L’oggetto massiccio potrebbe essere una luna interstellare, che è una scoperta rara

È il secondo corpo extraterrestre scoperto che potrebbe essere una luna esotica o una luna al di fuori del nostro sistema solare. La luna gigante è stata trovata in orbita attorno a un pianeta delle dimensioni di Giove chiamato Kepler 1708 b, situato a 5.500 anni luce dalla Terra.

Il corpo celeste appena scoperto è 2,6 volte più grande della Terra. Non esiste un analogo di una luna così grande nel nostro sistema. Per riferimento, la nostra Luna è 3,7 volte più piccola della Terra.

È la seconda volta che David Kipping, assistente professore di astronomia e capo del Cool Worlds Laboratory alla Columbia University, e il suo team trovano un candidato per la luna esterna. Hanno scoperto la prima, una luna delle dimensioni di Nettuno in orbita attorno a un esopianeta gigante chiamato Kepler-1625b, nel 2018.

“Finora gli astronomi hanno scoperto più di 10.000 esopianeti, ma le esolune rappresentano una sfida molto più grande”, ha detto Kipping in una nota. “Sono un territorio inesplorato.”

Capire di più sulle lune, come come si sono formate, se possono supportare la vita e se svolgono un ruolo nella potenziale abitabilità dei pianeti, può portare a una maggiore comprensione di come si formano ed evolvono i sistemi planetari.

Roba difficile da trovare

Kipping e il suo team stanno ancora lavorando per confermare che il primo candidato che hanno trovato è in realtà un exmoon, e questa ultima scoperta probabilmente dovrà affrontare la stessa dura battaglia.

Le lune sono comuni nel nostro sistema solare, che contiene più di 200 satelliti naturali, ma la lunga ricerca di lune interstellari è stata in gran parte improduttiva. Gli astronomi hanno determinato con successo le posizioni degli esopianeti attorno alle stelle al di fuori del nostro sistema solare, ma le esolune sono difficili da localizzare a causa delle loro piccole dimensioni.

Più di 4.000 esopianeti confermati sono stati scoperti in tutta la galassia, ma ciò non significa che trovarli sia stato facile. Molti sono stati scoperti usando il metodo del transito, o cercando cali di luce stellare quando un pianeta passa davanti alla sua stella. Le lune sono molto difficili da rilevare, sono più piccole e causano sempre più minuscoli cali di luce stellare.

READ  Double Dragon: la NASA prevede di lanciare SpaceX lunedì, lancio mercoledì

Per trovare questa potenziale seconda luna, Kipping e il suo team hanno utilizzato i dati della missione Kepler Retired Planet Search della NASA per esaminare alcuni degli esopianeti giganti gassosi più freddi che il telescopio abbia trovato. I ricercatori hanno utilizzato questi criteri nella loro ricerca perché nel nostro sistema solare, i due giganti gassosi Giove e Saturno hanno la maggior parte delle lune in orbita attorno a loro.

Dei 70 pianeti che hanno studiato, solo uno ha rilevato un segnale di accompagnamento che sembrava una luna, con solo l’1% di probabilità che fosse qualcos’altro.

“È un segno intrattabile”, ha detto Kipping. “Abbiamo gettato il lavello della cucina su questa cosa, ma non va via.”

3 modi in cui la luna può essere formata

Il candidato appena scoperto condivide somiglianze con la prima possibile scoperta della luna esterna. Entrambi sono probabilmente gassosi, il che spiega le loro enormi dimensioni, e sono lontani dalle loro stelle ospiti.

Questa potenziale luna extrasolare non assomiglia alla nostra luna

Ci sono tre teorie principali su come si sono formate le lune. Uno è quando grandi oggetti spaziali si scontrano e il materiale esplosivo si trasforma in una luna. Un altro è la cattura, quando gli oggetti vengono raccolti e portati in orbita attorno a un grande pianeta, come la luna di Nettuno Tritone, che si crede sia un oggetto catturato nella fascia di Kuiper. Il terzo è la formazione di lune da materiale, come il gas e la polvere che orbita attorno alle stelle, che ha creato i pianeti nei primi giorni del sistema solare.

È possibile che entrambi i candidati per la luna esterna possano aver iniziato come pianeti che alla fine sono stati trascinati in orbita attorno a pianeti più grandi come Kepler 1625b e Kepler 1708b.

READ  Il bilancio delle vittime negli Stati Uniti da Covid-19 ha superato quello della pandemia di influenza del 1918

Le lune giganti potrebbero essere un’anomalia

Kipping pensa che sia improbabile che tutte le lune al di fuori del nostro sistema solare siano grandi quanto questi due candidati, il che potrebbe renderli strani, piuttosto che standard. “Le prime scoperte in qualsiasi indagine saranno generalmente piuttosto eccentriche”, ha detto. “Le cose grandi sono facili da rilevare semplicemente con la nostra sensibilità limitata.”

Il telescopio Webb sta per dare uno sguardo senza precedenti a questi intriganti esopianeti

Per confermare che i due candidati sono exluune, saranno necessarie osservazioni di follow-up da parte del telescopio spaziale Hubble e del telescopio spaziale James Webb nel 2023. Nel frattempo, Kipping e il suo team continuano a raccogliere prove per supportare le lune esterne.

Il fatto che ogni pianeta associato impiega più di un anno terrestre per completare un’orbita attorno alla sua stella rallenta il processo di scoperta.

“La conferma richiede di vedere la luna ripetuta più volte”, ha detto Kipping. “La natura a lungo periodo dei pianeti bersaglio significa che abbiamo solo due transiti a portata di mano qui, e questo non è abbastanza per vedere la serie di transiti lunari necessari per rivendicare una scoperta confermata”.

Se confermato, potrebbe essere l’inizio di una nuova accettazione del fatto che le esolune sono comuni quanto gli esopianeti al di fuori del nostro sistema solare.

Il primo esopianeta non è stato scoperto fino agli anni ’90 e la maggior parte degli esopianeti conosciuti oggi non è stata rivelata fino al lancio di Kepler nel 2009.

“Questi pianeti sono strani rispetto al nostro sistema interno”, ha detto Kipping. “Ma hanno rivoluzionato la nostra comprensione di come si formano i sistemi planetari”.

READ  Uno studio recente afferma che il COVID-19 si sta evolvendo per diventare sempre più in circolazione nell'aria

Correzione: una versione precedente di questa storia scriveva erroneamente l’anno in cui fu scoperta per la prima volta la luna esterna.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Indicatore di forza della Serie A: Dybala cerca di rinnovare la Juventus, il Napoli prevede di lasciare Insigne dal Toronto FC e altro ancora
Next Post serie revival “Degrassi” classificata da HBO Max; “Next Generation” inizierà la messa in onda questa primavera – Scadenza