Lo studio rileva che l’allenamento del sonno per gli adulti previene la depressione

Lo specialista del sonno Wendy Troxell, uno scienziato comportamentale senior presso la RAND Corporation, che non è stato coinvolto nello studio, ha affermato.

Troxell ha aggiunto che i risultati dello studio sono “estremamente importanti” perché la depressione maggiore è così comune tra gli anziani ed “è associata ad un aumentato rischio di declino cognitivo, disabilità, suicidio e mortalità per tutte le cause”.

Gli adulti nello studio clinico randomizzato che hanno ricevuto la terapia cognitivo comportamentale per la loro insonnia avevano il doppio delle probabilità di sviluppare la depressione, ha detto Irwin, aggiungendo che se il recupero dall’insonnia fosse continuato per tre anni, “c’era una riduzione dell’83% della probabilità di sviluppare insonnia e depressione.”

“Ecco perché questo studio è importante”, ha detto Irwin. “Abbiamo dimostrato che possiamo effettivamente prendere di mira l’insonnia con la terapia cognitivo comportamentale e prevenire il verificarsi della depressione”.

L’intervento del terapeuta è stata la chiave

Lo studio, pubblicato mercoledì sulla rivista JAMA Psychiatry, ha diviso casualmente gli adulti di età superiore ai 60 anni con insonnia ma senza depressione in due gruppi. Ogni settimana e per due mesi, il gruppo di controllo ha ricevuto otto settimane di educazione al sonno di base, che ha insegnato l’igiene del sonno, le caratteristiche del sonno sano, la biologia del sonno e come lo stress può influenzare il sonno. Ma Irwin ha detto che non c’era formazione individuale: “Hanno dovuto prendere quelle informazioni e capire come usarle senza il nostro aiuto”.

L’altro gruppo ha ricevuto una forma di allenamento comportamentale del sonno chiamato CBT-1, eseguito di persona in un gruppo da terapisti qualificati per otto settimane.

READ  Un buco nero supermassiccio ha proiettato un bagliore lontano da noi, ma la sua intensa gravità ha reindirizzato l'esplosione nella nostra direzione

“Il vantaggio di questo approccio terapeutico è che utilizza la terapia comportamentale più basata sull’evidenza, la terapia cognitivo comportamentale per l’insonnia, che ha dimostrato di essere efficace, di lunga durata e (ha) meno effetti collaterali rispetto ai farmaci per il sonno – che possono essere particolarmente problematico negli anziani. età”, ha detto Troxell.

La terapia cognitivo comportamentale-I ha cinque componenti: controllo dello stimolo, restrizione del sonno, igiene del sonno, rilassamento e terapia cognitivo comportamentale. L’igiene del sonno e il rilassamento includono buone abitudini del sonno: andare a letto e alzarsi alla stessa ora ogni giorno, eliminare la luce blu e il rumore, fare una doccia calda o praticare yoga per rilassarsi e mantenere la camera da letto fresca e libera da dispositivi elettronici.

Il controllo degli stimoli, ha detto Irwin, include “far alzare le persone dal letto quando non sono in grado di dormire”. Ha spiegato che la maggior parte delle persone rimane a letto, per paura di non dormire, il che trasforma il letto in uno spazio negativo. Invece, alle persone viene insegnato ad alzarsi dopo 10 minuti di girarsi e girarsi, a fare attività tranquille e non stimolanti e “a non tornare a letto finché non si sentono assonnati”.

La restrizione del sonno implica la limitazione del tempo trascorso a letto alla sola quantità di tempo in cui una persona dorme, più 30 minuti. È un altro modo per far svegliare le persone che soffrono di insonnia invece di restare svegli a letto.

Dormire con il tuo animale domestico?  Come potrebbe influenzare te (e il tuo animale domestico)

Irwin ha affermato che la terapia cognitiva interrompe “pensieri e credenze disfunzionali sul sonno”, come “Non riesco mai a dormire” o “Potrei morire se non dormo stanotte”. Il terapeuta lavora con la persona per contrastare tale pensiero irrazionale, sollevandola dal ritorno a una mentalità più realistica che le permetta di rilassarsi e vedere il letto come un luogo accogliente.

READ  La dieta del diabete: quattro dei peggiori frutti per i sintomi di glicemia alta - Sei a rischio?

“Penso davvero che anche l’impostazione di gruppo sia molto importante, perché ascoltare le difficoltà degli altri e come vengono risolte può spesso aiutarti a dirti qualcosa con cui potresti avere a che fare”, ha detto Erwin.

la fine alla fine

Alla fine di due mesi, il trattamento si è concluso senza ulteriori interventi. Tuttavia, lo studio ha poi seguito 291 persone per tre anni, controllandole ogni mese per chiedere informazioni sui sintomi della depressione.

Migliori sveglie del 2021 (CNN sottolineato)

Il gruppo che ha ricevuto la formazione CBT con l’aiuto di un allenatore del sonno ha spesso mantenuto la formazione nella loro vita, ha detto Irwin, con buoni risultati: “Circa un terzo dei soggetti era ancora libero dall’insonnia alla fine dello studio triennale .”

Il gruppo di educazione al sonno ha mostrato “effetti modesti nel miglioramento e nel trattamento dell’insonnia ma (I miglioramenti) non erano permanenti. “Non sono durati”, ha detto Erwin.

“Questo è il motivo per cui CBT-first è così efficace di persona, perché il terapeuta aiuta questo individuo a navigare e negoziare con se stesso – e può essere davvero un lavoro duro”, ha aggiunto Irwin. “Penso che sia anche il motivo per cui le app o gli strumenti online CBT-I non funzionano molto spesso: le persone si sentono frustrate, frustrate o arrabbiate con se stesse e sostanzialmente smettono di funzionare”.

I risultati dello studio mostrano un “modo completamente nuovo e innovativo” per affrontare il crescente problema della depressione, scrivono Pim Kuijpers, professore di psicologia clinica alla Vrije University, Amsterdam, e il dottor Charles Reynolds, professore di psichiatria geriatrica presso l’Università della Pennsylvania Medical Center, in un editoriale pubblicato insieme allo studio.

READ  I casi di coronavirus nel Michigan raggiungono gli 819.320; Il bilancio delle vittime è ora arrivato a 17.289

“Lo stigma associato alla depressione maggiore come disturbo mentale è uno dei motivi principali per non cercare un trattamento”, hanno scritto Kuijpers e Reynolds, che non sono stati coinvolti nello studio.

“Questa importante scoperta presenta nuove entusiasmanti opportunità nella prevenzione e apre una nuova strada per la ricerca sugli interventi preventivi indiretti per evitare lo stigma dei disturbi mentali”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La Ferrari F355 Spider del 1998 Giallo Modena è un sogno recintato per l’autunno e la primavera
Next Post Come guardare i Beatles: ottenere un documentario online