Lo studio apre un nuovo approccio all’integrazione della risonanza magnetica negli studi clinici pancreatici multisito

I ricercatori del Vanderbilt Diabetes Research and Training Center (DRTC) presso il Vanderbilt University Medical Center hanno condotto uno studio multi-sito che ha dimostrato che, se controllata e standardizzata, la risonanza magnetica quantitativa (MRI) del pancreas è altamente riproducibile quando diversi dispositivi e software MRI sono utilizzati in siti diversi, in diverse aree geografiche.

Questa scoperta apre un nuovo approccio all’integrazione della risonanza magnetica negli studi clinici multi-sito relativi al diabete e ad altre malattie che colpiscono il pancreas. L’aggiunta dell’uso della risonanza magnetica seguendo un protocollo rigoroso al kit di strumenti di indagine per studi ampi e multi-sito dovrebbe migliorare la diagnosi e il trattamento delle malattie che colpiscono il pancreas, nonché monitorare e comprendere meglio la progressione della malattia.

Lo studio Multicenter Assessment of the Pancreas in Type 1 Diabetes (MAP-T1D), coordinato al VUMC, è un prodotto collaborativo di un team di ricerca internazionale che utilizza la risonanza magnetica per esaminare il pancreas in individui con diabete di tipo 1. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista ad accesso aperto PIÙ UNO.

“La risonanza magnetica ha un valore inestimabile per la diagnosi e il monitoraggio di molti disturbi pancreatici tra cui pancreatite cronica e acuta, malattia pancreatica grassa non alcolica e cancro del pancreas”, ha affermato il ricercatore del sito VUMC Daniel Moore, PhD, assistente professore di pediatria, patologia, microbiologia e immunologia. “. Inoltre, in studi recenti, la risonanza magnetica è stata utilizzata per comprendere meglio lo sviluppo del diabete di tipo 1 e di tipo 2, come evidenziato dai cambiamenti nelle dimensioni del pancreas.

“Sappiamo che la risonanza magnetica può avere importanti applicazioni nella futura ricerca sul diabete e nell’eventuale gestione clinica della malattia, quindi il nostro sviluppo, test e quindi la condivisione di un protocollo di imaging MRI pancreatico standardizzato è un passo fondamentale per far progredire questo campo”.

READ  Amazon Alexa fornisce informazioni sui centri di test e sui vaccini COVID-19 agli utenti in India

Una delle principali limitazioni nell’uso della risonanza magnetica per studiare il pancreas è stata l’incapacità di eseguire studi accurati e multi-sito del pancreas utilizzando la risonanza magnetica a causa dell’ampio contrasto nelle immagini prodotte dai diversi hardware e software per la risonanza magnetica. Inoltre, mentre la risonanza magnetica del cervello e dei tumori solidi ha beneficiato della standardizzazione multi-sito, il pancreas è difficile da visualizzare a causa della sua posizione profonda nell’addome, dei suoi bordi irregolari e del potenziale per tracce o caratteristiche osservate sull’imaging che non sono effettivamente presente nel corpo.

Per lo studio, “Phantom”, un oggetto accuratamente calibrato e scansionato per valutare le prestazioni del dispositivo di imaging, è stato ripreso in cinque siti clinici utilizzando hardware e software MRI diversi al fine di sviluppare un protocollo MRI standardizzato.

Quindi, cinque volontari sani sono stati sottoposti a risonanza magnetica in quattro dei siti di studio: Austin, Texas; Chicago; Denver. e Nashville, TN – dove sono state utilizzate diverse apparecchiature per la risonanza magnetica seguendo il protocollo. Sono state effettuate misurazioni per le dimensioni, la forma e altri precisi fattori quantitativi del pancreas comunemente utilizzati per la diagnosi e la progressione della malattia.

John Ferrostko, ricercatore MAP-T1D e professore associato di medicina diagnostica presso la Dell Medical School dell’Università del Texas ad Austin, ha progettato i fantasmi e ha coordinato l’elaborazione e l’analisi delle immagini MRI. Frostko ha precedentemente lavorato presso l’Institute of Imaging Sciences della Vanderbilt University, dove ha iniziato gli studi di risonanza magnetica del pancreas nel diabete di tipo 1 e ha iniziato questa collaborazione con Moore.

L’uso dell’elaborazione delle immagini standardizzata ha portato a misurazioni ripetibili con coefficienti di contrasto inferiori al 10%. Non c’era alcuna differenza statisticamente significativa in nessuna misurazione tra le macchine per la risonanza magnetica o tra qualsiasi coppia di scanner.

READ  I benchmark delle app Android di Windows 11 lasciano più domande che risposte

“Siamo stati in grado di dimostrare che utilizzando un protocollo standard per l’acquisizione e l’elaborazione delle immagini MRI, la risonanza magnetica quantitativa del pancreas eseguita in più siti può essere riprodotta in modo molto accurato”, ha affermato Frostko. “Per questo motivo, gli scienziati di tutto il mondo possono seguire lo stesso protocollo per incorporare la risonanza magnetica in studi clinici multi-sito che confrontano le procedure di imaging pancreatico con lo stato metabolico in individui con diabete di tipo 1 o di tipo 2”, ha affermato.

“Questo ha implicazioni positive per gli scienziati che studiano altre malattie che colpiscono il pancreas e stiamo condividendo questo protocollo a livello globale per supportare la ricerca futura”, ha affermato Moore. “Speriamo che gli scienziati che applicano l’imaging al pancreas adottino un protocollo standardizzato che alla fine consentirà a tutti di combinare i dati di diversi studi e quindi accelerare i progressi”.

L’adozione di un protocollo standard consentirà inoltre l’applicazione della radiologia, un approccio quantitativo e ad alto rendimento all’imaging. Frostko ha affermato che il passaggio a un approccio obiettivo supporterà l’applicazione di nuovi metodi analitici avanzati e consentirà un’analisi più accurata di questi dati senza fare affidamento principalmente sull’ispezione visiva delle scansioni MRI del pancreas, come è avvenuto finora per la maggior parte dei dati clinici. .

VUMC è il centro clinico per TrialNet sul diabete di tipo 1, una rete internazionale di istituzioni accademiche, endocrinologi, medici, scienziati e team sanitari all’avanguardia nella ricerca sul diabete di tipo 1. Attraverso TrialNet, gli individui vengono sottoposti a screening per autoanticorpi o proteine ​​​​specifici prodotti dal dispositivo Sistema immunitario associato al diabete di tipo 1. Le persone con due o più autoanticorpi sono ora note per avere il diabete di tipo 1, ma non è noto quando possono sviluppare glicemia alta persistente e diabete.Nuovo asintomatico (stadio 3).

READ  C'è qualcosa di strano nel processore Pixel 6 di Google

Il team di ricerca prevede di indagare in seguito se la dimensione del pancreas, documentata seguendo un protocollo di risonanza magnetica, gioca un ruolo nel tasso di progressione del diabete di tipo 1. Poiché ogni centro clinico ha relativamente poche persone nelle prime fasi del diabete di tipo 1, l’utilizzo di un approccio MRI aiuterà il team a integrare i dati provenienti da tutto il mondo.

Fonte:

Riferimento alla rivista:

Ferrostko, c. et al. (2021) Sviluppo di un protocollo MRI standardizzato per la valutazione del pancreas nell’uomo. Uno più. doi.org/10.1371/journal.pone.0256029.

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Attacco di droni Usa sull’Isis nel Khorasan dopo gli attentati all’aeroporto di Kabul. 10 cose da sapere
Next Post “Luna Park”: gli ultimi aggiornamenti sulla serie tv italiana