L’olio d’oliva greco diventa italiano

La maggior parte dei produttori greci di olio d’oliva sceglie di esportare i propri prodotti sfusi in Italia a prezzi molto bassi – inferiori rispetto a quelli esportati in altri paesi – con le aziende italiane che li standardizzano e li vendono a più del doppio del prezzo in patria e all’estero. Molti paesi all’estero. Allo stesso tempo, non esiste un olio d’oliva greco standardizzato come prodotto finito di marca nei supermercati italiani.

È perché l’olio d’oliva greco è di scarsa qualità? esattamente il contrario. Al concorso NYIOOCC dell’olio d’oliva dello scorso anno, considerato il più grande concorso internazionale in questa categoria, i prodotti dell’olio d’oliva greco hanno vinto 99 premi, di cui 45 d’oro e 54 d’argento.

Tuttavia, secondo un recente rapporto dell’Ufficio per gli affari economici e commerciali dell’Ambasciata greca a Milano sulle esportazioni di olio d’oliva greco, tutte esportate in grandi quantità, il 64,67% del valore delle esportazioni totali di olio d’oliva e il 75,88% di è stato diretto il suo volume totale nel 2021. Mercato italiano.

Il valore delle esportazioni di olio d’oliva dalla Grecia all’Italia nel 2021 è stato di 345,5 milioni di euro, con un aumento del 16,33% rispetto al 2020, mentre il volume delle esportazioni ha raggiunto 111.610 tonnellate da 132.844 tonnellate nel 2020, registrando un calo del 15,98%. La Grecia è il secondo fornitore di olio d’oliva all’Italia, con una quota relativa del 21,69% nel 2021. Il più grande fornitore italiano è la Spagna, con una quota del 61,53%.

I prezzi alla produzione per l’export in Italia quest’anno possono essere su livelli relativamente alti, da 3,70 a 3,80 euro al chilogrammo, a seconda dell’andamento generale dei tagli alla produzione, ma i prezzi più bassi sono la norma, solitamente inferiori a 3 euro/kg. Sugli scaffali dei supermercati italiani, i prodotti dell’olio d’oliva vanno da 4 euro a 9,50 euro/kg.

I motivi per cui i produttori scelgono di vendere all’ingrosso in Italia sono che molti greci producono olio d’oliva da soli o hanno parenti che producono e forniscono olio d’oliva in grandi quantità, che i sussidi sull’olio d’oliva di marca sono stati aboliti, come deterrente, e che la maggior parte delle cooperative ha un ruolo centrale per esso. L’obiettivo è vendere olio d’oliva sfuso in Italia, secondo gli analisti di mercato.

READ  Le statistiche mostrano che i cittadini del Regno Unito sono i più entusiasti di viaggiare negli Stati Uniti

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *