Lockdown, scosse di assestamento – Covid e il Nuovo Ordine Mondiale

Gli shock e le emergenze ci fanno cercare grandi cambiamenti nella direzione dell’economia, della società o della politica, e ci chiediamo se i futuri storici potrebbero riferirsi a questo incidente non solo come eccezionale, ma anche come un punto di svolta. Anche ora, 18 mesi dopo quella che sembra una “pandemia permanente”, la maggior parte di noi vacilla tra il credere che la pandemia cambierà tutto o niente e viceversa.

Non c’è dubbio che la verità sta nel mezzo. Forse abbiamo bisogno di una versione del coronavirus della famosa osservazione di Arthur C. Clarke sulla tecnologia: sopravvalutiamo il suo impatto a breve termine e lo sottovalutiamo a lungo termine.

Se durante il 2020 ti trovassi in uno dei paesi ricchi dell’Europa o del Nord America, o addirittura in Cina, ti sarebbe stato difficile sopravvalutare l’impatto immediato della pandemia sull’economia o sulla società, perché non c’era tale repentinità. o una radicale cessazione o modifica dell’attività e delle regole che la disciplinano dal 1945, nel caso dei paesi ricchi, o in Cina dalla Rivoluzione Culturale del 1966-1976. Ma l’effetto dell’emergenza è una cosa. Cambiamenti fondamentali e sostenibili completamente diversi.

Inoltre, se vivi in ​​Giappone o, diciamo, nella maggior parte dell’Africa sub-sahariana, o in gran parte dell’Europa centrale e orientale, l’epidemia non sembrerà un’emergenza. La vita è andata avanti un po’ normalmente, con un minor numero di stranieri accettati di visitare, ma questo può essere considerato un bonus da alcuni, non solo da coloro che lavorano direttamente o indirettamente nel settore del turismo.

Tuttavia, nel 2021, i posti sono cambiati: l’India è passata improvvisamente dal compiacimento all’emergenza, i paesi africani hanno iniziato a soffrire dei tassi di mortalità e dei fragili sistemi sanitari dell’anno precedente in America Latina e il Giappone è entrato nella vertiginosa serie di emergenze. Mentre ospitava i Giochi Olimpici e Paralimpici a porte chiuse. Nel frattempo, America ed Europa hanno parlato di riapertura e normalità, con la produzione economica sulla buona strada per unirsi a Cina, Corea del Sud e Taiwan a livelli superiori ai livelli pre-pandemia.

La meravigliosa analogia condivisa dal consigliere di Downing Street di Boris Johnson, Dominic Cummings, che come un carrello della spesa del supermercato vira violentemente da una parte all’altra, potrebbe essere applicata anche alla pandemia. Non c’è alcun segno della sua fine, l’impatto rimane misto nella geografia e nella natura, e i politici di tutto il mondo stanno ancora cercando di recuperare piuttosto che prendere il controllo.

Dopo la crisi finanziaria USA-Europa del 2008 ci sono state molte analisi spot, ma quello che è ampiamente considerato lo studio migliore, sia ampio che approfondito, è si è rotto Scritto da Adam Toze, storico britannico della Columbia University di New York. Pubblicato nel 2018, è stato elogiato per essere stato prodotto con una velocità notevole. Questa volta, Tooze ha scelto di non aspettare, unendosi alla crescente pila di libri nel tentativo di dare un senso a tutto in una volta. Molti tra quel mucchio si sentono già obsoleti. Dopo tutto il suo chiudere e un altro libro, scosse di assestamentoDue ricercatori americani, Colin Cale e Thomas Wright, hanno fornito intuizioni e strutture potenzialmente di valore duraturo.

READ  Perché essere 'Nature Positive' è la chiave del nostro futuro

leggere chiudere Si sente come se fosse seduto accanto al grande professore mentre raccoglie freneticamente una serie di affermazioni e aneddoti, cercando di raccontare cosa sta succedendo, la sua testa che oscilla pensando a cosa tutto questo potrebbe significare e dove potrebbe portare. Forse scriverlo era una forma di auto-trattamento. Cita il filosofo italiano Benedetto Crocci, approvando che “tutta la storia è storia contemporanea”, ma va ancora oltre trattando il contemporaneo come storia in sé.

Come sarebbe sicuramente d’accordo, qualsiasi libro che Tooze scriverà in un decennio sulla pandemia sarebbe una storia migliore. La storia non è ancora finita.

Tuttavia, stare seduti con il professore è un buon uso del tempo. Il suo punto di vista e il suo apprendimento si sommano molto. Il suo raggio d’azione geografico e interdisciplinare è impressionante e istruttivo, anche se il suo esame più vicino viene dagli Stati Uniti, dove vive. È particolarmente bravo in ciò che la pandemia ha esposto al Golfo nei paesi ricchi tra apparente preparazione e reale preparazione, usando la frase del sociologo tedesco Ulrich Beck, “irresponsabilità organizzata”, per descrivere lo stato di avere un piano per tutto ma nessuna capacità. per stenderlo alla velocità richiesta.

Strettamente interessato alle differenze ideologiche e all’ipocrisia su entrambe le sponde dell’Atlantico, è anche bravo a tratteggiare la derisione proibita di certe misure di emergenza, soprattutto in America. Per un paese che ha orgogliosamente evitato di avere un regime universale di assicurazione contro la disoccupazione per introdurre improvvisamente il Welfare Act nel 2020, distribuire più di 1 trilione di dollari in contanti sia alle famiglie che alle imprese era potenzialmente rivoluzionario.

READ  Inviato italiano desideroso di rafforzare i rapporti commerciali con il Pakistan

Tuttavia è probabilmente la parola chiave. In una situazione di emergenza, non esisteva una strategia coerente per il cambiamento. Come scrive Tooze: “Quella che sembrava essere una potente sintesi di politica fiscale e monetaria che lavorava di concerto per aiutare a finanziare un nuovo generoso contratto sociale si è rivelata a un esame più attento come una bestia confusa e mal formata, un regime politico da qualche parte sullo spettro tra Frankenstein, Jekyll e Hyde”.

Ciò che questo ci dice è che sono necessari tempo e spazio per un cambiamento reale e sostenibile che è deliberatamente guidato dalla politica piuttosto che da misure di emergenza, ma anche che qualsiasi cambiamento che avverrà dipenderà da come si sviluppano le forze politiche, che riflettono e modellano anche l’opinione pubblica. Idee e capacità sono necessarie ma non sufficienti.

La pandemia è anche vista meglio su una tela più ampia di quella della politica puramente interna. Infatti, grazie alla sua stessa eredità del 2008, Tooze ritiene che “vedere il 2020 come una crisi globale dell’era neoliberista – in termini di involucro ecologico, basi sociali, economiche e politiche locali e ordine internazionale – ci aiuti a trovare cuscinetti.”

Ha ragione sul fatto che la crisi pandemica si intersechi e rafforzi le altre tre crisi in corso: nell’ambiente, nella geopolitica e nella fiducia nel governo. Tuttavia, presentare l’idea che tutto questo “neoliberale” storicamente portava è strano: la crisi del 2020 è sorta in un nuovo paese illiberale, la Cina, e ha colpito paesi di tutti i segni e valori. Solo se “neoliberismo” è solo un nome stilizzato per l’era dello sviluppo economico globale questo ha senso. Le nostre tendenze storiche sono meglio servite se mettiamo da parte l’ideologia e ci concentriamo invece sul potere.

Questo è ciò che hanno fatto altri due analisti storici riflessivi e veloci scosse di assestamento. Colin Cale è un accademico americano che ora serve come Sottosegretario alla Difesa nell’amministrazione Biden. Thomas Wright è un membro anziano della Brookings Institution. Stanno anche registrando come si è sviluppata la pandemia e come i governi hanno risposto. Tuttavia, la loro attenzione è su ciò che ha esposto e aggravato negli affari internazionali.

Una minaccia globale come il Covid-19, che non distingue tra nazioni, ideologie o razze, avrebbe potuto incoraggiare o addirittura costringere le grandi potenze in competizione a lavorare insieme. Invece ha fatto il contrario, diventando lei stessa uno strumento di rivalità sistemica. Contrariamente al 2008, la cooperazione internazionale si è distinta per la sua assenza.

READ  Il presidente argentino incontra il capo del Fondo monetario internazionale

Mentre Cal e Wright esplorano nel loro libro ben scritto e ben documentato, ciò che si può vedere finora durante la pandemia è un caso precedente a cui è stato dato nuovo slancio e fascino. L’ostilità tra gli Stati Uniti e la Cina è cresciuta a lungo. Così entrambe le parti stavano costruendo le proprie reti, seguendo i propri programmi e stabilendo le proprie regole. Ma sembra che ci sia ancora bisogno e non solo possibilità di collaborazione tra i due.

Ora, nonostante una telefonata del 9 settembre tra i presidenti Biden e Xi Jinping, il collegamento tra la Cina e gli Stati Uniti è il più povero degli ultimi decenni; La separazione dei legami finanziari tra i due è guidata dalla politica in entrambe le capitali; La concorrenza tecnologica è intensa. E qualunque cosa nella frase cinese ora suoni come “i Regni di Mezzo” opera una propria costellazione separata di poteri, stabilendo regole, distribuendo vaccini, prestando e spendendo denaro, apparentemente indipendentemente dall’altro.

L’intensa preoccupazione riguarda anche tali divisioni tra Stati Uniti e Cina, che danno a questo mondo di basi di potere in competizione un’altra etichetta fantasiosa, “centrifuga multipolare”. Sulla base di ciò che ora si può scoprire, dal momento che siamo ancora seduti nel bel mezzo della pandemia, questa sembra essere, dice Cal Wright, la forza più influente del nostro tempo. Determina la rapidità con cui la pandemia stessa può essere tenuta sotto controllo, quanto bene possiamo rispondere a scosse di assestamento economiche come il debito sovrano e come possiamo prendere sul serio il cambiamento climatico. Deciderà se vivremo in pace o in guerra. Gli effetti a lungo termine non diventano più sostanziali di così.

chiudereIn che modo il Covid ha scosso l’economia globale? di Adam Toze, Allen Lane £ 25, 368 pagine

scosse di assestamentoLa politica epidemiologica e la fine del vecchio ordine internazionale Scritto da Thomas Wright e Colin Kahl, St. Martin’s Press $ 29,99 / £ 23,99, 464 pagine

Bill Emmott è l’ex editore di The Economist e co-direttore di Comitato globale sulla politica post-pandemia

Unisciti al gruppo di libri online su Facebook all’indirizzo FT Books Café

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Andrew Garfield afferma che Tom Holland è l’Uomo Ragno “perfetto”
Next Post Perché il mese del patrimonio ispanico inizia a metà settembre?