L’ufficiale di marina italiano dice di non avere informazioni vitali per lo spionaggio: l’Europa

L’ufficiale di marina italiano arrestato per spionaggio dice di non avere informazioni importanti

ROMA – Un capitano di marina italiano accusato di aver inviato documenti segreti in Russia ha dichiarato di non avere accesso a nessuna informazione che possa compromettere la sicurezza o le operazioni strategiche dell’Italia o della NATO, ha detto venerdì il suo avvocato.

L’avvocato Roberto de Vita ha incontrato il capitano Walter Biot al carcere di Regina Collis a Roma, dove il capitano della nave da guerra e un ufficiale politico del Ministero della Difesa sono stati arrestati con l’accusa di spionaggio in una cella isolata, una pratica comune per i nuovi detenuti durante COVID-19 prevenire le infezioni. Esplosioni.

Biot è stato arrestato martedì dalle forze operative speciali italiane per aver presumibilmente consegnato una chiavetta USB con 181 documenti a un ambasciatore russo per $ 5.881.

L’Italia espelle diplomatici russi e altri per aver definito il ministro degli Esteri italiano Luigi de Mayo “ostile all’estrema gravità”.

Un giudice a Roma giovedì ha negato la richiesta di Biot di essere rilasciato dal carcere e posto agli arresti domiciliari, citando la gravità delle accuse e le preoccupazioni che potrebbe commettere ulteriori crimini.

Citando l’ordine del giudice, le testate italiane hanno riferito che le azioni di Biot “non sono state isolate, non occasionali”, ma ben pianificate. Il giudice ha detto di aver usato quattro diversi telefoni cellulari e che “non c’è limite a tradire la fiducia della sua azienda per ragioni economiche”.

Biot, che inizialmente si è rifiutato di rispondere alle domande dei pubblici ministeri, si è detto pronto a fornire una versione del suo caso e dimostrare che i documenti in questione erano “minori o lacunosi, e nella maggior parte dei casi già disponibili, a prescindere”. Da altre fonti.

READ  L'Atlanta United accede ai quarti di finale della Champions League

“Sottolineerà come non ha avuto accesso a informazioni di compromesso sulle operazioni nazionali, militari, strategiche e della NATO”, ha detto De Vita all’Associated Press fuori dal carcere. “Proprio la posizione che ha ricoperto non gli ha permesso l’accesso”.

I parenti di Biot dicono che non tradirà mai il suo paese. Ma hanno detto che ha lottato per provvedere alle sue sei famiglie e pagare il mutuo uno stipendio mensile del ministero della Difesa di 3.529 dollari.

De Vita ha detto che il suo cliente è molto preoccupato per l’impatto di questo scandalo. L’avvocato ha detto che il caso solleva questioni geopolitiche e istituzionali “oltre la dimensione della giustizia” della condotta del capitano.

“Crede fermamente che rispetto a quanto viene rivelato e detto, può ridurre l’importanza delle azioni che ha intrapreso o metterle in prospettiva”, ha detto De Vita.

___

Contributo di AP Video Journalist Luigi Navarro.

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La catena italiana ‘casual kitchen-liquor’, che ha debuttato nell’ex ristorante Jamie Oliver di Glasgow, colpisce il Regno Unito
Next Post Il Team Summit Alpine Skyr Camden Palmist vince le gare di slalom italiano