L’Ucraina teme che una guerra prolungata possa far perdere interesse all’Occidente





Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si rivolge alla sessione plenaria di apertura ospitata da Klaus Schwab, fondatore e CEO del World Economic Forum, a sinistra, durante la 51a riunione annuale del World Economic Forum, il World Economic Forum, a Davos, in Svizzera, il 23 maggio 2022 (Laurent Gillieron / Keystone tramite AP, File).

Kiev, Ucraina (AFP) – Mentre l’invasione russa dell’Ucraina entra nel suo quarto mese, i funzionari di Kiev hanno espresso il timore che lo spettro della “stanchezza della guerra” possa minare la determinazione dell’Occidente ad aiutare il Paese a respingere l’aggressione di Mosca.

Gli Stati Uniti ei loro alleati hanno fornito all’Ucraina armi per miliardi di dollari. L’Europa ha accolto milioni di sfollati a causa della guerra. C’era un’unità senza precedenti nell’Europa del secondo dopoguerra nell’imporre sanzioni al presidente Vladimir Putin e al suo paese.

Ma mentre lo shock dell’invasione del 24 febbraio svanisce, gli analisti affermano che il Cremlino potrebbe sfruttare un conflitto radicato di lunga data e un potenziale interesse in declino tra le potenze occidentali che potrebbero spingere l’Ucraina a scendere a compromessi.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si è già risentito dei suggerimenti occidentali di accettare una sorta di compromesso. Ha detto che l’Ucraina deciderà le proprie condizioni di pace.

“La fatica sta crescendo e le persone vogliono un qualche tipo di risultato (benefico) per se stessi e noi vogliamo (un altro) risultato per noi stessi”, ha detto.

Una proposta di pace italiana è stata respinta e il presidente francese Emmanuel Macron è stato accolto con una reazione arrabbiata dopo che è stato citato per aver affermato che sebbene l’invasione di Putin sia stata un “errore storico”, le potenze mondiali non dovrebbero “insultare la Russia, quindi quando i combattimenti si fermano, noi possono costruire insieme una via d’uscita tramite le tracce diplomatiche. Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha affermato che tali discorsi “serviranno solo a umiliare la Francia e ogni altro paese che potrebbe richiederlo”.

Anche l’osservazione dell’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger secondo cui l’Ucraina dovrebbe prendere in considerazione le concessioni territoriali è stata accolta con una risposta da Zelensky che nel 1938 equivaleva a potenze europee consentendo alla Germania nazista di rivendicare parti della Cecoslovacchia per frenare l’aggressione di Adolf Hitler.

Kiev vuole cacciare la Russia dalle aree appena conquistate dell’Ucraina orientale e meridionale, oltre a riprendersi la Crimea, che Mosca ha annesso nel 2014, e parti del Donbass che sono state controllate dai separatisti sostenuti dal Cremlino negli ultimi otto anni.

Volodymyr Fesenko, analista politico del think tank del Penta Center, ha affermato che ogni mese di guerra costa all’Ucraina 5 miliardi di dollari, e questo “rende Kiev dipendente dalla posizione unificata dei paesi occidentali”.

L’Ucraina avrà bisogno di armi più avanzate per assicurarsi la vittoria, insieme alla determinazione dell’Occidente a continuare il dolore economico per la Russia per indebolire Mosca.

Fesenko ha detto in un’intervista con The News Agency.

La guerra continua a ottenere un’ampia copertura sia negli Stati Uniti che in Europa, che sono stati inorriditi dalle immagini della morte di civili ucraini nel più grande combattimento del continente dalla seconda guerra mondiale.

Gli Stati Uniti continuano ad assistere l’Ucraina, con il presidente Joe Biden che ha affermato la scorsa settimana che Washington le fornirà sistemi missilistici avanzati e munizioni che le consentiranno di colpire obiettivi chiave con maggiore precisione sul campo di battaglia.

In un articolo pubblicato sul New York Times il 31 maggio, Biden ha affermato: “Non farò pressioni sul governo ucraino – in privato o in pubblico – per fare concessioni territoriali”.

La Germania, che ha dovuto affrontare critiche da Kiev e altrove per la sua percepita riluttanza, ha promesso i suoi sistemi di difesa aerea più avanzati fino ad oggi.

“Non c’era niente di simile, anche durante la Guerra Fredda, quando l’Unione Sovietica sembrava più minacciosa”, ha detto Nigel Gold-Davies, ricercatore senior per Russia ed Eurasia presso l’Istituto internazionale di studi strategici.

Sebbene non veda una significativa erosione di “certo sostegno all’Ucraina”, ha detto Gold-Davies, “ci sono indicazioni di varie tensioni su quali dovrebbero essere gli obiettivi dell’Occidente. Tali obiettivi non sono ancora chiaramente definiti”.

Le preoccupazioni interne in Europa si stanno facendo strada nel discorso, soprattutto perché i prezzi dell’energia e la carenza di materie prime stanno iniziando a mettere a dura prova le persone comuni che devono far fronte all’aumento delle bollette dell’elettricità, dei costi del carburante e dei prezzi dei generi alimentari.

Mentre i leader europei hanno salutato la decisione di bloccare il 90% delle esportazioni petrolifere russe entro la fine dell’anno come un “successo completo”, ci sono volute quattro settimane di negoziati e includeva una concessione che consentiva all’Ungheria, ampiamente considerata come il più stretto alleato del Cremlino in Europa Unione, continuano le Importazioni. Occorrono altre settimane di attenta messa a punto politica.

“Dimostra che l’unità in Europa si sta un po’ frenando a causa dell’invasione russa. C’è una sorta di stanchezza tra gli Stati membri nel trovare nuovi modi per imporre sanzioni”, ha affermato Matteo Villa, analista del think-tank Ispi in Milano. La Russia, e ovviamente all’interno dell’Unione Europea, ci sono alcuni paesi che sono meno disposti a continuare le sanzioni”.

Diffidando dell’impatto economico di ulteriori sanzioni energetiche, la Commissione europea ha indicato che non si affretterà a proporre nuove misure restrittive contro il gas russo. I legislatori dell’UE chiedono anche aiuti finanziari ai cittadini colpiti dall’aumento dei prezzi del carburante e del riscaldamento per garantire che il sostegno pubblico all’Ucraina non diminuisca.

Il leader della destra italiana Matteo Salvini, che è considerato vicino a Mosca, questa settimana ha detto ai giornalisti stranieri che gli italiani sono pronti a fare sacrifici e che la sua banda sostiene le sanzioni contro la Russia.

Ma ha notato che il sostegno non è illimitato, tra i segnali che la bilancia commerciale sanzionata si sta spostando a favore di Mosca, danneggiando i piccoli imprenditori del nord Italia che fanno parte della sua base.

“Gli italiani sono molto pronti a fare sacrifici economici personali per sostenere la difesa dell’Ucraina e raggiungere un cessate il fuoco”, ha detto Salvini.

“Quello che non voglio è trovarci qui a settembre, dopo tre mesi di conflitto in corso. Se così fosse, sarebbe un disastro per l’Italia. Oltre ai morti, salvare vite, che è la priorità economica per l’Italia se la guerra continua sarà un disastro”.

READ  Impatto della riforma della class action italiana sulle istituzioni finanziarie | Hogan Lovells

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *