Lo studio ha rilevato che più della metà dei primi pazienti Covid-19 in un ospedale ha sviluppato sintomi due anni dopo

lo studio, pubblicato mercoledì su The Lancet, ha rilevato che il 55% dei pazienti aveva ancora almeno un sintomo di Covid-19 due anni dopo. Questo era in realtà un miglioramento rispetto a sei mesi dopo l’infezione, quando il 68% aveva sintomi.

I ricercatori del China-Japan Friendship Hospital hanno esaminato i registri di 1.192 persone che sono state ricoverate al Jin Yin Tan Hospital di Wuhan, in Cina, e dimesse tra il 7 gennaio e il 29 maggio 2020.

I ricercatori hanno esaminato i pazienti a sei mesi, 12 mesi e due anni dopo la dimissione dei pazienti e Chiedi la loro valutazione personale dei sintomi. I partecipanti sono stati anche valutati utilizzando test medici più obiettivi, inclusi test di funzionalità polmonare, scansioni di tomografia computerizzata e test del cammino di sei minuti.

In generale, la salute dei partecipanti è peggiorata dopo due anni. Coloro che hanno manifestato sintomi persistenti di Covid-19 hanno riportato dolore, affaticamento, problemi di sonno e problemi di salute mentale. I pazienti che hanno un livello più elevato di supporto respiratorio mentre sono in ospedale hanno più problemi polmonari rispetto ad altri a lungo termine.

Anche i partecipanti con sintomi cronici sono andati dal medico più spesso di quanto non facessero prima della pandemia. Avevano più difficoltà nell’esercizio e generalmente riferivano una qualità di vita peggiore. La maggior parte è tornata al lavoro, ma non è chiaro se stiano lavorando allo stesso livello di prima della malattia.

Il dottor Ben Kao, coautore dello studio del China-Japan Friendship Hospital, spera che la ricerca incoraggi i medici a porre domande di follow-up ai loro pazienti con Covid-19, anche anni dopo l’infezione iniziale.

“C’è una chiara necessità di fornire supporto continuo alla percentuale significativa di persone che hanno contratto il Covid-19 e di capire come i vaccini, i nuovi trattamenti e le varianti influenzano i risultati sanitari a lungo termine”, ha affermato Kao in un comunicato stampa.

READ  Il telescopio spaziale Webb della NASA rende la correzione a metà rotta un fattore critico

Esamina alcune limitazioni. I ricercatori non hanno confrontato i risultati con le persone ricoverate in ospedale per cause diverse da Covid per vedere se presentavano anche sintomi a lungo termine. Hanno confrontato il gruppo ricoverato in ospedale con membri della comunità che non avevano il Covid-19; Anche quel gruppo ha avuto problemi di salute un anno dopo, ma ciò si è verificato in circa la metà delle persone nel gruppo ospedaliero.

Un’altra limitazione era che la ricerca coinvolgeva un ospedale, quindi i risultati potrebbero non essere generici per tutti i pazienti Covid-19 in ospedale. All’inizio della pandemia, i pazienti erano generalmente tenuti in ospedale più a lungo di quanto non lo siano ora e questo può avere un impatto sulla durata dei sintomi. Poiché la ricerca è stata condotta all’inizio della pandemia, non è chiaro se ci sarebbero risultati simili nelle persone che avevano varianti successive del coronavirus o in quelle che erano state vaccinate.

Il Covid-19 a lungo potrebbe rimanere una condizione cronica per milioni di persone
Dott. Divang Sanjavi, Uno specialista in terapia intensiva che conduce ricerche a lungo termine sul Covid e lavora con pazienti affetti da Covid a lungo termine presso la Mayo Clinic di Jacksonville, in Florida, spera che i futuri studi sul Covid a lungo termine includano lo stato di vaccinazione.

“L’unica cosa che so di poter somministrare in sicurezza ai pazienti Covid per molto tempo è la vaccinazione”, ha detto Sanjavi, che non è stato coinvolto nello studio. “Quando confrontiamo i pazienti non vaccinati con i pazienti vaccinati e vediamo un’insorgenza sintomatica di Covid lungo, i pazienti vaccinati hanno sintomi meno gravi e sono meno comuni con Covid prolungato”.

