Lo studio afferma che il cancro del colon in stadio distante si manifesta maggiormente nei giovani adulti

I giovani adulti possono avere il rischio più alto di presentarsi con uno stadio a distanza cancro colorettale, secondo i ricercatori. UN stadio distante il cancro è quello che si è diffuso al di là di organi o tessuti adiacenti.

Cancro colorettale, a volte chiamato cancro del colon, si verifica quando le cellule del colon o del retto crescono senza controllo.

In uno studio Pubblicati questa settimana su una rivista dall’Associazione americana per la ricerca sul cancro, gli autori hanno analizzato i dati di incidenza annuale nel registro statunitense SEER 18 del cancro degli anni 2000-2016, inclusi 103.975 pazienti con adenocarcinoma colorettale.

INIZIARE LO SCREENING PER IL CANCRO DEL COLORETTO ALL’ETÀ 45, CONSIGLIA IL PANNELLO

L’adenocarcinoma è un tipo di cancro che può verificarsi quasi ovunque nel corpo, a partire dalle ghiandole che rivestono l’interno degli organi, secondo i Cancer Treatment Centers of America.

Hanno diviso i dati per malattia stadio, sede secondaria, età del paziente e razza prima di calcolare la variazione del tasso di incidenza e la variazione proporzioni lontane – o la percentuale di malattia in stadio a distanza su tutti gli stadi del cancro messi insieme – tra il 2000 e il 2016 per vari gruppi di età.

Questi gruppi di età includono adulti di età compresa tra 20 e 29, 30–39, 40–49 e 50–54.

I ricercatori hanno scoperto che nel confronto tra il 2000-2002 e il 2014-2016, gli aumenti percentuali più elevati si registrano nei tumori in stadio distante. L’aumento percentuale più elevato si è verificato per gli adenocarcinomi colorettali in stadio distante ed è stato più pronunciato per i gruppi di età più giovani.

READ  La "strana bestia" in ambra è una lucertola molto strana

L’adenocarcinoma a distanza del solo colon è aumentato maggiormente nelle persone di età compresa tra 30 e 39 anni, con un aumento del 49% tra il 200 e il 2016.

Per l’adenocarcinoma solo rettale, gli aumenti in stadio a distanza sono stati più marcati nei soggetti di età compresa tra 20 e 29 anni, con un aumento del 133%, seguito da un aumento del 97% negli individui di età compresa tra 30 e 39 anni e un aumento del 48% nei soggetti di età compresa tra 40 e 49 anni -vecchi.

Inoltre, in questi sottogruppi sono state osservate diminuzioni corrispondenti nell’incidenza della malattia allo stadio iniziale.

Il gruppo ha anche scoperto che i pazienti di età compresa tra 20 e 29 anni avevano una probabilità del 29% di presentare una malattia a distanza, rispetto al 20% di probabilità di età compresa tra 50 e 54 anni.

DONNA SCONVOLTA DALLA DIAGNOSI DEL CANCRO DEL COLORETTO DOPO CHE GLI SCREENING SONO STATI RITARDATI DURANTE LA PANDEMIA

Le proporzioni di adenocarcinoma colorettale in stadio distante sono aumentate tra i giovani pazienti tra il 2000-2002 e il 2014-2016, con i maggiori aumenti osservati tra i 20-29 anni e i 30-39 anni per la sola malattia del retto.

Quando analizzato per razza, il più grande aumento delle proporzioni di adenocarcinoma rettale in stadio distante dal periodo 2000-2002 al 2014-2016 si è verificato tra individui neri non ispanici di 20-29 anni, individui ispanici di 20-29 anni e individui neri non ispanici di 30-39 anni.

In confronto, per l’adenocarcinoma del colon, la proporzione in stadio distante è aumentata maggiormente tra gli individui neri non ispanici di età compresa tra 20 e 29 anni.

READ  Gli scienziati CWRU stanno lavorando con Duke e Rutgers per prendere un obiettivo antivirale in COVID

“I pazienti più giovani mostrano i maggiori carichi di adenocarcinoma colorettale a distanza. Sebbene colpiscano tutte le razze, i carichi sono maggiori nei sottogruppi non ispanici neri e ispanici, sebbene il conteggio dei casi rimanga relativamente basso”, si legge nello studio.

Una limitazione dello studio era l’uso di dati basati sulla popolazione del registro nazionale, che non includevano informazioni sulla storia familiare o sui sintomi dei pazienti.

L’autore Jordan Karlitz, capo della divisione gastrointestinale presso il Denver Health Medical Center e professore associato presso la University of Colorado School of Medicine, detto in un comunicato che la comprensione delle tendenze e dei dati demografici dei tassi potrebbe aiutare a migliorare lo screening e la diagnosi precoce, nonché aiutare a indirizzare le misure preventive a coloro che presentano il rischio più elevato.

I risultati, ha osservato, sottolineano l’importanza di ottimizzare la diagnosi precoce e lo screening e Karlitz ha affermato di sperare che lo studio possa motivare le persone a sottoporsi allo screening all’età di 45 anni.

“Tuttavia, molti pazienti di età inferiore ai 45 anni non saranno idonei per lo screening a rischio medio, quindi è imperativo stratificare i giovani per i test precoci in base ai sintomi e alla storia familiare”, ha aggiunto.

CLICCA QUI PER AVERE LE NOTIZIE FOX

Karlitz ha affermato che un’ulteriore attenzione dovrebbe essere posta su “sottogruppi razziali che hanno una maggiore tendenza a presentarsi con malattie in stadio distante, comprese le più giovani popolazioni nere e ispaniche non ispaniche, per invertire queste tendenze”.

L’autore ha affermato che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere i fattori di rischio.

Il CDC mostra, nel 2018, 52.163 persone sono morte di cancro al colon e al retto, con 141.074 nuovi casi segnalati.

READ  Una donna sieropositiva è stata infettata da MERS per 216 giorni. Il virus è mutato almeno 30 volte al suo interno.

Per ogni 100.000 persone, sono stati segnalati 37 nuovi casi di cancro del colon e del retto e 13 persone sono morte a causa di questo cancro.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Dusan Vlahovic: la Juventus completa la firma dell’attaccante dalla Fiorentina da 66,6 milioni di sterline | Notizie di calcio
Next Post Paris e Kathy Hilton vengono soffocate per l’abuso in collegio durante lo spettacolo di Drew Barrymore