.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Nasser Kanaani, ha condannato gli Stati Uniti per aver cercato di aiutare coloro che cercano di aggirare i tagli a Internet dell’Iran, affermando che l’azione intrapresa dall’Office of Foreign Assets Control (OFAC) venerdì scorso è stata “un altro segno” che questo Paese cerca indebolire la sicurezza e la stabilità dell’Iran.

Ha detto che l’azione degli Stati Uniti non sarebbe rimasta senza risposta.

Le VPN tradizionali non sono sempre efficaci in Iran e venerdì il proprietario di SpaceX Elon Musk ha convinto il Tesoro degli Stati Uniti a revocare qualsiasi minaccia di sanzioni se avesse aiutato i manifestanti iraniani offrendo il servizio Internet satellitare Starlink nel paese. Gli utenti di Starlink possono aggirare le reti di comunicazione terrestre del Paese, liberandoli dalla censura di Internet.

Ma Musk ha detto che il suo dispositivo Starlink richiede periferiche – una parabola e un router – all’interno del paese – qualcosa che è improbabile che il governo iraniano supporterà, richiedendogli di rischiare di essere citato in giudizio dall’Iran nei tribunali internazionali se continua ad andare avanti senza il loro supporto.

READ  Il jet privato di Steven Spielberg ha bruciato 92 rupie di carburante in due mesi: rapporto

L’attivazione di Starlink in Ucraina all’inizio di quest’anno non può essere paragonata perché il governo ucraino ha sostenuto il suo movimento una volta che le sue reti di comunicazione sono state interrotte dall’invasione russa.

Resta inteso che l’UE sta cercando di incoraggiare più società di software a firmare il “Copenhagen Pledge on Technology for Democracy” sostenuto dal ministero degli Esteri danese, una dichiarazione su come mantenere Internet aperto e libero.

Anche gli ambasciatori del Regno Unito e della Norvegia in Iran sono stati convocati presso il Ministero degli Affari Esteri iraniano per protestare contro la posizione dei due Paesi europei.

Il capo della magistratura iraniana ha lanciato avvertimenti sempre più forti sulla punizione per coloro che sono scesi in piazza o hanno sostenuto coloro che lo hanno fatto.

Negli Stati Uniti, i senatori repubblicani hanno invitato gli Stati Uniti ad annunciare il loro ritiro dai negoziati sul futuro dell’accordo nucleare iraniano. La senatrice Marsha Blackburn ha scritto: “Il governo iraniano ha ucciso una donna per non aver indossato il velo. Come può Joe Biden continuare a premere per un accordo nucleare con un regime terroristico?”

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan domenica ha rifiutato di collegare le proteste all’approccio degli Stati Uniti ai colloqui sul nucleare, dicendo: “Stiamo parlando di diplomazia per impedire all’Iran di ottenere un’arma nucleare”, aggiungendo: “Se… riusciremo, sarà il mondo, l’America e i suoi alleati.” Più sicuro”.

All’interno dell’Iran, i manifestanti che hanno parlato con il Guardian hanno affermato di aver bisogno dell’aiuto dell’Occidente per scrollarsi di dosso l’impatto delle manifestazioni.

READ  Il lavoratore di Chernobyl ricorda il turno di 600 ore sotto l'occupazione russa

Il popolo iraniano si è svegliato e il regime non può censurare le nostre voci. Uscivo per strada… e affrontavo la brutale violenza della polizia. Il mondo deve mostrare il volto crudele di questo regime. Chiediamo all’Occidente di punire questo regime. L’intero Iran si è svegliato di fronte alla resistenza senza precedenti diffusa anche nelle piccole città. “I leader mondiali dovrebbero venire ad aiutare il popolo iraniano”, ha detto al Guardian Mohammad, un manifestante di 25 anni che usa un solo nome.

Un manifestante di 23 anni ha detto al Guardian: “Abbiamo bisogno di aiuto per essere ascoltati quando chiudono Internet, stanno uccidendo oltre 100 persone al giorno in tutto il paese e si stanno assicurando di ridurre il numero di filmati pubblicati. [so] Possono far sembrare che non sia così violento come è. Ci scontriamo ogni volta con la polizia, ma combatteremo e usciremo ogni giorno per sbarazzarci di questo regime”.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post 3 motivi per cui l’economia italiana è importante per l’Europa e l’Unione Europea
Next Post Notizie F1 2022, Jean Todt, Ferrari, Mick Schumacher, Haas, Zach Brown, Colton Hertha, FIA, supremazia, mercato piloti, contratti stagionali ridicoli,