Come gli autori, Sanghavi spera che lo studio aiuti i responsabili politici a capire quanto sia importante finanziare la ricerca sul Covid a lungo termine e costruire infrastrutture per accogliere meglio i pazienti a lungo termine. Potrebbero esserci milioni di persone con virus covid lungo, Gli studi indicano.

“In questo momento, sembra che questi pazienti a volte siano un ripensamento”, ha detto Sanjavi.

Per quanto tempo le preoccupazioni legate al Covid intensificheranno i progressi in altre malattie croniche

“Lo studio indica quante persone avranno bisogno di aiuto. Non so se hai provato a ottenere un appuntamento per una visita di assistenza primaria, ma probabilmente ci vorranno settimane o addirittura mesi in molti luoghi. E questo è solo per un controllo del benessere – dimentica la lunga cosa del Covid. È molto più lungo”, ha detto.

READ  Gli studi affermano che l'infezione da Covid-19 è collegata a un aumento del rischio di nuova diagnosi di diabete

Sanjavi ha affermato che anche più medici dovranno essere formati su come aiutare le persone con Covid-19 prolungato. “Il nostro sistema sanitario non è preparato per il tipo di flusso di pazienti che questa condizione porterà”,

Dott.ssa Kristen Erlandsson, assistente professore di medicina e specialista in malattie infettive presso l’Università del Colorado, sta facendo la sua parte reclutando partecipanti per studiare l’impatto a lungo termine del Covid-19. L’iniziativa fa parte del National Institutes of Health Prova di recupero.

Erlandson ha detto che così tante persone volevano saperne di più su Long Covid che i suoi colleghi non dovevano nemmeno pubblicizzare l’esperienza; C’è una lista d’attesa per entrare.

La nuova ricerca è in linea con ciò che i dipendenti vedono in queste cliniche a lungo termine.

L'amministrazione Biden sta adottando nuove misure per prevenire, rilevare e curare la malattia di lunga data da Covid-19

“Questo è simile a quello che sentiamo dire dai pazienti negli Stati Uniti, hanno ancora sintomi due anni dopo, specialmente in quel primo gruppo di pazienti nell’epidemia. L’abbiamo sentito aneddoticamente, quindi è sempre bello vedere le cose pubblicate, ” ha detto Erlandson, che non ha partecipato allo studio. Anche i pazienti nella sua clinica hanno sintomi simili, i più comuni sono difficoltà di sonno e affaticamento.

Ha sottolineato che le persone non devono essere ricoverate in ospedale con Covid-19 fino a quando non sviluppano sintomi cronici e spera che la ricerca futura determinerà per quanto tempo soffriranno le persone che non sono state curate in ospedale.

Erlandson ha anche notato che alcuni partecipanti allo studio sono migliorati dopo 12 mesi, per poi peggiorare dopo due anni.

“Penso che questi lunghi studi siano interessanti per vedere che non si tratta di un miglioramento incrementale”, ha detto. “Le persone fluttuano in termini di miglioramenti”.

READ  Nuove tute spaziali, test familiare: la NASA è tornata nel monossido di carbonio per prepararsi all'esplorazione di Marte, di nuovo sulla luna

Erlandson ha detto che sarebbe curiosa di sapere se i partecipanti fossero migliorati dopo quei due anni o se il Covid-19 si sarebbe trasformato in una condizione cronica. I medici possono trattare alcuni sintomi, ma non esiste un trattamento specifico per il COVID-19 a lungo termine.

“A meno che non abbiano un qualche tipo di trattamento, sono preoccupata che avrà un impatto a lungo termine sulla disabilità e sulla funzionalità di alcuni pazienti”, ha detto.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post L’Inter ha battuto la Juventus per vincere il titolo dopo il dramma dei calci di rigore in ritardo – Notizie sportive, First Post
Next Post Survivor Stagione 42 Episodio 11: Riepilogo Battle Royale